Categorie

Mario Desiati

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2011
Pagine: 258 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804608844

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Carla

    06/09/2012 12.42.23

    C'e' tutto: la famiglia, il lavoro, il Sud, La malattia, la morte .. troppo forse, non mi ha coinvolto come mi sarei aspettata

  • User Icon

    umberto73

    05/01/2012 15.23.42

    Racconta l'italia dell'immigrazione,storie neanche poi tanto lontane nel tempo.Poi mette in risalto le tanti morti di Eternt,tante vite stroncate per guadagnare da vivere.Mimi una donna forte e attualissima!

  • User Icon

    orni

    02/01/2012 13.20.11

    Ho comprato il libro mossa da grande curiosità perchè sono una cittadina di Tricase, paese in cui è ambientata la storia. Non mi è piaciuto, l'ho trovato noioso e scontato, nella narrazione e nello stile. Nulla di nuovo, nessuna originalità, scrittura mediocre, ma c'è di più: il dialetto non è assolutamente quello di Tricase e dintorni, ma un guazzabuglio di termini di provenienza tarantina (Martina Franca?),leccese e chissà che altro, così come certe consuetudini attribuite ai tricasini. Leggendo il libro si capisce che l'autore è stato a Tricase, sì, ma da semplice turista. Mi dispiace e mi fa persino rabbia che uno scrittore che decide di innestare una storia su un determinato luogo non senta poi la necessità di approfondirne i riferimenti;sarebbe bastata la semplice consulenza con uno del luogo per eliminare un madornale errore. Capita che certi "artisti" si sentano "dei in terra" e dalla postazione del loro studiolo si picchino di saper raccontare del mondo intero. Ho letto che vorrebbero farne un film. Magari sarà in stile fiction, melenso e scontato ancor di più e soprattutto con quell'orribile parlata che l'autore ha avuto la presunzione di coniare e di mettere in bocca a noi tricasini.

  • User Icon

    Giovanni

    09/10/2011 10.23.05

    Un romanzo che conferma la buona vena narrativa dell'autore. Sullo sfondo del dramma dell'asbesto, piuttosto dimenticato, viene innestata una storia che racconta emigrazione, ritorno, condizione femminile, mezzogiorno. Convincente, per chi lo conosce, l'affresco davvero suggestivo della realtà del basso Salento, tra paesaggi e poesia, tra feste e precarietà, tra rampantismo e dialetti, e infine la storia di anticonformismo e ribellione dell'ammaliante protagonista Mimì.

  • User Icon

    elda

    22/07/2011 19.09.08

    È un romanzo interessante dalla scrittura lineare e dalla vicenda coinvolgente. Mi ha affascinato il personaggio di Mimi, così coraggiosa, così appassionata, così anticonformista.

  • User Icon

    ilse

    13/07/2011 12.15.06

    Divido il contenuto dalla forma. La scelta del primo è lodevole: emigrazione, desolazione economica del Sud di Italia, morti bianche, forza delle donne, fragilità ed egoismi degli uomini. Apprezzabile poi la scelta del punto di vista femminile, lo sforzo di mettere al centro della scena un bel personaggio come quello di Mimì, ma è una sfida difficile che non viene vinta fino in fondo: Mimì ragazza è sicuramente più poetica e azzeccata, Mimì donna invece ha un che di artificioso, si sente il lavoro di mettere nel personaggio i simboli, si perde la verità. C'è un altro aspetto che non convince: il racconto non è fluido, procede per immagini, celebrazioni di paesaggi e piccoli episodi (a volte quasi folklore paesano); l'idea che si fa il lettore è che nella composizione del romanzo si sia fatto un puzzle di varie suggestioni che prese una alla volta sono ottime prove d'autore ma nell'insieme restano slegate, non raggiungono quella armonia necessaria per parlare di "romanzo" più che di esercizio narrativo. Sullo stile poi: la metafora è noiosa e la lingua, barocca per scelta campanilistica, resta comunque barocca nel senso peggiorativo del termine.

  • User Icon

    snark

    05/07/2011 14.28.25

    Romanzo molto piacevole. Stile fluente, armonico con il contesto del romanzo. Alcuni inserti in dialetto, ma di semplice comprensione che non appesantiscono il romanzo. Grande storia di Mimì, della sua crescita, della rivendicazione della sua autonomia e del suo amore. Ma anche storia sociale di emigrazione (l'evento scatenante) e del territorio Salentino. Ho fatto un viaggio in Salento poco dopo aver letto il libro: mi ha emozionato molto vedere i luoghi narrati da Desiati. Bello. Da leggere per scoprire la durezza della vita, la gioia della giovinezza, la liberta', il mare, il Ciolo, la passione, .....

  • User Icon

    Sara Orioli

    10/06/2011 11.34.30

    Condivido abbastanza le recensioni di IBS che mi hanno convinta ad un acquisto di cui non mi pento. Sinceramente non mi sembra un romanzo imperdibile, ma l'architettura è ragionata e la storia fa riflettere, anche molto. Ho letto recentemente romanzi italiani migliori, ma almeno questi non sono state ore inutili

  • User Icon

    Matteo

    24/05/2011 17.06.47

    Il romanzo è bello, i luoghi stupendi, i personaggi veri. Peccato per il dialetto che lascia molto a desiderare. Mi offro volontario per riscrivere tutti i dialoghi in perfetto dialetto salentino del capo.

  • User Icon

    ant

    20/05/2011 19.13.18

    Si parla di emigrazione, precisamente dalla Puglia in particolar modo dalla provincia di Lecce, un gruppo di persone salgono in Svizzera, a Zurigo, negli anni 70 per lavorare all'Eternit e per cercare di migliorare sia dal punto di vista economico che sociale . Molto ben delineate dallo scrittore le situazioni dell'approccio a questa nuova realtà da parte degli emigranti, le difficoltà iniziali, il vivere di poco e con molto sacrificio. In questo frangente Mimì la protagonista del libro ha una storia con un figlio di altri emigranti leccesi,Ippazio e da questa fugace scappatella nasce Arianna. Da questo momento in poi della narrazione lo scritore è bravo a tenere il lettore attento e curioso su due livelli d'interesse verso le pagine: le vicissitudini personali di Mimì che intanto con la bimba se n'è tornata a Lecce; le battaglie degli operai nei confronti dei responsabili della fabbrica per tanti decessi dovuti all'asbestosi, malattia causata dall'amianto. Su questi due livelli di cui sopra si sviluppa un signor libro e non voglio star qui a svelarvi passaggi importanti e profondi del testo. Desiati ci descrive con poesia e maestria certi paesaggi tra Tricase e zone limitrofe, che sono da brivido a dir poco: scogliere e rocce sul mare, la pietra salentina che al tramonto assume colori unici... le chiese, le case di campagne, gli ulivi, i prodotti tipici del luogo, i racconti e la nostalgia degli emigranti. Stupendo si può dire?Lo dico! Bell'intreccio di storie, bel libro. Saluti

  • User Icon

    Paolo

    12/05/2011 09.57.14

    Gran bel romanzo, scrittura personale, storia significativa di sradicamenti nostalgie amori e dolori e ben condotta dall'autore. Lu ternitti è l'eternit, fonte di sostentamento e chimera mortale.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione