To weave or not to weave? Textile production and the development of a technological habitus in Cypriot Prehistory

Luca Bombardieri Giulia Muti

Editore: Gangemi
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 848,6 KB
  • EAN: 9788849243765
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
Textile archaeology represents a rather elusive field of investigation, just as the products of textile activities archaeologically are. The scarcity of information on Cypriot Neolithic and Chalcolithic adds to this inevitable elusiveness. These two aspects may have led scholars to underestimate the importance of the few available pre-BA documents, which, however, suggest an initial textile production as early as the Neolithic. Additionally, besides shedding some light on a regional aspect of the history of technology, these documents may provide a valuable contribution to the wider debate on the character and development of the technological habitus of prehistoric communities in an insular context. The goal of this study is to try to delineate the evidence related to textile production in pre-BA contexts. Towards this end, it is necessary to examine different textile markers relevant to primary (textile tools and products) and secondary (raw materials and iconography) evidence. | L’archeologia tessile rappresenta un campo di indagine elusivo, almeno quanto archeologicamente elusivi appaiono i prodotti stessi dell’attività tessile. Nel caso specifico della Preistoria cipriota, la scarsità di evidenze riferibili al Neolitico ed al Calcolitico, a fronte della ricca documentazione relativa all’Età del Bronzo, rende il quadro ancora più controverso. La concomitanza di questi aspetti ha portato il dibattito scientifico tradizionale a sottovalutare la rilevanza dei documenti disponibili. Oltre a contribuire con un tassello regionale alla storia delle tecnologia tessile, l’analisi circostanziata di questi documenti, può arricchire la più ampia discussione relativa alla formazione dell’habitus tecnologico in un contesto insulare. In questo studio verranno discussi contestualmente gli indicatori tessili primari (strumentario e prodotti) e secondari (materie prime e documenti figurativi), con l’obiettivo di delineare l’attività tessile quale elemento di sviluppo del sapere tecnologico e dell’ideologia delle comunità neolitiche e calcolitiche a Cipro.