Categorie

Italo Calvino

Editore: Mondadori
Anno edizione: 1995
Formato: Tascabile
Pagine:
  • EAN: 9788804401681

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gab

    20/06/2014 15.23.04

    Sensazionale...Letteratura, scienze, matematica e fisica mai cosi' fuse

  • User Icon

    Luigi

    25/01/2014 12.11.09

    Solo Calvino poteva riuscire nella non facile impresa di coniugare argomenti di genere scientifico con filosofia e letteratura. Il tutto in 11 racconti divisi in tre parti. Nella prima parte vengono trattati argomenti di tipo astronomico: la formazione dei continenti, l'origine degli uccelli, quella dei cristalli ed infine la materia primigenia esterna che si coagula diventando interna, ovvero il sangue del mondo prima libero poi racchiuso nel corpo umano. Nella seconda parte si parla della riproduzione ovvero di "Mitosi" e "Meiosi". Nelle prime due parti il protagonista è Qfwfq (già presente ne "Le cosmicomiche"), ovvero una sorta di "pneuma vitale" presente dagli arbori che guida il lettore esprimendo le proprie personali opinioni sugli accadiment. In pratica il nome è un chiasmo, con le consonanti QF disposte a croce che mettono in evidenza la W: dal punto di vista visivo a me è sembrato di vedere un cancello, una sorta di porta extra-dimensionale che conduce in un'altra dimensione. L'ultima parte è formata da quattro racconti incentrati sui paradossi del filosofo Zenone relativi ai concetti di Tempo e Spazio; in particolare il racconto che dà il titolo alla raccolta "Ti con zero" ovvero "Tempo Zero" si rifà esplicitamente al paradosso della freccia che, secondo Zenone, appare in movimento ma in realtà è immobile. In ogni istante essa occupa solo lo spazio della sua lunghezza e poiché il tempo in cui la freccia si muove è fatto di singoli istanti, essa sarà immobile in ognuno di essi. Calvino traduce il paradosso rarefacendo il tempo nell'immagine di un cacciatore che sta per scoccare una freccia mentre è attaccato da un leone. nell'ultimo racconto "Il conte di Montecristo" viene preso in considerazione il principio di sovrapposizione, uno dei cardini della meccanica quantistica. E' la fortezza reale ad essere inespugnabile o quella costruita nella nostra testa? Ovvero sono le barriere del mondo ad essere insormontabili o quelle che ci costruiamo noi?

  • User Icon

    sandro landonio

    23/07/2010 10.21.49

    La presenza di Qfwfq é un tratto in comune con "Le cosmicomiche", ma l'indagine che effettua l'autore in "Ti con zero" ha un approccio molto più concettuale. La profondità dei concetti é esasperata da un linguaggio semplice ma che si attorciglia su se stesso: "di quel dire impossibile che porta a dire se stesso, anche quando il se stesso si dividerà in un se stesso che dice e in un se stesso che é detto, in un se stesso che dice e certo morirà e in un se stesso che é detto e che alle volte rischia di vivere". Calvino, come l'essere impersonale di Mitosi, sembra mosso al dire, più che al comunicare ed il lettore si ritrova in parte spaesato nei periodi che rincorrendonsi sembrano librare su un mondo delle idee di pura astrazione.

  • User Icon

    Rickyfitts

    22/11/2006 23.36.05

    Geniale. Più arguto e preciso delle Cosmicomiche, un altro risultato altissimo nell'eterogeneità del corpus calviniano. Di fronte a certi racconti del proteiforme narratore Qfwfq, non si può non rimanere affascinati dai lambiccamenti, dai pensieri, dalla fervida immaginazione che l'Essere (animale, vegetale, cellula o umano che sia) produce continuamente quando guarda il mondo che lo circonda. Qfwfq è un "semplice" filosofo, che costretto a rendersi conto dell'esistente, non può che continuare a farsi domande sul tempo, sullo spazio, sul sangue, sulla Luna (affascinato come un lupo, come Leopardi); ma anche sul traffico e sui semafori! Calvino, come Gadda, tenta disperatamente di mettere le mani sul "tutto", sul caos del mondo, rimpicciolendosi per essere atomo e dilatandosi per essere infinito; La Scienza può aiutare, sì... ma anche no. E allora lasciamola viaggiare a braccetto con l'Irrazionalità. Ti con zero: scienza, matematica, filosofia, riflessione, fantasia, sregolatezza, regno dell'assurdo, spazio, tempo, quarta dimensione, preistoria, universo, amore, morte, comicità, dramma. Calvino si riconferma Puro Genio del Pulviscolare.

  • User Icon

    Andrea Laforgia

    28/06/2004 16.44.24

    Continuazione malriuscita de "Le cosmicomiche". L'autore ha forzato un pò la mano.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione