Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 8 giugno 2006
Pagine: 282 p., Rilegato
  • EAN: 9788830422728
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Al centro del romanzo c'è un piccolo gioiello a forma di uovo forgiato dalla creatività del grande Fabergé. Due iniziali impresse sulla sua superficie rimandano a una storia d'amore a cavallo tra la Russia e la Francia nella prima metà del Novecento. Parallelamente a questa, si scopre però che le iniziali sono le stesse di altri due protagonisti del romanzo: una coppia di ebrei italiani costretti all'esilio durante la seconda guerra mondiale. Proprio durante la fuga in Svizzera, il ciondolo viene però strappato via dal collo della donna, uccisa freddamente davanti ai suoi figli. Ricomparirà poi, una sera, a Torino, decenni dopo, durante un incontro dagli intriganti risvolti sensuali. Il ciondolo nasconde quindi in sé un arcano?

€ 14,11

€ 16,60

Risparmi € 2,49 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 8,96

€ 16,60

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo F.

    24/04/2010 09:37:29

    Indubbiamente la storia, ben raccontata, fa riferimento ad un dramma conosciuto, ma ancora non approfondito. La lettura scorre via fluida, ma il lavoro manca – a mio avviso – di spessore e di profondità, non trasmettendo quell’emozione che il contesto narrativo potrebbe invece generare. Anche i tre (anzi, quattro) piani temporali su cui si snoda la vicenda sono gestiti un po’ freddamente e non sono valorizzati a pieno. Un buon libro per ragazzi.

  • User Icon

    venexia

    31/10/2006 20:57:25

    Ci sono molti libri che parlano della situazione ebraica durante il periodo bellico ma questo racconto, che si svolge prevalentemente in svizzera, ci apre una finestra su di una realtà sconosciuta ai più. Il delicato ruolo della neutrale svizzera, che accolse tantissimi rifugiati, ebrei e non, e alla quale doverosamente dobbiamo essere tutti grati per aver evitato la morte certa di tanti e tanti nostri connazionali. Poi si può criticare tutto, se si vuole. La storia è a parer mio ben raccontata, con stile quasi giornalistico, senza falsi pietisimi, nessuno si piange addosso. Dovrebbe leggerla un buon regista. Sono sicura che ne trarebbe un bel film.

  • User Icon

    Le Nain

    28/08/2006 17:42:08

    Questo libro mi è piaciuto molto e l'ho trovato particolare: non solo per le circostanze storiche nelle quali la parte principale della storia è ambientata, anche se con i tempi che corrono mi sembra tuttaltro che superfluo "ricordare" quelle vicende abominevoli, soprattutto per quelli che non le hanno vissute; non solo per la forza e l'autenticità di molti dei personaggi che popolano il racconto; non solo per la fluidità dei dialoghi, che considero la parte più riuscita dell'opera; non solo per il sovrapporsi dei tre tempi narrativi, trattata con talento e originalità; e non solo per la riflessione che suscita la domanda "Ma chi può essere considerato eticamente il vero proprietario dell'uovo?". Per me Tempo di Fuga è un bellissino libro per l'intreccio di tutte queste ragioni.

  • User Icon

    Jenny Del Chiocca

    01/08/2006 11:09:04

    Sempre più, nella letteratura enorme che riguarda la tragedia del popolo ebraico nella II Guerra Mondiale, sembra che lo scrivere su un argomento tanto doloroso dia una specie di passepartout per dare il viatico di libro "imperdibile" anche a opere che realmente sono poco più che un esercizio calligrafico. Non mi pare che questo "Tempo di fuga" si discosti da ciò. Ho iniziato a leggerlo, incuriosita dal battage che aveva accompagnato la sua uscita e la delusione è arrivata dopo un davvero breve numero di pagine. In una intervista all'autrice, questa dichiarava di essersi servita in parte dei ricordi della sua famiglia di adozione ma proprio qui è il nodo del problema. Scrivere rispettando il canone di tre livelli temporali diversi, che spaziano nell'arco dell'intero Novecento, non è di per sè già cosa semplice e la pretenziosità si rivela mano a mano che ci si inoltra nel libro. Le vicende dei nuclei familiari rifugiati in Svizzera sono un misto di cronachismo e tentativo di introspezione psicologica, mentre la narrazione della vicenda russo-francese è francamente di una "povertà" che sconcerta. Meglio la parte contemporanea, la descrizione di un ambiente tipicamente alto-borghese di Torino funziona,il milieu dell'Autrice le consente di renderlo con una certa sottigliezza. Come il suo essere donna l'aiuta a esprimere il meglio nelle descrizioni dei caratteri femminili. Ciò però nom mi impedisce di ribadire il concetto espresso all'inizio... E' un libro che non aggiunge niente, non trasmette alcuna emozione al lettore. Non basta una copertina con foto d'antan per dare il senso della precarietà e angoscia di quegli anni.

  • User Icon

    n.d.

    27/06/2006 15:31:32

    belllissimo..indescrivibile..non l'ho ancora finito..ma ho già capio che la scrittrice è geniale..e dalle fto anche bellissima.. pensate che l'ho vista dal vero!! i suoi passi delicatifacevano sembrare la sua camminata 1 ballo..la sua voce è così dolce..ed è 1 pure scrittrice!!!fantastca..molto semplicemente!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione