Categorie
Traduttore: M. Testa
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
Pagine: 120 p., Brossura
  • EAN: 9788806192174
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Davide

    04/05/2011 18.07.38

    Una discussione sul senso dell'esistenza, con riflessioni filosofiche classiche.

  • User Icon

    tatore

    20/02/2011 19.31.05

    un testo breve, che sceglie una forma molto appropriata (un dialogo non lungo) per trattare i temi centrali della vita di ognuno di noi: la felicità, il rapporto con gli altri, il senso della vita e altro ancora. lo sto consigliando ai miei amici.

  • User Icon

    Roberto

    02/07/2009 21.56.10

    Allegoria potentissima, scrittura essenziale e netta ai massimi livelli immaginabili. Ogni parola batte il tempo come una pendola, scandendo la vita e la morte all'interno della ricerca, incessante e dolorosa, della verità. La miseria e la piccolezza dell'umana esistenza raccontate come nessuno mai è riuscito a fare. Ben al di là del Nobel. McCarthy è un titano della letteratura assoluto. Da leggere e rileggere più di una volta all'anno. Lascia il segno, profondamente.

  • User Icon

    P.G.

    29/06/2009 10.35.28

    "Non so uno che dubita. Però sono uno che fa domande", dice il bianco, e il nero gli risponde:"Be', secondo me chi fa domande vuole la verità. Mentre chi dubita vuole sentirsi dire che la verità non esiste". A mio modesto avviso il "cuore" del libro è qui, nella domanda che è la stessa, o dovrebbe essere tale, per il bianco e per il nero: bisogna "interrogarsi", bisogna cercare,sempre.Il nero alla fine si getta a terra e piange, perché non è riuscito "a dare ragione della speranza" che pensava fosse ormai lì, a portata di mano. Niente da fare, non è così semplice "trovare" Dio.E il bianco? Tornerà, voglio sperare che tornerà. Per continuare a dialogare con il nero, per continuare a cercare. Insieme.Meravigliosa parabola sulla fragilità umana.

  • User Icon

    zok

    01/04/2009 13.37.48

    Molto dostoevskiano e il finale - poderoso - ricorda nella sostanza Lo straniero di Camus. La menzogna della vita disintegrata dalla verità folgorante della morte. Perchè qualunque tipo di vita, irrisa dalla morte, è sempre e comunque una menzogna.

  • User Icon

    Fabio Palma

    15/03/2009 09.10.02

    Abituato alla ricchezza esorbitante di Meridiano di sangue e Oltre Il confine, ero già rimasto scosso dall stile asciutto dell'ultimo Mc Carthy. Qui, in queste poche pagine, lo scarno regna sovrano. Eppure...eppure l'allegoria del Genio Cormac è ai massimi livelli. Non ci sono i tramonti selvaggi, ma c'è il tramonto dell'uomo, del nero salvatore e nello stesso tempo aguzzino e fragile nella sua sicurezza, e del bianco che si è arreso quasi subito ( bianco che ricorda l'Oliveira del capitolo due del Gioco del mondo di Cortazar ). Come tutti i libri di Cormac, da comprare, rileggere,non prestare, meditare, conservare.

  • User Icon

    Elio De Martin

    13/03/2009 00.38.54

    McCarthy meriterebbe il nobel anche se avesse scritto solo questo libro, uno dei più belli e geniali che abbia mai letto. In questo dialogo entusiasmante, c'è racchiusa tutta la cultura contemporanea (occidentale) e la sua inevitabile conclusione.

  • User Icon

    Aurelio_Standby

    12/03/2009 06.20.24

    Più che un romanzo sarebbe meglio definirlo un testo teatrale, che deve essere riletto per approfondire la sua comprensione. Apparentemente è facile ma i concetti filosofici sull'esistenza e sul credo non sono così semplici. L'ho trovato meno coinvolgente dei precedenti, stupendi romanzi di Cormac McCarthy, forse perché ho fatto fatica ad immedesimarmi in uno dei due protagonisti. L'ambientazione scenica è perfetta, come perfetti sono il Nero e il Bianco anche se un po' stereotipati. Ricco di spunti e di stimoli sull'esistenza e sul significato della vita, ho cercato la morale conclusiva che forse sta nella frase di chiusura: "Non fa niente. Non fa niente. Anche se non mi parli mai più lo sai che mantengo la tua parola. Lo sai. Lo sai che sono capace". Parole, le ultime, che fanno intravvedere un grande altruismo da parte di Nero. Cosi io interpreto,il finale. Parole che fanno venire in mente una vecchia canzone di Modugno, "Meraviglioso". Parole che ben difficilmente faranno breccia su Bianco che, pur sapendo che potrà fare cieco affidamento su Nero per superare il suo momento di sconforto, con il "libero arbitrio" che contraddistingue l'uomo porrà in atto la sua ferma decisione di incontrare, scontrarsi, con il "Sunset Limited". Cinico? Forse ma ciò non toglie, che Nero ha una forza interiore che raramente si trova in personaggi letterari.

  • User Icon

    Nando patrizi

    12/12/2008 13.27.56

    Uno dei più bei libri che ho letto, un libro sulla libertà e su come usarla, amaro per il finale che però lascia la vita a chi vuole salvarla, e lascia anche nel dubbio della morte chi dei dubbi ha fatto il suo metro di giudizio. Chi sembra il vincitore può essere lo sconfitto.

  • User Icon

    william dollace

    06/10/2008 14.12.04

    Un dialogo ma anche un monologo faccia a faccia con la vita, con il suo passato e il suo futuro, con il suo presente, faccia a faccia con il proprio Sunset Limited. Una delle immagini mentali che mi son sorte durante la lettura è stata quella che a dialogare in realtà ci fossero, da una parte, un personaggio nato dalla penna di Carver (il nero) e dall’altra parte, un personaggio partorito da Michel Houellebecq (il bianco). Cento delle pagine più dolorose e allo stesso tempo colme di speranza e di salvezza che abbia mai letto. Per conto mio questo libriciattolo deve essere srotolato, incorniciato, protetto ma soprattutto tenuto sempre a portata di mano.

  • User Icon

    Laura

    02/09/2008 16.50.48

    Un libro che per me è diventato un classico. Molto forte, soprattutto in alcuni punti in cui avevo bisogno di posare il libro per prendere un respiro. Scritto bene, denso di significato, ricco di spunti, stimoli, domande sulla vita e l'esistenza. Un libro che si può leggere in 3-4 ore e che si fa rileggere.

  • User Icon

    Maurizio Crispi

    19/07/2008 13.40.05

    Nel voler far del bene, colui che si pone come "buon" samaritano tende ad essere succube di categorie "assolute" che non lasciano alcuno spazio al dubbio e all'incertezza, come mostra la breve, fulminante, pièce di Cormac McCarthy che si presenta come ossessivo, claustrofobico, dialogo tra un "buon" samaritano, appunto, ed uno che ha appena tentato di lanciarsi sotto un treno della metropolitana (il "Sunset limited") per farla finita. Il "salvatore" (con la convinzione onnipotente di essere un mero strumento nelle mani di Dio) tenta di convincere l'aspirante suicida a non pensare più all'insano gesto e ad accantonarlo. La sua controparte argomenta, discute, porta le sue motivazioni, i suoi vissuti, con grande lucidità e, insieme, con lucida disperazione. Il finale è lasciato aperto: l'aspirante suicida viene rilasciato dal samaritano (che, per "salvarlo", lo avevaletteralmente sequestrato a casa propria, precludendogli ogni via di fuga e serrando la porta d'ingresso con numerosi catenacci). Non si sa se egli ritenterà il gesto: non c'è una risposta rassicurante a questo interrogativo. In ogni caso, viene sottolineato, qualunque cosa egli vorrà fare, sarà condotto da una forma di autodeterminazione e non dalla coazione (quella porta sbarrata dai lucchetti, perchè Dio "vuole" la sua salvezza). Il samaritano, invece, rimarrà da solo, costretto a confrontarsi con il fallimento del suo "assoluto", ma non per questo più disposto ad accettare una dialettica vera nell'approccio alle cose. Il "buon" samaritano è, in realtà, uno che non tollera dubbio ed incertezza, desiderando un mondo rozzamente sgrezzato a colpi d'accetta per renderlo il più possibile somigliante e "adattato" alle sue categorie cognitivo-emozionali. Per questo motivo, egli, in generale, è così proclive a mettere in atto forme, a volte estreme, di coazione salvifica o di linciaggio morale, diventando egli stesso persecutore e aguzzino (ma sentendosi soggettivamente "salvato" dalla certezza che tutto ciò che fa è "nel nome di Dio").

  • User Icon

    LucaMilano

    09/07/2008 13.14.49

    Cormac McCarthy, così particolare, mai banale, mai scontato, non asservito alla dittatura del dover pubblicare un libro ogni 3 mesi (vedi Lansdale)e al contempo prodigo di fantasia e immaginazione. Un libro, sunset limited, claustrofobico, impostato unicamente su un dialogo/confronto tra due persone completamente diverse per ceto, cultura, aspettative e mentalità. Un libro diverso dai precedenti, ma accomunato agli altri dalla drammatica riflessione sul senso della vita, sul male e il malessere che ci affligge, e sul destino dell'umanità.

  • User Icon

    pedro

    09/07/2008 11.11.41

    Ti prego Cormac, ritorna al wilderness! Questo tuo libro mi ha lasciato zero immagini.

  • User Icon

    philo

    13/06/2008 10.59.17

    La morte della speranza, l'angoscia della depressione.

  • User Icon

    barbi

    08/06/2008 19.06.10

    Splendida e sconvolgente parabola su Dio, sul senso della vita e della morte in cui non c'è lieto fine, ma le strade restano aperte alla libertà dell'uomo. McCarthy non prende posizione e resta equidistante dai suoi personaggi. Per me è un capolavoro da affrontare con i nervi saldi.

Vedi tutte le 16 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione