Sull'amore sulla morte

Patrick Süskind

Traduttore: G. Agabio
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 5 marzo 2009
Pagine: 72 p., Brossura
  • EAN: 9788850218158
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 5,10

€ 6,00

Risparmi € 0,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giulia

    08/12/2014 11:27:46

    Originalità poca ma fa conoscere una parte di Platone e di Orfeo. La resurrezione di Lazzaro descritta con parole povere ma comprensibili per quanto riguarda l'episodio evangelico. Come sempre Suskind lascia segni arguti con il suo modo di scrivere.

  • User Icon

    Benedetta

    18/03/2009 22:17:58

    Di originale c'è poco: la prima parte parafrasa Platone, la seconda ripercorre il mito di Orfeo con addentellati significativi all'episodio evangelico della resurrezione di Lazzaro. Il tono impertinente e arguto di Suskind è però irresistibile!

  • User Icon

    Giulio Rutigliano

    23/04/2008 16:02:27

    Delizioso pamphlet che dà vita ad una sorta di considerazione a voce alta (pardon, scritta) su una tematica che può essere trattata solo con stile e ironia. L'accostamento tra Gesù di Nazareth ed Orfeo sembra irriverente o, addirittura slasfemo, ma serve ad aprire gli occhi sui persuasori occulti o palesi che siano, Quando parla della resurrezione di Lazzaro il paragone con un recente slogan "Rialzati Italia" diventa quasi un presagio di un copione recentemente vissuto (che i massmediologi non si siano ispirati a questa operina?). Gradevolissimo da leggere: scrittura sobria, veloce, accattivante. E' trattato male il povero Heinrich von Kleist che, povero lui, era un disturbato mentale (oggi lo definiremmo "bipolare") che non poteva, stando alla sua patologia, evitare l'omicidio-suicidio nel più puro stile romantico (natura, amore e morte).

Scrivi una recensione