Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Sul soffitto - Éric Chevillard,Gianmaria Finardi - ebook

Sul soffitto

Éric Chevillard

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Gianmaria Finardi
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 570,92 KB
Pagine della versione a stampa: 144 p.
  • EAN: 9788861101586
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un uomo ordinario, abiti grigi, altezza media, tratti comuni. Ma il mondo non è fatto a sua misura, la sua vita è complicata da una strana caratteristica: gira sempre con una sedia rovesciata sulla testa. Deve quindi chinarsi per passare attraverso qualsiasi porta, può guidare soltanto una cabriolet e deve per forza indossare abiti abbottonati sul davanti. Nulla, ma proprio nulla - si lamenta - è stato progettato per rendergli la vita più confortevole. Per avere un mondo a sua misura, c'è una soluzione: trasferirsi sul soffitto. E sul soffitto trascinare gradualmente chi gli è caro e chi si colloca, come lui, in un diverso ordine di percezione della realtà. Per esempio Kolski, che vuole realizzare una scultura fatta del suo stesso odore corporeo, o la signora Stempf, che si rifiuta di dare alla luce i propri figli, perché immagina il parto come uno sfratto forzato per mano di rudi insensibili. Costretti ad allontanarsi dal loro rifugio di fortuna, in un quartiere abbandonato di Parigi, e dopo essersi trasferiti a casa di Méline, che vive ancora con la sua famiglia "convenzionale", si renderanno presto conto che la camera da letto della ragazza è troppo piccola per accogliere tutti. Così, i nuovi arrivati decidono di spostarsi sul soffitto. Lì c'è più spazio. Ma anche il soffitto comincia ad assomigliare dopo un po' al mondo a rovescio; sembra afflitto dalla medesima e fastidiosa convenzionalità...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,67
di 5
Totale 3
5
2
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Michelangelo

    19/08/2018 20:11:07

    ho ritrovato nell'originale scrittura di quest'autore la sognante prosa dell'italo Calvino della trilogia degli antenati, una meravigliosa fiaba moderna che indaga l'identità umana con la surreale storia di un uomo che ha trovato la sua maschera sociale in una sedia portata per cappello. Tutti i personaggi si rivelano come meravigliosi simboli di personaggi che inseguendo fino in fondo il loro ruolo divengono figure al margine di una società fatta di borghesi compromessi : artisti, lavoratori, madri, indecisi, paralitici , accompagnatori e in ultimo , un uomo che fa i conti con la sua bizzarria , col suo desiderio di rinnovare e migliorare la società che gira ,per suo intimo senso di normalità che successivamente assumerà il senso di una rivolta (contro una società seduta e sedata, una soceità che lo fissa con occhi da pubblico insaziato e statico) con una sedia rovesciata sulla testa. Un libro che consiglio caldamente

  • User Icon

    gilda

    16/05/2018 09:46:40

    Ho iniziato a leggere Sul soffitto con grande scetticismo, complici alcune recensioni e persino la sinossi proposta da Ibs. E forse proprio per questo mi ha così stupita. L'ho trovato un gran libro, che nel mio personale catalogo mentale trova posto accanto a Flatlandia per il modo che ha di mettere in scena un punto di vista sul mondo. Un punto di vista impazzito, che nulla ha a che vedere con le categorie geometriche proprie di Flatlandia, ma estremamente contemporaneo. Un punto di vista che, come accade nella realtà, è quasi incondivisibile se non con pochissimi, e comunque non a pieno; che cerca di affermare se stesso, dapprima timidamente e poi con un certo orgoglio ma sempre tentennando, nel dubbio costante di stare sbagliando, di stare scegliendo la via più facile, quella dell'esibizionismo, o la più inutilmente complicata. Io l'ho trovata una riflessione importante su di sé e sulla ricerca di definire la propria individualità, una riflessione che trova la forma dell'allegoria ma che ho sentito estremamente reale e vicina. Notevole anche l'uso della punteggiatura, che nelle note del traduttore viene definita "infedele" e che così – come ovviamente la conseguente struttura della frase – contribuisce a dare spessore al racconto e a rendere il senso di questa riflessione anche nella sua forma. Non lo consiglierei a chi cerca una storia raccontata con tutti i crismi, ma a chi cerca di barcamenarsi nella propria, di storia, sì

  • User Icon

    nihil

    09/04/2016 14:45:48

    L'idea era buona e mi aveva convinto ad acquistare il libro, ma la esagerata originalità impedisce di andare a capire le intenzioni dell'autore. Stile confuso e trama decisamente scollegata da un senso leggibile.

  • Éric Chevillard Cover

    (La Roche-sur-Yon, Vandea, 1964) scrittore francese. Con le sue rivisitazioni fortemente attualizzate della grande tradizione romanzesca europea, da Cervantes a Diderot, da Kafka ad Arno Schmidt, in un libero e creativo attraversamento delle tematiche dell’assurdo e dell’identità polimorfa, ha esordito negli anni ’90 con romanzi giocati sulla sistematica deformazione ironica degli stereotipi letterari e culturali (Palafox, 1990, nt; Preistoria, Préhistoire, 1994, nt; L’opera postuma di Thomas Pilaster, L’oeuvre postume de Thomas Pilaster, 1999, nt), accentuando nelle ultime opere (Orecchio rosso, Oreille rouge, 2005, nt; Demolire Nisard, Démolir Nisard, 2006, nt) l’assoluta libertà del suo personalissimo viaggio alla ricerca delle inesauribili potenzialità della letteratura. Approfondisci
Note legali