Superficie - Diego De Silva - copertina

Superficie

Diego De Silva

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 10 aprile 2018
Pagine: 112 p., Brossura
  • EAN: 9788806236724
Salvato in 124 liste dei desideri

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Superficie

Diego De Silva

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Superficie

Diego De Silva

€ 12,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Superficie

Diego De Silva

€ 12,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 11,64 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Prendete un luogo comune, smontatelo, rovesciatelo, trovategli amici e parenti, coniugi e amanti, nemici e complici. Denunciateli. Poi accostatelo a una battuta.

«Mentre ritornano come un ritornello alcune ossessioni personali, De Silva inanella sogni che si possono sottoscrivere ad analisi sociologiche sul carattere degli italiani.» - Cristina Taglietti, Corriere della Sera

«Quando sono di buonumore, poi mi passa. Il preservativo si trova sempre nel cassetto del comodino opposto. Sono d'accordo con Baudelaire»

Prendete un luogo comune, smontatelo, rovesciatelo, trovategli amici e parenti, coniugi e amanti, nemici e complici. Denunciateli. Poi accostatelo a una battuta, a un aforisma, a un nonsense: accendete la miccia e aspettate. Ad esplodere, sarà la vostra risata. È un gioco, sí, ma è una sarabanda dell'intelletto. Perché è vero: molti discorsi umani sono irresistibilmente comici, sembrano costruiti solo per iniziare e non andare mai a fondo. Sono grandiosi tentativi di semplificazione impastati in un chiacchiericcio che supera ogni pretesa di profondità per diventare, gioiosamente, superficie. E vanno inchiodati a se stessi, accostati ad altri o ad altro, perché nel flusso torrenziale si producano attriti, urti, ribaltamenti di senso. Proprio come avviene nelle reazioni chimiche, vanno messi accanto a un reagente che, consumandosi, li trasformi. Questo libro gioca con la nostra stupidità e la nostra intelligenza. È fatto di frasi fulminee il cui accostamento produce cortocircuiti spiazzanti e comicissimi. Come se Woody Allen, Groucho Marx e l'amico cretino di vostro zio si trovassero nella stessa stanza e parlassero ognuno per conto suo. È fatale: quando meno ve lo aspettate, scoppierete a ridere.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,8
di 5
Totale 20
5
7
4
6
3
4
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    gio 63

    29/12/2020 03:11:38

    Sono di quelle persone antipatiche che mediamente ridono poco, ma questo libro mi ha molto divertito: per segnare alcune battute ho fatto persino l'orecchio alla pagina: ad es. bellissima quella della nonna che per telefono risponde al maniaco. Ma non solo, ho trovato molti spunti di riflessione, per i miei gusti persino troppi in un libro cosi' breve. Premetto che quello che scrive De Silva mi piace quasi a prescindere. Intendo dire che se uscisse, per dire, un suo libro di ricette per pigri che non amano i surgelati, lo comprerei subito, e non solo per la sua utilita'. Ecco, questa non fa ridere, quelle del libro fanno ridere.

  • User Icon

    Laura

    23/07/2020 19:51:14

    Mi aspettavo di più, un libro senza capo ne coda. Invidio chi lo ha apprezzato ed ha riso. Alla fine l'ho letto giusto perché ormai lo avevo comprato, delusione.

  • User Icon

    Monica

    11/05/2020 18:33:43

    Prendete tutti i luoghi comuni che vi vengono in mente, riportateli ordinatamente uno di seguito all’altro e otterrete qualcosa di molto simile a Superficie. Questo libro fatto di frasi fulminee, riflessioni sul mondo, freddure, ha la capacità di ipnotizzarvi, di incollarvi alle sue pagine, divorandole una dopo l’altra. Battute, aforismi e nonsense saranno inoltre in grado di regalarvi risate genuine dalle quali vi sarà impossibile astenervi. Un gioco di complessità e semplificazione che imposta, attraverso la forma del chiacchiericcio, un modo nuovo di affrontare tematiche sociali in un apparente modo gioiosamente superficiale. Come in una sorta di “Grande bellezza” globale, in un unico racconto rapsodico, viene messa in scena la tendenza dominante della cultura italiana di avere sempre un’opinione su tutto, una raccolta di discorsi umani che racchiudono stupidità e intelligenza. Il luogo comune oggi non è più una frase fatta ma è diventato un pensiero che rispecchia la nostra incapacità di parlare con competenza. Se ci fermassimo a riflettere ci accorgeremmo che quelle parole che stiamo leggendo in fondo ci appartengono, le abbiamo sicuramente pronunciate almeno una volta all’interno di un discorso, magari perché no, anche in un discorso impegnato. È un viaggio spiazzante, comico e irriverente nella banale quotidianità del nostro vivere. Ciò che emerge è una realtà saccente, che non può restare muta ma deve continuamente dire la sua su tutto e sapere qualcosa su ogni argomento; del resto “Per rinunciare alle parole bisogna essere generosi”.

  • User Icon

    Lara

    03/04/2020 21:46:26

    Consigliatissimo. Interessante ed innovativo. Un libro che strappa tante risate, ma che fa anche riflettere. Tempo di lettura: 30 minuti.

  • User Icon

    Towandaaa

    21/10/2019 14:59:29

    Una silloge di aforismi (o meglio: enunciati), talvolta banali, talvolta originali, ma sempre da estrapolare perché collocati in una struttura confusa che ha tutta l’apparenza di un dialogo fra sordi, e che si conclude spesso vari paragrafi dopo essere iniziata, intervallata da altre “catene” di frasi a singhiozzo. Consapevole del fatto che quanto fin qui scritto non possa che apparire altrettanto confuso, invito i curiosi a leggere questo libello per verificare, e mi astengo dal riportare a titolo di esempio alcuni brani nel corpo di questo commento per un duplice motivo: - Le citazioni degne di nota sono così esigue che riportarle qua significherebbe spoilerare quanto di buono c’è - A volte per arrivare al compimento di un pensiero occorre lo spazio di una pagina, che sebbene si componga in egual misura di righe piene e di righe vuote, è pur sempre troppo per la mia idea di citazione Mi limito dunque a citare solo una delle perle (!) che compongono questa collana: “Voglio un passato migliore” E ad aggiungere una mia modesta riflessione: In primo luogo: chi non lo vorrebbe, pur nell’impossibilità ontologica di ottenerlo ? In secondo luogo: De Silva, tu, dal punto di vista della produzione narrativa, hai sicuramente avuto un passato migliore !!

  • User Icon

    veronica

    25/09/2019 21:02:01

    Questo libro mi ha colta completamente di sorpresa e mi ha totalmente conquistata! Colpisce in pieno il mio senso dell'umorismo e il modo in cui le frasi sono incrociate e "smontate" mi fa impazzire: mi sono ritrovata a scoppiare a ridere di punto in bianco in salotto e in luoghi pubblici con annesse figuracce :D E' ironico, giusto per l'estate e alla fine dispiace proprio che finisca! De Silva è davvero strepitoso in ogni sua sfumatura.

  • User Icon

    cla

    25/09/2019 12:08:48

    Non è un romanzo ma una raccolta di frasi che rappresentano il pensiero di molti di noi. Divertente. Un libro da regalare.

  • User Icon

    diletta indiveri

    19/09/2019 10:26:38

    Prendete una ciotola; mettete dentro una manciata di frasi fatte, un scodellata di aforismi, un pizzico di buonismo e q.b. di detti popolari. Mescolate bene facendo attenzione al rendere il tutto un unico pappone e servite caldo, state assaggiando la societè media. Attenti a non scottarvi.

  • User Icon

    Escherichialibri

    08/03/2019 16:53:04

    “Abbiamo cambiato il mondo, ma è venuto peggio” Lo scorso weekend sono stata a Firenze e ho preso questo libricino qui, “Superficie” di #diegodesilva. Non lo conoscevo - e confesso di averlo comprato lasciandomi ispirare dalla trama. Superficie non è un romanzo, ma piuttosto un fiume di frasi e discorsi intrecciati tra loro. Sono commenti superficiali, luoghi comuni e frasi fatte - spesso accostate tra loro in modo assurdo - e tutto questo sarebbe esilarante se non fosse crudelmente vero, se queste frasi non fossero il nostro pane quotidiano. E dovremmo sforzarci di essere meno superficiali, più critici verso il mondo attorno a noi - ma per un’oretta possiamo lasciarci strappare una risata da De Silvia, e fingerci superiori. “Le poche volte che ho incontrato la verità, non era mai nel mezzo”

  • User Icon

    Michelle

    16/02/2019 07:30:26

    Carino ma senza particolari spunti interessanti. Mi aspettavo qualcosa di più anche se posso dire do averlo comunque apprezzato.

  • User Icon

    Leonardo de Chanaz

    02/12/2018 06:46:31

    Mi limito alle tre stelle, ma il libro mi è piaciuto e l'ho consigliato. solo che mi manca il Diego de Silva tradizionale, che costruisce una storia con situazioni divertenti e comiche. Non nego che mi sono fatto delle belle risate solitarie e che mi è piaciuto.

  • User Icon

    CARLO PACC

    09/10/2018 14:44:00

    Non mi ha soddisfatto, forse perché da De Silva si pretende troppo ma ho sorriso poco e ho anche trovato spunti non sempre originali, alcuni sprazzi di luce ma "può fare di più", tanto per restare in superficie.

  • User Icon

    Antonio

    17/09/2018 21:05:18

    Prendete un luogo comune, ribaltatelo, pizzico di filosofia, rifletteteci un po', ed ecco che il luogo comune smette di esserlo e ti accorgi che è tutt'altro. È un'idea comune. In fondo, cos'è il luogo comune se non la banalizzazione dell'ovvio? La peculiarità sta nella genesi, a come ci si arriva ad una determinata massima, il percorso da cui è scaturito. Il luogo comune è tale perché portato ai limiti dell'esasperazione, c'è una saturazione linguistica provocata dal suo uso, ma la sua origine è tutt'altro che banale, è stata frutto di un pensiero critico, forse della scintilla di un genio. È la vecchia storia dell'uovo di Colombo, in sostanza. La riflessione che in questo libro ci viene strappata col sorriso (ma anche con la risata più sfrenata) è dunque di tipo comunicativo: quali sono le possibilità creative, nell'epoca odierna, dove a tutti è concesso dire tutto; dove i social saturano l'aria di parole, immagini e suoni; dove chiunque pensa di essere un genio, ma è semplicemente dotato di connessione internet veloce? Questo libro che tenta, per l'appunto, di scardinare la superficie delle cose, fatto di frasi fulminee, spiazzanti ed estremamente comiche, è fatale proprio per questo: rivela ciò che pensiamo tutti, anche se non sapevi di saperlo. E poi mi chiedono perché De Silva è uno dei miei autori preferiti.

  • User Icon

    Carinissimo

    21/08/2018 12:59:12

    Esilarante! De Silva non mi delude mai. Divertente, pungente, ironico, sarcastico. Ho sorriso tantissimo leggendolo!

  • User Icon

    Valeria

    16/07/2018 10:08:47

    Tre stelle per l'idea che è davvero originale, però poi, leggendolo, non l'ho trovato particolarmente divertente o illuminante.

  • User Icon

    n.d.

    06/07/2018 11:54:21

    Divertente come gli altri, spassoso ed allo stesso tempo ci fa riflettere.

  • User Icon

    Giada

    24/04/2018 15:43:47

    De Silva non delude mai: divertente e pungente come sempre

  • User Icon

    Mattia cetino

    12/04/2018 10:58:19

    Un libro brillante, intelligente che diventa un’occasione di gioco tra amici e una testimonianza della stupidità a cui siamo soggetti tutti.

  • User Icon

    massimo r.

    11/04/2018 17:08:00

    Libriccino senza pretese e disordinato, con aforismi e pensierini spesso divertenti, merita quattro stelle per alcune “ uscite “ veramente esilaranti.

  • User Icon

    Enza

    11/04/2018 15:53:55

    E' un libriccino e si legge in poco tempo (una serata è quello che ho impiegato io) ma è davvero divertente. Alcune massime sono "epocali": "i rapporti civili tra separati, non lo sono"; "a una certa età si smette di mangiare ghiaccioli"; "bel problema, ereditare un impero".

Vedi tutte le 20 recensioni cliente

Lo confesso. Da quando mi sono imbattuto nell’avvocato Malinconico ed in Terapia di coppia per amanti, Diego De Silva gode della mia fiducia quasi incondizionata. Quindi, a pochi giorni dall’uscita, ritengo obbligatorio tuffarmi, alla cieca -come sempre-, in Superficie (“tuffarmi in superficie” potrebbe entrare di diritto in questo libro…).

Cambio di registro. Se vi aspettate spassose storie di amori e fallimenti, resettate tutto e preparatevi alla fiera del nonsense.

Perché di questo si tratta. Forse Superficie non può nemmeno essere definito “libro”. Assomiglia di più ad un breviario di esilaranti, irresistibili minchiate. Un’accozzaglia di frasi fatte, luoghi comuni, geniali banalità montate ad arte per provocare un cortocircuito mentale. Acume e stupidità centrifugati. La sbalorditiva fiera dell’ovvio.

Ci va qualche pagina per entrare nel meccanismo. Poi però si rischia di non uscirne… Per dare un’idea: provate ad immaginare una conversazione tra Bergonzoni, Queneau e Benni (aggiungerei anche Capossela a fare da sottofondo). E, tra loro, una bottiglia di whisky già mezza vuota, naturalmente… Ecco, la sensazione è quella di una chiacchierata poco lucida tra persone lucidamente capaci di far perdere lucidità ai propri discorsi. Chiaro, no?

Una cinquantina di pagine di “Ho un socio al 50 per cento, si chiama Stato.” – “Almirante andò al funerale di Berlinguer: avrei preferito il contrario però ho apprezzato il gesto.” – “Il gioco preferito dal bambino è quello che s’inventa con la PlayStation che trova in casa.” – “Quando all’altoparlante della stazione dicono «Il treno è in ritardo per un guasto temporaneo», credono che il viaggiatore pensi «Che culo che non è definitivo»?” …e così via.

Ci sta tutto. Un esercizio di stile azzeccato. Basta che poi, però, torni anche Malinconico, eh…

 

  • Diego De Silva Cover

    Scrittore, giornalista e sceneggiatore napoletano, Diego De Silva ha pubblicato diversi libri tra i quali il romanzo Certi bambini (Einaudi, 2001), premio selezione Campiello, da cui è stato tratto il film omonimo diretto dai fratelli Frazzi, con la sceneggiatura firmata a quattro mani con Marcello Fois.Sempre presso Einaudi sono usciti i romanzi La donna di scorta (2001), Voglio guardare (2002), Da un'altra carne (2004), Non avevo capito niente (2007, Premio Napoli, finalista al premio Strega) e la pièce Casa chiusa, pubblicata con i testi teatrali di Valeria Parrella e Antonio Pascale nel volume Tre terzi. Del 2010 un nuovo romanzo, Mia suocera beve, con protagonista Vincenzo Malinconico, già al centro di Non avevo capito niente. Del 2011 è Sono contrario alle... Approfondisci
Note legali