Third

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Portishead
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Island
Data di pubblicazione: 18 aprile 2008
  • EAN: 0602517664012
Verso la metà degli anni ’90 nella zona attorno alla città di Bristol i Portishead, assieme ai Massive Attack, con l’album Dummy hanno dato vita ad un vero e proprio nuovo genere musicale (musica elettronica con influenze hip hop, jazz e dub poi definito trip hop). La musica della band ha influenzato un’intera generazione di appassionati ed ha caratterizzato il suono di un decennio e oltre, pur mantenendosi in una dimensione musicale senza tempo che li ha posti al di sopra di qualsiasi collocazione temporale. L’ultimo album in studio, l’omonimo “Portishead”, risale al 1997.
Dopo oltre 10 anni tornano i PORTISHEAD. La band che ha inventato il trip hop composta da Beth Gibbons, Geoff Barrow e Adrian Utley pubblica il nuovo attesissimo (terzo) album di studio.
Disco 1
1
Silence
2
Hunter
3
Nylon Smile
4
The Rip
5
Plastic
6
We Carry On
7
Deep Water
8
Machine Gun
9
Small
10
Magic Doors
11
Threads
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Max

    07/03/2019 18:40:04

    Album che arriva dopo più di 10 anni dal predecessore e col senno di poi si può affermare che è stato un bene, perchè la band di Bristol ha potuto lavorare senza pressione e senza l'assillo di proseguire nel solco tracciato con i primi 2 dischi. Spogliatisi così dell'etichetta trip-hop che tanto vestiva stretta, lasciando da parte lo scratch sul vinile, i ritmi dub e le fascinazioni retrò, i Portishead realizzano un lavoro rock nel senso più ampio e sperimentale, con chitarre e percussioni a tratti quasi tribali a farla da padrona, da cui scatorisce un suono duro, spigoloso e dalla non facile presa immediata. Il lato elettronico resta tuttavia sempre in evidenza, rasentando a tratti la ruvidezza dell'industrial, facendo tesoro della lezione pioneristica dei Silver Apples. Tra i brani spiccano Silence, con il suo incedere tumultuoso, la mistica Magic Doors, il crescendo dolce e suadente di The Rip e l'inquietudine e l'acidità di Machine Gun e We Carry ON

  • User Icon

    andreamaddy

    02/08/2008 19:13:54

    Bello questo ritorno, la voce intensa e piena di pathos di Beth Gibbinson, i suoni post industriali e sonorità fine '60 primi '70. THE RIP è un capolavoro, MACHINE GUN è un affascinante pugno nello stomaco, WE CARRY ON ha un dinamismo unico e fa venire in mente gli ingranaggi di Metropolis e Tempi Moderni, SILENCE appassiona mentre SMALL arriva puntuale dritta al cuore (ma spezzato). Ce ne fossero di più di dischi così!

  • User Icon

    epi

    22/06/2008 11:47:32

    Ci sono dei rapidi momenti in cui ti sembra che il mondo che ti circonda vibri in accordo con i tuoi sentimenti, in particolare l'altro, vicino a te, sembra comprendere pienamente i tuoi stati d'animo. Ma è un'illusione. Ciò che ti circonda si muove su linee proprie rispetto a ciò che provi e la tua felicità o le tue paure hanno per il mondo la stessa consistenza di deboli increspature per la sostanza del mare. Portishead sono i cantori dell'inconciliabile: le melodie e le parole di Gibbons sono segnali dolenti inviati in uno spazio sordo e alieno le cui forme si plasmano e i cui mutamenti procedono indifferenti alla nostra esistenza. Questo terzo lavoro focalizza più chiaramente un percorso iniziato con il primo disco e conferma la capacità di Portishead di superare ogni modello (trip-hop?) che ha tentato di semplificarne la proposta artistica.

| Vedi di più >
Note legali