Categorie

Arturo Pérez-Reverte

Traduttore: I. Carmignani
Editore: Rizzoli
Collana: Vintage
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 412 p. , Brossura
  • EAN: 9788817070881

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    barbagianni39

    19/08/2016 12.38.36

    Attratto dal nome dell'autore e dai giudizi positivi ho voluto leggere questo racconto. Devo dire che mi ha molto deluso; l'assassino lo si intuisce già da un quarto circa del libro; le lunghe dissertazioni sugli scacchi, che potranno anche interessare i cultori di tale gioco, rendono faticoso il procedere della vicenda. Unico punto a favore la scorrevolezza del testo: un po' poco.

  • User Icon

    luca Bidoli

    19/08/2016 11.36.15

    Si tratta di un buon romanzo, che si legge con interesse crescente e che sa dosare gli elementi del mistero, della fascinazione storica ed artistica legata ad una inquietante e controversa tavola fiamminga nella personaggi di lignaggio stanno giocando una strana e ambigua partita a scacchi. Un tema affascinate che offre il contrappunto per una narrazione precisa e dettagliata, svolta da una restauratrice che indaga su scritte misteriose che riaffiorano dalla storia, e fatti, altrettanto di difficile interpretazione e angoscianti, che si radicano nella contemporaneità. Un gioco di rimandi, di specchi, di pezzi che si muovono sia nella scacchiera sia nella realtà, con un caleidoscopico vortice di similitudini e di simboli da interpretare. Non è vero che il gioco degli scacchi, come si ritiene spesso, rimandi ad una battaglia - con due eserciti contrapposti- il suo riferimento principale è un omicidio, o, meglio, un parricidio. Questa è già una chiave di lettura. Un libro che mi ha donato due ottime serate, fascinose.

  • User Icon

    Piero Paci

    17/06/2016 19.18.04

    Mai, se non dopo la lettura dell'ultima opera di Reverte "Due uomini buoni", che definisco un "capolavoro", mi sono sentito così incerto nel giudizio della "Tavola fiamminga", un perfetto e geniale rompicapo thriller scacchistico così ben elaborato da apparire a tratti anche superiore all'ultima opera scritta. Entrambe opere assolutamente da non perdere!

Scrivi una recensione