Categorie

Thomas Hardy

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806231040
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elisabetta

    05/09/2015 14.04.46

    Thomas Hardy aveva uno stile inconfondibile e quanto mai complesso, soprattutto per i numerosissimi passaggi in dialetto che si trovano sul testo originale e che avevano la funzione di collocare i vari personaggi come appartenenti ad un determinato status sociale. La storia è tragica, la protagonista talmente ingenua e pura da lasciarsi condizionare dalle esigenze della famiglia, soprattutto da una madre detestabile piena di bambini e priva dei mezzi (e delle capacità) di sostentarli. Tess, bella e innocente, sarà vittima dell'egoismo, della lussuria e dell'incapacità di perdono da parte di vari personaggi che le ruoteranno attorno nella sua miserabile esistenza. Unica pecca di questo romanzo (e unico motivo per cui non do il massimo dei voti) è che lascia davvero l'amaro in bocca...per questo non mi sono ancora avvicinata a 'Jude the Obscure', considerato all'unanimità la storia più tragica scritta da Hardy..

  • User Icon

    Marta80

    01/01/2014 18.23.16

    Un romanzo intenso e coinvolgente. Impossibile non appassionarsi alle vicissitudini di Tess, che segnata da un destino avverso, cerca con tenacia di riscattarsi; inevitabile la tenerezza che suscita il suo agire sempre in buona fede, anche quando la decisione presa si rivelerà essere quella più sbagliata. Uno splendido affresco della vita nelle aree rurali dell'Inghilterra di fine '800, un classico della letteratura vittoriana che merita a pieno titolo di essere letto e apprezzato.

  • User Icon

    laura

    08/11/2012 16.39.40

    Storia tragica su una donna la cui vita viene continuamente annichilita da uomini rozzi e manipolatori al punto che la costringeranno a rinunciare alla sua anima. Bello l'affresco della campagna inglese, quella fatta ancora di cose antiche, paesaggi poetici e duri. Il libro è scritto bene, si intravvedono spunti molto interessanti ed un linguaggio a volte ottocentesco. Lo consiglio per la molteplicità delle sfumature psicologiche in esso contenute.

  • User Icon

    valter

    07/01/2011 17.31.16

    Mi è piaciuto tantissimo. In questo romanzo la capacità di Hardy nel portare in primo piano una vicenda che mette in evidenza il tema del conformismo e che sempre porta ad opionini popolari distruttive è straordinaria. Perchè il tutto lo arricchisce descrivendo la vita dura della campagna e del mondo del lavoro, lo sfruttamento, il rapporto tra la gente ed il vicariato; con uno stile poetico e frasi che si sussuegono che formulano paragoni, citazioni, aforismi... insomma la lettura è stata per me un vero piacere.

  • User Icon

    Ginevra Valdeschi

    02/11/2009 13.35.43

    Scrittura chiara ma profonda per raccontare il percorso di una giovane donna che, lentamente, prende coscienza di sé. Un opprimente senso di impotenza fa da sfondo all'intera vicenda.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione