Categorie

Tantric Songs - Hosianna Mantra

Artisti: Popol Vuh
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Celestial Harmonies
Data di pubblicazione: 27 agosto 2007
  • EAN: 0013711300628

€ 19,46

€ 22,90

Risparmi € 3,44 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

I due album dei Popol Vuh, qui racchiusi in un unico cd, "Tantric Songs" e "Hosianna Mantra", sono considerati tra i più suggestivi dello storico gruppo tedesco capace di oltrepassare i confini di spazio e tempo, responsabile di uno stile unico diventato punto di riferimento per generazioni di musicisti. I due album sono il perfetto complemento uno dell'altro, ricreando paesaggi sonori che echeggiano di ritualità moderna. Dagli evocativi canti di "Mantra of the Earth" alle percussioni tribali e primordiali di "In the Realm of the Shadow", "Tantric Songs" combina raffinatezze classiche con un'atmosfera che si ricollega ad antichi riti sacri. "Hosianna Mantra" contiene una serie di splendidi canti che spaziano dalla trama del pianoforte dai colori pastello, alle spaziose melodie di violino e chitarra ed alle angeliche parti vocali di Djong Yun: un album con cui i celeberrimi Popol Vuh, nati nel 1969 dall'idea del tastierista Florian Fricke, riescono a distillare la natura sublime della musica liturgica cristiana dal dogma normalmente ad essa associato. "Tantric Songs / Hosianna Mantra" è un cd ipnotico che lascia un'eco nell'aria. Best seller.

Disco 1
  • 1 Mantra Of The Touching Of The Earth
  • 2 Mantra Of The Touching Of The Heart
  • 3 Angel Of The Air, Part One
  • 4 Angel Of The Air, Part Two
  • 5 In The Realm Of Shadow
  • 6 Wanderer Through The Night
  • 7 Listen He Who Ventures
  • 8 Brothers Of Darkness - Sons Of Light
  • 9 Ah!
  • 10 Kyrie
  • 11 Hosianna - Mantra
  • 12 Departure
  • 13 Blessing
  • 14 Devotion I
  • 15 Not High In Heaven
  • 16 Devotion Ii

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alex Lugli

    23/04/2010 16.37.44

    I Popol Vuh furono un gruppo tedesco che univa Kosmische Musik, Proto-New Age, e Krautrock, fondato da Florian Fricke nel 1970 insieme con Holger Trulzsch (percussioni) e Frank Fiedler (strumenti elettronici). La Band comiciò suonando uno stile di musica elettronica che anticipava l'Ambient di Brian Eno e Robert Fripp, come risulta chiaro dal primo disco, "Affenstunde" (1970), ispirato dall'invenzione dei sintetizzatori Moog. Questo stile continuò solo per un altro disco, "In Den Garten Pharaos" (1971). Dopo queste due uscite, Fricke abbandonò quasi completamente l'utilizzo di strumenti elettronici, in favore di composizioni dominate dal pianoforte. Il terzo disco, "Hosianna Mantra" (da molti considerato il loro massimo capolavoro) cominciò l'esplorazione di temi religiosi o, comunque, marcatamente spirituali. Il gruppo si evolse ulteriormente includendo tutte le tipologie di strumenti: aerofoni, percussioni e cordofoni, sia elettrici sia acustici, vennero combinati per creare un'aura mistica che rendesse la loro musica spirituale ed introspettiva. I Popul Vuh influenzarono molte altre band Europee grazie alla loro unica strumentazione, simultaneamente soft ed elaborata. In questo modo crearono una sorta di "musica per sognare", salendo di un gradino al di sopra del Rock psichedelico. Il gruppo è infatti considerato da molti come il precursore della World Music e della New Age. "Hosianna Mantra" è il terzo disco della Band tedesca. Questo album segna il passaggio del suono dei Popol Vuh da sonorità elettroniche a sole sonorità acustiche: in "Hosianna Mantra" assieme a Florian Fricke, il leader e fondatore, che suona il pianoforte e il clavicembalo, ci sono chitarre, violini, tamburi e l’oboe, oltre al soprano Djong Yun che impreziosisce questi brani richiamando la musica sacra e orientale. La Suite che fornisce il titolo all'album è la massima rappresentazione della musica dei Popol Vuh, che anticipa ampiamente la musica Ambient e New Age. Molto bella questa edizione in CD, curata e musicalmente interessante.

Scrivi una recensione