The dark screen. Il mito di Dracula sul grande e piccolo schermo

Franco Pezzini,Angelica Tintori

Editore: Gargoyle
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 27 novembre 2008
Pagine: 695 p., Rilegato
  • EAN: 9788889541289
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Nessun personaggio, reale o di fantasia, ha conosciuto più trasposizioni sullo schermo - cinematografico o televisivo -del Conte Dracula. La creatura di Bram Stoker precede di gran lunga, in tale primato, Sherlock Holmes (insediato saldamente al secondo posto). Quali i motivi di un successo così clamoroso e longevo? Come si è evoluta la figura del Principe delle Tenebre dagli albori del cinema all'era degli effetti speciali? Qual è il filrouge che lega cineasti e interpreti tanto diversi tra loro, sconfinando nel musical, nel porno, nella pubblicità? The Dark Screen non è, attenzione, uno dei soliti libri di cinema, ricchi di foto e illustrazioni cucite insieme con un commento più o meno originale e corredate da un elenco di "schede" che oggi ogni fan può autonomamente (e gratuitamente) scaricarsi da Internet. Qui, il mito è analizzato nelle sue radici più remote e passato in rassegna in maniera completa e rigorosa, con competenza profonda e amore sviscerato, componendo un quadro di insieme probabilmente unico nell'ambito della saggistica su Dracula.

€ 9,50

€ 19,00

Risparmi € 9,50 (50%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gnappide

    01/11/2010 18:30:03

    Grande libro. Non è il classico libro che si legge se non si è appassionati dell'argomento anche perchè pieno di nozioni tecniche che lo rendono poco scorrevole.Esso è una miniera di informazioni sul conte più famoso della storia del cinema. In una nota di copertina Alan Altieri afferma che negli USA gli autori riceverebbero una cattedra a Yale. Purtroppo siamo in Italia e da noi opere del genere sono poco valorizzate e gli autori non possono di certo vivere grazie ad esse. Fortemente consigliato agli appassionati del genere.

Scrivi una recensione