Un tentativo di colmare l'abisso. Lettere 1968-1996

Guido Ceronetti,Sergio Quinzio

Editore: Adelphi
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 16 aprile 2014
Pagine: 444 p., Brossura
  • EAN: 9788845928758
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
È sotto il segno delle divergenze, e al tempo stesso della comune esigenza di una lettura insieme rigorosa e appassionata, che si apre e si chiude, nell'arco di ventotto anni, l'amicizia epistolare tra Ceronetti e Quinzio: due adelphiani della prima ora. Due vite segnate dalla abissale contaminazione con il sacro e con la parola, da quella poetica a quella scritturale, che l'epistolario restituisce in una policromia di sfumature e di rimandi serrati. Due fedi assolute, infrangibili, irriducibili: da un lato quella paolina, teologicamente "scandalosa", di Sergio Quinzio nella resurrezione della carne, nella consolazione finale; dall'altro quella, filosoficamente tenace, di Guido Ceronetti nel potere della gnosi. Due anime che, ciò nonostante, non cessano di interpellarsi e di ascoltarsi a vicenda, e non soltanto su argomenti teologici, ma anche sui grandi dibattiti che investono la società e la politica (l'aborto, il conflitto israelo-palestinese), fino ai problemi della vita quotidiana (la salute, il cibo, i traslochi).

€ 28,90

€ 34,00

Risparmi € 5,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

29 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco Pullia

    10/06/2014 12:24:04

    Ceronetti e Quinzio, due voci a dir poco singolari nel panorama culturale italiano. Il primo, ultraottuagenario, se ne va ancora in giro con ben incollato in testa un basco da bohemien da cui fuoriesce una canuta chioma ribelle, spargendo a destra e a manca scintille gnostiche e assestando, con il suo caustico scetticismo, micidiali sciabolate all'onnipervadente modernismo globalizzante. In un'epoca in cui anche l'arte è soggiacente alla tecnologia più sofistica, ha preferito dedicarsi, in controtendenza, tra un poema, un aforisma e una traduzione, ad un teatrino di marionette in cui s'intrecciano sarcasmo ed affabulazione. Una scelta decisamente emblematica di una visione che non intende rassegnarsi alla caduta mondana cui ci avrebbero relegato la malvagità e l'impostura di un demiurgo spacciatosi per dio. Il secondo, lunga barba da profeta, si dilunga fino alla morte (avvenuta prematuramente, a neanche settant'anni, nel 1996) in una continua, accorata, lamentazione, si macera, a metà tra Geremia e Giobbe, spingendo il proprio intimo «nella gola del leone». Accanito monoteista, apocalittico incallito, mette a ferro e fuoco la sua fede, ne prova la resistenza, la scaglia violentemente contro il muro del pianto e, insieme, la accudisce con tenerezza, preservandone la corolla. Manda al diavolo diciassette anni di lavoro sofferti come finanziere, si ritira in semiromitaggio in un paesino delle Marche in ardente lettura biblica sine glossa dando vita a quattro commentari adelphiani il cui linguaggio risulterà decisamente ostico sia ai roditori confessionalisti che ai teologi del progressismo esasperato. Due personalità così non potevano che incontrarsi e confrontarsi in un intensissimo epistolario protrattosi per quasi un trentennio, dal 1968 al 1996. Un libro denso, trasudante provocazione, minuziosamente curato da Giovanni Marinangeli, autore di un ricco e ben documentato apparato di note in appendice.

Scrivi una recensione