Tiqqun. Riparare il mondo. I fondamenti del pensiero ebraico dopo la Shoah

Emil L. Fackenheim

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: M. Doni
Curatore: M. Giuliani
Editore: Medusa Edizioni
Collana: Grandi saggi
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 31 maggio 2010
Pagine: 304 p.
  • EAN: 9788876980862
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 20,82

€ 24,50
(-15%)

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Tiqqun. Riparare il mondo. I fondamenti del pensiero ebraico...

Emil L. Fackenheim

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Tiqqun. Riparare il mondo. I fondamenti del pensiero ebraico dopo la Shoah

Emil L. Fackenheim

€ 24,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Tiqqun. Riparare il mondo. I fondamenti del pensiero ebraico dopo la Shoah

Emil L. Fackenheim

€ 24,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In "Tiqqun - Riparare il mondo Emil L. Fackenheim" ha elaborato un'acuta riflessione sulla Shoah (lo sterminio di sei milioni di ebrei programmato e perpetrato dai nazisti e dai loro collaboratori nel cuore dell'Europa del XX secolo) intesa come drammatica cesura sia per la pur frequentemente tragica storia degli ebrei, per la civiltà occidentale nel suo insieme e in particolare per la filosofia e la religione cristiana che di quella civiltà sono state a lungo fondamento e baluardo. E tuttavia se tale riflessione, fermandosi sulla soglia della cesura, si limitasse a dichiarare la bancarotta della ragione e della fede, finiremmo - sostiene Fackenheim - con il dare una vittoria postuma a Hitler distruggendo il tempio costruito dalle inenarrabili lacrime e preghiere delle vittime e abbandonando il mondo alle forze di Auschwitz. Portando a maturazione le inquietanti domande poste fin dagli anni Sessanta in La presenza di Dio nella storia, il filosofo e teologo ebreo che ha esperito il campo nazista di Sachsenhausen esplora qui alcune possibili risposte al riparo dalle critiche di quanti nella "voce imperativa che viene da Auschwitz" (che Fackenheim definì il "614° precetto") hanno visto un blasfemo accostamento al Monte Sinai.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Stella Alpina

    08/11/2013 22:27:23

    In Tiqqun ritroviamo due orizzonti, da una parte quello particolare del popolo ebraico, dall'altra il destino della cultura occidentale e, più in generale, di tutta l'umanità, e non poteva essere diversamente, dal momento che la Shoah non ha solo sterminato 6 milioni di ebrei, ma anche interrotto la continuità della cultura occidentale, le sue filosofie e persino la religione cristiana che «dovrebbe chiedersi se è sopravvissuta all'olocausto, visto che non ha fatto nulla per impedirlo». Tiqqun non è un'opera sul pensiero ebraico, ma un atto di riparazione, di conseguenza non poteva occuparsi dell'ebraismo senza essere innanzitutto un libro sul pensiero filosofico, poiché lo stupore da cui nasce la filosofia è stato trasformato in orrore davanti ad un crimine contro il quale sembrava umanamente impossibile resistere, ragion per cui solo lo stupore nei confronti delle vittime che invece seppero resistergli, avrebbe potuto guarire quell'orrore. «Il fatto che oggi esista ancora una Gerusalemme ebraica di carne e di sangue è la migliore conferma che, a dispetto di Hitler, la vita per gli ebrei non si è fermata». Lo stesso Fackenheim tornerà a Gerusalemme per suggellare, attraverso l'assunzione della cittadinanza ebraica, quello che aveva sostenuto nelle sue opere. Questa è la tesi principale dell'opera, una tesi che lancia un messaggio forte, e cioè la convinzione che il futuro, non solo degli ebrei, ma del mondo intero, passi attraverso una presa di coscienza radicale, un ripensamento della cultura occidentale, indispensabile per compiere una riparazione di quella frattura storica, di quel trauma che è stato la shoah. È un'opera che ti emoziona quando non te lo aspetti e che, malgrado il terrore nazista delle selezioni mengeliane abbia distrutto per sempre lo yom kippur delle vittime, attraverso il 614° precetto, ci sfida ancora a sperare, perché, al contrario, abbandonarsi alla disperazione, significherebbe concedere ad Hitler una vittoria postuma.

| Vedi di più >
Note legali