Editore: Mondadori
Collana: Oscar varia
Edizione: 3
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 01/01/2001
  • EAN: 9788804493204
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,32

€ 4,32

€ 8,00

4 punti Premium

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giorgio Cervetti

    09/03/2015 04:35:14

    Dopo la Bibbia, il libro spirituale più letto nel mondo.

  • User Icon

    dany

    28/02/2007 14:50:18

    "E' come dire di aver vissuto e non avere amato, come sentirsi fragile e non lo sei mai stato, mi sembra di aver letto ma non ricordo, amare te perchè non illudi nè me nè te previlegio di niente". Pensieri tratte da alcune delle mie poesie, adoro questo scrittore cinese,ho letto alcuni libri e nè ho tratto consigli, pur tuttavia a volte sono fugaci e tutto quello che è vero oggi mi sembra che non può essere vero domani, il tempo corre in fretta, le sfide del mondo di oggi sono molteplici come dice Morin; pur tuttavia questa sua filosofia permane nella mente e nel cuor mio.

  • User Icon

    Fabio Ballabio

    10/05/2004 14:46:07

    Secondo una tradizione così antica da sfiorare la leggenda, Lao-Tzu (Laozi) è un filosofo e scrittore cinese vissuto tra il VI e il V sec. a.C. Il taoismo, la corrente filosofica che da lui prende le mosse, è l’unica tradizione di pensiero che si pone in alternativa al confucianesimo, largamente dominante in Cina. Il Libro del principio e della sua virtù (Tao-te Ching) è fascinoso e sfuggente quanto il suo oggetto. Il Tao è un principio eterno, immutabile e indefinibile. A un presunto moralismo confuciano, il taoismo oppone la libertà dalle convenzioni sociali, l’indipendenza e l’agire disinteressato. Ecco alcune massime come piccoli assaggi della filosofia taoista. Le brame sono sconfinate: “Non c'è colpa più grande che assecondare i desideri. Non c’è sventura più grande che non sapersi accontentare. Non c'è difetto più grande della sete di guadagno. Perché chi sa che abbastanza è abbastanza ha sempre a sufficienza”. Il possesso è mendace: “Ciò che è spezzato diventerà intero. / Ciò che è curvo diventerà diritto. / Ciò che è vuoto diventerà pieno. / Ciò che è consumato diventerà nuovo. / Chi ha poco otterrà. / Chi ha molto verrà ingannato”. La via del cielo non è come le vie degli uomini: “La via del cielo toglie a chi ha in sovrappiù e aiuta chi non ha a sufficienza. La via degli uomini non è così: toglie a chi non ha a sufficienza per darlo a chi ha in sovrabbondanza”. Ancora: “La via del cielo è simile a tendere un arco: ciò che è in alto viene abbassato, ciò che è in basso viene innalzato; ciò che è in eccesso viene diminuito, ciò che è insufficiente viene aggiunto”. La guerra è deturpante: “Dove s'accampano gli eserciti crescono sterpi e rovi; al seguito di grandi guerre ci sono anni di carestia”. La determinazione è nonviolenta: “L'uomo capace è risoluto, tutto qui. Non osa impadronirsene con la violenza. Risoluto, ma non tracotante; risoluto ma non spaccone; risoluto ma non arrogante; risoluto, ma perché non ha alt

Scrivi una recensione