Categorie

John Le Carré

Traduttore: F. Greenburger
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: 364 p.

14 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Thriller e suspence - Spionaggio e thriller spionistico

  • EAN: 9788804500063

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca

    11/07/2015 13.30.23

    La trama è senz'altro interessante e intrigante, ma lo svolgimento è lento, pesante, senza mai una vera svolta. Nel complesso il libro risulta molto noioso, complicato, la lettura non è per niente scorrevole. Alcune situazioni vanno rilette per comprenderne appieno il significato, altre non sono chiare affatto. Troppi nomi, pseudomini e personaggi secondari buttati nel calderone e lasciati lì a cuocere. L'ho finito per inerzia, ma ho fatto davvero fatica.

  • User Icon

    KidChino

    18/02/2015 17.33.10

    Un libro davvero molto affascinante dal punto di vista stilistico, storico e del dettaglio. Tuttavia mi ha lasciato molto perplesso lo stile molto lento e senza una vera emozione. Avevo già letto di LeCarrè "La spia che venne dal freddo" e ne ero rimasto davvero soddisfatto, mentre qui non sono riuscito ad avere lo stesso coinvolgimento avuto nell'opera precedente! Spero di ricredermi con la prossima opera! Alla prossima John!

  • User Icon

    Bry

    02/11/2013 12.52.18

    Il romanzo ci catapulta nel 1973, in piena guerra fredda. Il KGB introduce una talpa nel MI6. Smiley, il protagonista, viene descritto ed agisce come un vero agente segreto, nulla da dividere con james bond o bourne. Le Carrè ha il talento di far respirare al lettore l'aria londinese di quegli anni, di far vivere le paure,le tensioni e le azioni dei servizi segreti dei due blocchi contrapposti, mentre il mondo "civile" continua a condurre la propria vita.

  • User Icon

    Wentworth

    11/02/2013 16.59.13

    Il romanzo non è privo di fascino, ma l'ho trovato francamente difficile. Interi paragrafi letti due volte per capirne il significato, frasi incomprensibili buttate lì...non so se c'è stato qualche problema di traduzione, magari qualche slang della zona o dell'epoca tradotto alla lettera, di cui nemmeno il traduttore era a conoscenza, scusate le ripetizioni, o se, molto probabile, sono io tonto. Meno male che avevo visto lo stupendo film che una volta tanto è meglio del libro...

  • User Icon

    andrea71

    07/02/2012 12.04.57

    Un libro difficile da leggere e da capire. Molto lento e con una trama complessa. Solamente nel finale diventa più snello e regala al lettore qualche momento di emozione.

  • User Icon

    Gianfranco

    22/03/2009 20.52.12

    Il voto uno lo riservo ai libri che non riesco e finire, pochi per la verità. Il due ai brutti libri che mi sforzo di completare.Questo, noiosissimo, si solleva un poco alla fine, ma quasi tutto il libro è pesante e lento, e in parecchi punti persino incomprensibile e per niente scorrevole. Spero a causa della pessima traduzione e non a causa dell'autore. In ogni caso una spy-story per niente avvincente e molto al di sotto delle aspettative che si hanno leggendo il titolo e la trama del libro. Le Carrè è in buon autore, per cui, leggete altro.

  • User Icon

    maurizio

    16/02/2009 18.17.13

    Grande psicologia,tempi - come sempre - sincopati atmosfere tipiche del maestro,un George Smiley in forma smagliante,il sapore della cool war e delle belle storie di spie andate;nella produzione più recente ricorda " la passione del suo tempo". Senza i ritmi serrati odierni,è comunque ricco di suspance,finale amaro tipico del nostro.

  • User Icon

    luca lebowsky

    10/04/2008 19.40.11

    è il romanzo che ha sancito l'inizio di una storia d'amore, del mio amore per Le Carrè ed il suo modo di scrivere. che latro dire: dopo aver letto lui, gli altri sono insopportabilmente noiosi ...

  • User Icon

    Giuliopez

    22/03/2007 08.35.48

    Grande romanzo! E' il primo libro di Le Carrè che leggo e non sarà l'ultimo. Un intreccio incredibile.

  • User Icon

    Giulio ZV

    13/01/2007 10.21.51

    Spy-story unica, raffinata nell'introspezione dei personaggi, sicuramente realistica e verosimile negli scenari che descrive: ho letto due volte questo romanzo e sono sicuro che un'ulteriore analisi mi darebbe ancora nuove emozioni e spunti interessanti. Capolavoro.

  • User Icon

    devel81

    28/08/2006 13.00.47

    bella storia e bella atmosfera.a volte pero' il libro rallenta un po troppo il ritmo,ma in definitiva si legge bene

  • User Icon

    giandemo

    10/07/2005 18.22.47

    E' uno dei migliori Le Carre' che io abbia letto, ed e' soprattutto una storia perfetta di spie calata in quello che per tutti noi è il loro Paese d'elezione, cioè l' Inghilterra. Molto curato il lavoro sui personaggi, il cinismo evidente soprattutto in quelli che occupano le posizioni più elevate. Smiley e' un personaggio eccezionale, tratteggiato con grande sagacia da Le Carrè. A posteriori , viene quasi da rimpiangere il periodo certo non glorioso dell'equilibrio mondiale da paura, cioe' la iattura della guerra fredda la quale però, ove paragonata all'attuale sensazione di ritorno alla barbarie, sembra quasi avere avuto una sua necessarieta'.

  • User Icon

    PROT

    11/04/2005 11.32.57

    lo ritengo un assoluto capolavoro del genere "spy story", probabilmente il miglior libro di Le Carrè. Penso che le descrizioni dei luoghi e dei personaggi definiscano in modo assai realistico il clima che si era creato durante la guerra fredda... inoltre indaga i personaggi introspettivamente in modo unico e inimitabile... da leggere assolutamente

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione