Le tavolette di bosso di Apronenia Avizia - Pascal Quignard - copertina

Le tavolette di bosso di Apronenia Avizia

Pascal Quignard

0 recensioni
Scrivi una recensione
Traduttore: U. Manni
Editore: Analogon
Collana: Entelechia
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 30 giugno 2017
Pagine: 160 p., Brossura
  • EAN: 9788898630325
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Esempio dell'abilità artistica di Pascal Quignard, questo particolare romanzo intreccia con eleganza elementi formali della poesia giapponese e tratti della cultura Heian con il mondo declinante della Roma tardo-imperiale. Senza mai svelare la finzione, Quignard simula il ritrovamento del diario di un'anziana patrizia romana, Apronenia Avizia, vissuta all'epoca delle invasioni barbariche e dell'affermazione del Cristianesimo. Quignard fornisce le fonti del testo, copia dell'originale inciso su tavolette di bosso cerate: annotazione di acquisti di vini e tessuti, ma anche di umori, percezioni, sogni, ricordi, liste di avvenimenti piacevoli, avversioni, preferenze sessuali. Benché Quignard presenti il diario come una traduzione dell'originale latino, agli occhi di un lettore attento il testo non soltanto si rivela intessuto di allusioni a opere di autori classici (Ovidio, Lucrezio, Petronio, fino a calchi di celebri epigrammi di Marziale) ma la sua struttura riprende lo stile del sôshi giapponese, con richiami formali e contenutistici alle «Note del guanciale» di Sei Sh?nagon, scrittrice e dama di corte dell'imperatrice Sadako, vissuta nel Giappone del X secolo.
  • Studioso della civiltà greco-romana, ha ambientato diversi romanzi nell’antica Roma (tra gli altri Le tavolette di bosso di Apronemia Avitia, Les tablettes de buis d’Apronemia Avitia, 1984, nt). Un interesse non meno appassionato per i problemi della scrittura e del rapporto fra scrittore e lettore è all’origine di numerosi saggi (La parola della Délie, La parole de la Délie, 1974, su Maurice Scève, nt; Il lettore, Le lecteur, 1999), riflessioni (raccolte nei Brevi trattati, Petits traités, 1980-85, nt), racconti (Il lettore, Le lecteur, 1976, nt). Dopo alcuni testi letterari sperimentali (Carus, 1980, nt), ha pubblicato romanzi nutriti di sottile erudizione: Il salone del Württemberg (Le salon du Württemberg, 1987); Le... Approfondisci
Note legali