Tracy Chapman

Artisti: Tracy Chapman
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Elektra
Data di pubblicazione: 18 aprile 1988
  • EAN: 0075596077422
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 13,20

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Disco 1
  • 1 Talkin' bout a revolution
  • 2 Fast car
  • 3 Across the line
  • 4 Behind the wall
  • 5 Baby can I hold you
  • 6 Mountains o' things
  • 7 She's got her ticket
  • 8 Why?
  • 9 For my lover
  • 10 If not now
  • 11 For you

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ROBERTO'61

    19/10/2006 09:07:41

    Esordio notevole della più talentuosa cantautrice americana degli anni '80!!! Testi efficaci si accompagnano ad arrangiamenti molto misurati ed essenziali. Solo un piccolissimo appunto che peraltro non inficia affatto il mio giudizio globalmente ottimo su Tracy: alla lunga si avverte un leggerissimo sentore di noia, forse per delle melodie in alcuni frangenti un po' monocordi, sensazione confermata anche dai successivi lavori della Chapman ( Crossroad, A matter of the heart...... ). Comunque, giù il cappello! Se tutti gli esordi fossero di questa levatura, ci metterei subito la firma!!!

  • User Icon

    Miriam

    01/09/2006 12:31:04

    Un lavoro che va ben oltre la descrizione di emozioni tramite parole e musiche , un album che serve a formare un pensiero e a diffondere ideali.Se a queste premesse aggiungiamo delle melodie apprezzabili e la voce di Tracy Chapman , il mix è perfetto e nessuno può stranizzarsi del successo di questo album di debutto. La vita ,quella di tutti i giorni quella della gente comune nel suo insieme nella sua complessità è narrata da Tracy Chapman. La vita come difficoltà pratiche e come tormenti esistenziali;colti questi due argomenti fondamentali per ognuno di noi , l'album va dritto al cuore degli ascoltatori. La base musicale è folk con qualche tendenza all'etnica ,grazie anche all'apporto di percussioni. Gli arrangiamenti sono scarni ed essenziali, e riescono così a mettere meglio in evidenza la bravura di Tracy Chapman come interprete emotiva ed immedesimata.

  • User Icon

    Andrea

    27/07/2006 10:39:17

    E' un album spendido. Da avere, da ascoltare, da amare, da consumare, da venerare. Ascoltarlo mi fa tornare alla mente un'estate del 1988, un salotto con le serrande abbassate per cercare di non far filtrare il caldo, un vecchio "cubo" Philips con dentro una cassetta di una sconosciuta cantante Folk dell'Ohio che girava in continuazione, facendo sognare un ragazzino italiano. E continua ancora... a farlo sognare.

Scrivi una recensione