Categorie

Sara Rattaro

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 157 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811688150

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MB

    17/09/2016 18.07.42

    La psicologia è fine, al pari dell'intreccio. Un groviglio di esistenze scrupolosamente annodato penetra gli avvenimenti con la sensibilità amplificata dall'incredulità. Non capire quello che ti succede, non avere la forza di abbracciare eventi tanto più grandi di te produce un'energia visionaria, in grado di trasformare i singoli fatti in un formicolante spettacolo di dettagli emozionali. La scrittura di Sara Rattaro è multicentrica, fitta ed intensa, mai asservita alle semplici esigenze della coerenza narrativa e alla banale esigenza di modulare la tensione in vista di un finale ad effetto. Di fronte alle sue pagine sparse, strappate ora all'una ora all'altra prospettiva della coscienza, abbiamo la sensazione di perderci, con il capogiro provocato dallo sguardo caleidoscopico che attraversa uno spioncino. Siamo anche noi, in qualche senso, seduti sulla sedia sbagliata, alle prese con le derive altrui, con tante, diverse incapacità di comprendere che non ci appartengono, e che, ciò malgrado, fanno di tutto per aggrapparsi al nostro pensiero, come per chiedere il nostro aiuto. Il viaggio è vertiginoso e barcollante, eppure lucidissimo e tenace, nel suo inseguire le tracce delle flebili intuizioni di una possibile via d'uscita. Nel frattempo l'anima dolente impugna saldamente il ricordo come strumento di interpretazione del presente. E coltiva l'angoscia come chiave d'accesso alla verità.

  • User Icon

    Lauretta71

    02/09/2016 19.50.05

    Profondamente angosciante, di difficile lettura, pur essendo una madre e comprendendo appieno ciò che la Rattaro ci mostra dei sentimenti dei protagonisti, non lo considero la sua opera migliore. Pagine e pagine di pura sofferenza, di abissi dell'anima.

  • User Icon

    lauretta

    28/08/2016 01.04.01

    I romanzi della Rattaro sono piccoli gioielli, fatta eccezione per pochi casi. Ma questo l'ho trovato angosciante, difficile da portare a termine la lettura. Sono una madre. Forse il motivo è quello...non saprei.

  • User Icon

    michela

    01/10/2015 10.45.21

    Concordo con le tue opinioni. Ho iniziato a leggere il libro pensando fosse una "brutta copia" di un libro della Picoult 19 Minuti che io amo molto. E' simile ma questo libro trasmette dei sentimenti delle emozioni e della sofferenza che lei ha dedicato alle MAMME ma che secondo me non si limitano a questo ruolo. molto molto bello raffinato nella scrittura e nel senso che da a ogni frase. Purtroppo i figli non sono nostri.... li mettiamo al mondo ma sono SUOI.... e nelle situazioni cosi drammatiche e vere è l'unica risposta che ci possiamo dare per non morire dentro. ottimo libro

  • User Icon

    LoLi

    28/06/2015 18.39.28

    Anche se l'autrice è una mia cara amica e conosco la sua scrittura che sempre mi magnetizza, mi sono avvicinata a questo romanzo con pregiudizio: perché ne conoscevo la trama e perché sapevo che era il suo primo libro. Be', SULLA SEDIA SBAGLIATA (ex Morellini - oggi Garzanti) di Sara Rattaro assolutamente non è un romanzo di esordio; semmai è il primo romanzo di un'autrice che fin dall'inizio ha saputo scrivere con una sapienza istintiva, con una profonda osservazione della realtà, con un'abilissima e lucidissima interpretazione dei fatti di cronaca, con una forza narrativa tutta sua: io - mamma di un figlio giovinetto, per dirla col poeta, e donna con tanta vita dentro - non saprei nemmeno iniziarlo. Personalmente mi ha lasciata senza fiato.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione