Sulle fiumane della Grand Central Station mi sono seduta e ho pianto - Elizabeth Smart - copertina

Sulle fiumane della Grand Central Station mi sono seduta e ho pianto

Elizabeth Smart

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: J. Rodolfo Wilcock
Editore: SE
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 16 febbraio 2001
Pagine: 152 p., Brossura
  • EAN: 9788877104946
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 10,00

Venduto e spedito da Libreria Anarres

Solo una copia disponibile

+ 5,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una struggente storia d'amore tra i fuochi lontani della guerra. Un uomo sposato si innamora di una giovane donna e fugge con lei. Vengono arrestati e la donna, incinta, subisce il feroce attacco del mondo benpensante. Costruito come un solo, singolo grido di estasi erotica che, senza cambiare di volume o di intensità, diviene grido di agonia, il romanzo della Smart vuole illuminare l'animo femminile.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 4
5
2
4
0
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    daniela

    12/11/2011 02:52:28

    mi sono laureata in lingue svolgendo una tesi sulla smart, in particolare su questo suo capolavoro, considerato un gioiello di prosa-poetica. un lungo titolo per un breve testo, in cui la sintetizzazione della parola poetica si sposa con una trama ai limiti dell'impercettibile. ci si innamora a prima lettura all'aspetto emotivo e sentimentale, per arrivare infine ad amare, dopo un'analisi approfondita, la grandezza dell'uso estremamente poetico della della parole e del suo valore referenziale e simbolico, che non smette mai di rimandare a nuovi e piu' ricchi sensi.

  • User Icon

    maria

    18/12/2008 18:58:12

    questo è davvero un libro stupendo, una poesia che si protrae per 100 pagine, un idimenticabile viaggio fra amore, natura e morte. consigliato a chiunque si ferma ancora ad osservare i raggi di sole attraverso le foglie.

  • User Icon

    Massimo F.

    24/01/2008 23:01:55

    Scritto stupendamente. Stop. Noia mortale. Stop. Sicuramente un gran libro. Io, però, nonostante lo sforzo e l’attenzione prestata, non me ne sono accorto…. Mea culpa!

  • User Icon

    Paolo

    14/05/2003 14:40:19

    E' il ruggere composto di un'anima capace di essere la propria libera ortodossia, la propria "scrittura"...Una donna che protesta conditamente il proprio diritto alla passione...a quella ragione oltre la ragione che costituisce la fonte prima di ogni luce...

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
Note legali