Tanta vita - Alejandro Palomas - copertina

Tanta vita

Alejandro Palomas

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Silvia Sichel
Editore: Neri Pozza
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 13 marzo 2008
Pagine: 352 p., Brossura
  • EAN: 9788854502338
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 9,18

€ 17,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A Minorca vive una famiglia di sei straordinarie donne: nonna Mencia, una donna dura e molto pratica, ma anche dotata di estrema umanità e soprattutto di un particolare sesto senso che le permette di capire al volo gli stati d'animo e le pene dei propri cari; mamma Lìa, dolce e remissiva, una presenza discreta e rassicurante per tutti; la zia Flavia, una donna libera e indipendente; Helena, Inès e Beatriz, le figlie di Lìa, cresciute quasi orfane di padre, per la totale assenza emotiva e fisica del marito di Lìa, e perciò ragazze fragili e ribelli; soprattutto Helena, la primogenita, la più decisa e determinata delle tre, che assomiglia al padre ed è l'unica che lo ammira. Per questo motivo, Helena e Lìa non sono mai andate d'accordo. Un giorno, però, Helena chiama la madre perché la aiuti ad abortire. Lìa la raggiunge e le sta vicino per tutto il tempo. Da quel momento Lìa si trasforma da madre in amica e il suo rapporto con Helena diventa quasi esclusivo. Helena torna a Minorca su richiesta della madre e, durante una gita sul Sigfried, la sua barca a vela, scompare in mare, vicino all'Isola del Aire. Il suo corpo non viene più ritrovato. La tragedia sembra distruggere definitivamente Lìa e segnare profondamente le altre ragazze, Beatriz, innanzi tutto, che non riesce a passare dal ruolo di sorella mediana a quello di primogenita. La tristezza sembra avvolgere la casa. Ma nonna Mencia e zia Flavia non si lasciano facilmente abbattere dai colpi bassi della vita.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,67
di 5
Totale 9
5
7
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giuseppe43

    11/01/2014 16:08:34

    Un libro meraviglioso intenso commovente non si riesce a smettere di leggerlo. Effettivamente vi sono romanzi che passano quasi inosservati ma sono dei piccoli gioielli di letteratura

  • User Icon

    Raffaella

    04/04/2012 14:46:39

    Bellissimo.Intenso, triste e nello stesso tempo ironico. Come è la vita.

  • User Icon

    Enrica

    22/04/2011 13:52:17

    Ma perchè alcuni romanzi così belli, passano pressocchè inosservati, e non ottengono il giusto riconoscimento e successo? "Tanta vita" è uno splendico, toccante, commovente romanzo. Ogni personaggio è ben delineato e collocato, e anche la tremendissima Nonna Mencia (che avresti voglia di strozzare), pur riesce a farti veramente ridere. Ma a lei, non scappa nulla.Ed è solo lei che riesce a tenere stretto e unito un manipolo di donne coraggiose e forti, ma anche duramente e dolorosamente provate. Da leggere.

  • User Icon

    simona

    28/03/2011 09:30:16

    Intenso e profondo, ecco come lo definirei in poche parole. E triste, ma questa è la vita, con i suoi alti e bassi. La storia di Tristan mi ha straziato, pensando che ci sono dei bambini che soffrono davvero così tanto!!!Comunque bellissimo.

  • User Icon

    lucrezias

    26/02/2011 21:36:46

    Una lettura triste come sono i casi della vita,divertente e tagliente quanto la personalità della figura matriarcale che narra i dolori delle sue amate figlie e nipoti.

  • User Icon

    puntoCoccinella

    21/05/2009 14:32:30

    l'abilità dell'autore sta nell'essere uomo e riuscire in modo impeccabile a scrivere di donne: così diverse, così forti, così fragili! Un romanzo che fa sorridere e fa commuovere toccando qualche corda nascosta.

  • User Icon

    paola

    21/01/2009 08:56:43

    una rivelazione questo libro. un buon inizio per il nuovo anno. non mi capacito che sia un uomo l'autore, ma ciò mi fa comunque ben sperare. ma quanto dolore riescono a sopportare le donne? e quanta vita riescono a dare, a prendere, a ricreare? chi non vorrebbe, onestamente, avere una nonna come mencia?io si.

  • User Icon

    Rubina

    19/06/2008 20:12:47

    Gradevole.Un romanzo corale che trasuda pathos. Le cinque protagoniste raccontano in prima persona e in brevi capitoli la propria esistenza segnata da drammi, dolori e sofferenze. A mio parere ,però, l'autrice avrebbe dovuto inserire all'inizio di ciascun capitolo l'identità della protagonista che narra, evitando così confusione al lettore. Mencìa,la nonna novantenne, è troppo sagace e sboccata per l'età che ha e quindi poco credibile. Belle, comunque, certe frasi d'effetto.

  • User Icon

    giuliano

    02/04/2008 17:39:24

    probabilmente il più bel libro che ho incontrato in questo 2008

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
  • Alejandro Palomas Cover

    Alejandro Palomas è laureato in letteratura inglese, traduttore di Katherine Mansfield, Gertrude Stein, Willa Cather e Jack London, ha scritto romanzi come A pesar de todo, El tiempo del corazón (premio Nuevo Talento FNAC, 2002) e El secreto de los Hoffman (finalista Premio Torrevieja 2008), e racconti come Pequeñas bienvenidas. Con Neri Pozza ha pubblicato Tanta vita (2008), L'anima del mondo, Capodanno da mia madre (2015), Un figlio (2016). Approfondisci
Note legali