Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Terrore e terrorismo. Saggio storico sulla violenza politica - Francesco Benigno - copertina

Terrore e terrorismo. Saggio storico sulla violenza politica

Francesco Benigno

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Collana: Einaudi. Storia
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 30 ottobre 2018
Pagine: XXI-366 p., Rilegato
  • EAN: 9788806232641
Salvato in 57 liste dei desideri

€ 30,40

€ 32,00
(-5%)

Punti Premium: 30

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Terrore e terrorismo. Saggio storico sulla violenza politica

Francesco Benigno

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Terrore e terrorismo. Saggio storico sulla violenza politica

Francesco Benigno

€ 32,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Terrore e terrorismo. Saggio storico sulla violenza politica

Francesco Benigno

€ 32,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 30,40 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Francesco Benigno dà corpo e sostanza in modo brillante a questa tesi storiografica conducendo il lettore tra epoche molto diverse: dal Terrore della rivoluzione francese alle bombe anarchiche, dal populismo russo alla Guerra fredda, dagli anni di piombo all'11 settembre

Vi sono elementi di notevole continuità tra il terrorismo come lo conosciamo oggi e la concettualizzazione tradizionale dell'azione rivoluzionaria, in specie anarchica. Ieri come oggi, infatti, e malgrado le apparenze, essa si rivolge non tanto alla popolazione della nazione da colpire ma a un proprio popolo, ad una propria comunità. Gente che va richiamata alla lotta e a cui occorre dimostrare che vincere è possibile, che il debole può sconfiggere il forte. Che la Causa trionferà a patto che altri prendano in mano il testimone lasciato da quella avanguardia che, a rischio o sacrificio della propria vita, ha osato l'inosabile. L'atto «terroristico» non è dunque messo in atto col tentativo primario di terrorizzare ma con quello di conquistare i cuori e le menti di un popolo considerato oppresso, quello con cui si identifica il gruppo autore dell'atto, che attraverso esso combatte anche una sua particolare battaglia per la primazia nel suo schieramento, per essere identificato come il principale portabandiera della propria Causa. Lo scopo del gesto «terroristico» è, in altre parole, quello di delinea- re, attraverso un'immagine polarizzata sull'asse noi-loro, lo scenario di una guerra, definita in termini assoluti come lo scontro tra il bene ed il male

Non c'è terrorismo senza cause e anzi, per meglio dire, senza una Causa. Ed è questa causa ad essere «messa in scena» nell'atto terroristico attraverso la costruzione di un evento che è una rappresentazione polarizzata della lotta del bene contro il male. Generalmente si intende per terrorismo la deliberata volontà di diffondere terrore colpendo la popolazione inerme considerata nemica. Terrorismo, dunque, come creazione di terrore. Francesco Benigno contesta tale approccio ricorrendo alla storia. La produzione di «terrore» non è stata infatti storicamente l'unica dimensione del «terrorismo» e anzi esso può essere meglio compreso come la costruzione di un evento clamoroso, capace di risvegliare le masse dal loro sonno politico, qualcosa che «parla» anzitutto al popolo e che gli anarchici chiamavano «propaganda col fatto». Allo stesso tempo però la storia ci insegna che il terrorismo è anche una tecnica bellica usata in tempi di pace, la continuazione della politica con mezzi esplosivi. In questo senso esso è quindi uno spazio di opportunità aperto ad una pluralità di attori, statali e non statali, che usano il terrore (e il contro-terrore) come strumento di politica interna e internazionale.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rossana

    21/05/2019 07:41:17

    È compito dello storico analizzare le categorie che ci impediscono di comprendere fenomeni sociali, schiacciando sull’attualità nozioni agitate e non interrogate. Tale è il destino di “terrorismo”, di cui manca una definizione in termini neutri e descrittivi, proprio perché si tratta di un giudizio morale, uno stigma affibbiato per condannare e non per conoscere. Per decenni Mazzini dovette difendersi dall’accusa di essere un terrorista, e tali erano, i partigiani nell’ottica dei criminali di guerra nazifascisti. Come leader di un’organizzazione terroristica Mandela ha scontato 27 anni di carcere, e terroristi erano stati definiti Begin e Arafat, altri due Nobel per la pace. Ne era consapevole lo stesso Begin, quando ricordava che “i nemici ci chiamavano terroristi, gli amici patrioti”. I combattenti afghani dichiarati patrioti da Reagan quando combattevano i sovietici saranno poi dichiarati terroristi. È benvenuto questo libro, che con rigore ricostruisce non solo contesti e variabili storiche, geografiche, ideologiche del terrorismo, ma anche i motivi per cui è scattata l’etichetta stigmatizzante. Una volta assunta la problematicità della nozione di terrorismo, diventa più difficile cedere alla ossessione definitoria, e si scopre che i tratti di continuità tra fenomeni giudicati “terroristici” sono così rilevanti, da relativizzare quelle che ci vengono agitate da politici e media – e da un’opinione pubblica sempre più inerme - come “novità” spiegate con ragioni religiose e valoriali, da ricondurre alla lotta tra bene e male, civiltà armoniche e disordini satanici, e in definitiva tra “noi” e “loro”. Non si tratta certo di comprendere per giustificare, anzi: contrariamente a quanto è sembrato a chi si è accostato superficialmente al libro, più severo risulta il giudizio sulla violenza se, come Benigno, si vede nei vari “terroristi” e “controterroristi” la volontà di mettere in scena lo scontro bene-male attraverso atti di violenza estrema e criminale.

  • User Icon

    quirino romano

    12/05/2019 22:59:33

    a forza di destrutturare il fenonomemo studiato, l'autore ha fatto scomparire l'oggetto del suo studio...ci sono tanti terroristi ma il terrorismo non c'è più.....lo stesso gli è accaduto nel volume sulla mafia: tanti mafiosi ma nessuna mafia

Introduzione. Il fantasma del nostro tempo

TERRORE E TERRORISMO

I Prologo: laddove tutto iniziò
- La religione del pugnale
- Terrore e virtú
- Il terrore come sistema
- Terroristi, cioè giacobini
- La Santa uguaglianza

II Morire per la libertà
- Guerriglia
- La rigenerazione delle nazioni
- Guerra per bande
- Insurrezione
- Avanguardismo e tirannicidio

III Nel cuore del popolo
- La «propaganda col fatto»
- Una nazione oppressa
- Colonizzazione e resistenze
- Andare al popolo
- Colpire al centro

IV Non ci sono innocenti
- Il metodo russo
- Terrorismo individuale
- Anarchismo globale
- Il volto nascosto del terrore

V Logiche del terrore
- Culture di guerra
- Terrorismo e comunismo
- Guerra totale
- Attentati politici e strategie di potenza
- Il terrorismo dell'intelligence

VI Guerra fredda
- Decolonizzazione
- La rivoluzione nelle campagne
- La teoria della guerra rivoluzionaria
- La battaglia di Algeri

VII Anni di piombo
- «Hasta la victoria, siempre»
- Giovani contro
- Guerriglia urbana
- Arginare l'onda
- Nuova sinistra e lotta armata

VIII Terrorismo internazionale e guerra al terrore
- Un papa guerriero
- L'eclissi del sol dell'avvenire
- Pistole in vendita
- Un mutamento di paradigma
- Islamismo
- La guerra globale del terrore

Cìonclusioni. Le lezioni di storia

Riferimenti bibliografici
Indice dei nomi
  • Francesco Benigno Cover

    Francesco Benigno insegna Storia moderna, fa parte del comitato di redazione di «Meridiana. Rivista di storia e scienze sociali» e della redazione di «Storica». Le sue ricerche si concentrano sulla storia politica europea della prima età moderna con particolare riferimento all’Italia spagnola e alla monarchia degli Asburgo. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Specchi della rivoluzione. Conflitto e identità politica nell’Europa moderna (Donzelli 1999); Ultra pharum. Famiglie, commerci e territori nel Meridione moderno (Meridiana libri 2001); Mirrors of revolution. Conflict and political identity in early modern Europe (Brepols 2010); Favoriti e ribelli (Bulzoni 2011) La mala setta. Alle origini di mafia e camorra. 1859-1878 (Einaudi... Approfondisci
Note legali