The Temple of I & I

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Ingrooves
Data di pubblicazione: 10 febbraio 2017
  • EAN: 0889326765486
L'innovazione e lo spirito della musica giamaicana sono una costante fonte di ispirazione per noi, spiega Eric Hilton dei Thievery Corporation in riferimento al loro nuovo album “THE TEMPLE OF I & I”. Sulla mappa musicale, la Giamaica è un intero continente. Abbiamo avuto la fortuna di trascorrere un anno là, assorbendo le vibrazioni dell'aria e dei cittadini. E per noi, l'unico modo per connettersi con questo ricca fonte di ispirazione, è stato quello di lavorare in questo ambiente. Intriso quindi della cultura e del ritmo della Giamaica, “The Temple of I & I” è un'estensione dell’estetica dub da sempre presente nel DNA della band sin dall’EP di esordio “Sounds from Thievery Hi‐Fi”. Questa volta con l’aggiunta della scena musicale di Port Antonio e della magia dell’isola in generale. Trasferitisi sull’isola nel febbraio del 2015, Hilton, Rob Garza e tutta la sezione ritmica della band di Washington D.C., si sono fermati nella parte più profonda della Giamaica, appunto Port Antonio, e hanno iniziato le registrazioni del disco presso i Geejam Studios. Le persone non potevano credere che Robbie Myers, il nostro chitarrista, non fosse giamaicano, ride Hilton. Immagino siano abituati a band e artisti che vengono da Londra o da Los Angeles per registrare dischi rock e pop, ed erano molto eccitati e fieri del fatto che ci fosse della loro musica nel nostro sound. C’era un rispetto reciproco ed è stato molto gratificante. Ci siam ritrovati con ottima ganja e molte bottiglie di rum. Denso di suoni ispirati dall'isola, "The Temple of I & I" parte con ‘Thief Rockers’, guidando l'ascoltatore in un ondeggiamento tropicale ricco di riverberi prima di introdurre la voce della cantante di Kingston, Racquel Jones. Spiega Hilton: L’ho incontrata in occasione del mio primo viaggio a Port Antonio e fece qualche demo ai Geejam. Usò alcuni brani dei Thievery come tracce su cui cantare e fu tutto perfetto. Abbiamo dovuto attendere anni prima di trovare una voce brillante femminile e MC giamaicana. Nata come modella ed ex‐concorrente per Miss Giamaica, non ti aspetteresti mai una voce con una poetica del genere. È impressionante. Intanto i Thievery Corporation hanno fatto uscire un paio di brani, ‘Let The Chalice Blaze’ e ‘Letter to the Editor’, come anteprima dell’album. “The Temple of I & I” è un luogo di culto che esiste solo nella nostra immaginazione, un luogo dove tutte le persone sono scelte dalle persone e l'unità degli individui è possibile, spiega Hilton circa il titolo dell'album. Gran parte del mondo è diviso in popoli e sistemi che hanno imprigionato la coscienza delle persone e permesso a pochi di controllare molti. La cultura può essere, al tempo stesso, una benedizione e una maledizione. L'umanità trascende popoli e cultura. E questo è stato il tema costante fin dal primo giorno dei Thievery Corporation. Thievery Corporation sono Eric Hilton e Rob Garza.
Disco 1
1
Thief Rockers (feat. Zee)
2
ExplicitLetter to the Editor (feat. Racquel Jones)
3
Strike the Root (feat. Notch)
4
Ghetto Matrix (feat. Mr. Lif
5
True Sons of Zion (feat. Notch)
6
The Temple of I & I
7
Time + Space (feat. Lou Lou Ghelichkhani)
8
Love Has No Heart (feat. Shana Halligan)
9
Lose to Find (feat. Elin Melgarejo)
10
Let the Chalice Blaze
11
Weapons of Distraction (feat. Notch)
12
Road Block (feat. Raquel Jones)
13
Explicit Fight to Survive (feat. Mr. Lif)
14
Babylon Falling (feat. Puma)
15
Drop Your Guns (feat. Notch)
Note legali