Tipi italiani. Venticinque vite fuori dall'ordinario

Stefano Lorenzetto

Editore: Marsilio
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 9 giugno 2004
Pagine: 303 p., Rilegato
  • EAN: 9788831784573
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 8,10
Descrizione
Cinque anni fa, Stefano Lorenzetto, ha inaugurato sul quotidiano per cui lavora una galleria di ritratti settimanali di un'intera pagina, presto divenuta un genere giornalistico. "Tipi italiani", li ha chiamati: nelle loro vite trovano infatti compendio i migliori pregi e i peggiori difetti nazionali. Lorenzetto ha incontrato sconosciuti di fama (la pronipote di Garibaldi e il Divino Otelma), chi la celebrità l'ha sfiorata (il cameriere di Hitler e la bambinaia di Fermi) e chi invece non se n è mai preoccupato, essendo troppo impegnato a vivere, come Shlomo Venezia, l'ultimo dei Sonderkommando di Auschwitz. A ciascuno l'intervistatore ha saputo dedicare l'identica attenzione, l'identica umanità.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alice

    20/11/2004 14:20:26

    Non male,per carità, ma a me ha un po' annoiato. Probabilmente leggere queste interviste sul giornale una volta a settimana fa un effetto diverso cbe ritrovarsele una in fila all'altra, su un libro. Alla lunga irritano domande e risposte, fatte apoposta per mettere in luce i lati più squinternati dei personaggi, che a volte appaiono davvero improbabili. In certe risposte, poi è presente un'annedotica davvero fastidiosa. Lorenzetti è bravo, e ottima è la scelta degli intervistati... l'errore è stato farne una raccolta.

  • User Icon

    giobia blogocauda

    01/07/2004 19:19:34

    Ho cominciato a leggere le interviste di Lorenzetto sul "Giornale" (ogni domenica, imperdibili) perché me le ha segnalate un amico. Da allora ci rinuncio raramente. Lui è un maestro, imbattibile. In questo libro raccoglie gli incontri con venticinque personaggi sconosciuti o semi-sconosciuti. Gente che sui giornali ci finisce di rado. Alcune interviste sono esilaranti, altre semplicemente affascinanti. Qualcuna, va detto, è noiosetta (Anita Garibaldi a me non è piaciuta). C'è lo scienziato che si pianta i chiodi nel naso, il tizio che vive in una grotta alle porte di Roma, il cameriere di Adolf Hitler, quella che ce l'ha con chi fa (e si fa fare) i trapianti, la signora che non si può muovere dal letto ma che traduce libri e testi antichi in innumerevoli lingue, il catturatore di pantere... Da leggere.

Scrivi una recensione