Tragedia all'italiana. Cinema e terrorismo tra Moro e memoria

Alan O'Leary

Traduttore: L. A. Salaris
Editore: Angelica
Collana: I Sottolio
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 gennaio 2007
Pagine: 232 p., Brossura
  • EAN: 9788878960091
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    lettoreserio

    08/07/2008 22:04:33

    Negli Anni 70 il cinema italiano produsse film violenti, cupi, quasi a voler sottolineare tutti gli aspetti più negativi che contribuirono a definirli come «anni di piombo». Senza entrare nel merito di questa definizione (la realtà che ci viene restituita dalla ricerca storica è molto meno lugubre di quella che allora fu la percezione più diffusa), è sorprendente come quei toni sinistri abbiano segnato allora non solo i film più esplicitamente politici (Vogliamo i colonnelli di Monicelli o Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto di Petri) ma anche quelli che appartenevano all'esuberante filone della commedia all'italiana (Mordi e fuggi, Un borghese piccolo, piccolo, I nuovi mostri, Caro papà). In suo bel libro - Tragedia all'italiana. Cinema e terrorismo tra Moro e memoria - Alan O' Leary fa notare infatti come di colpo i tratti vitalistici e goderecci dei film scaturiti dal boom economico precipitassero in una pessimistica amarezza, schiacciati dal peso di una società popolata dai «mostri» dell'intolleranza e dell'egoismo. In particolare, sia i film militanti che gli altri insistevano nel mostrarci una democrazia malata, uno Stato affollato di intrighi e di misteri. Il cinema è sempre un prodotto dello «spirito del tempo». Rispecchia gli umori profondi della sua epoca, ne intercetta i tic, le mode, e anche le paranoie. Ma il punto è: quella sensazione di disagio che affiora dai film, quella sfiducia nelle istituzioni democratiche, erano solo paranoie? ... Per intanto, come suggerisce O' Leary ( che cita in questo senso La seconda volta di Calopresti), è stato il cinema ad avviare una narrazione nazionale di quegli anni, dando la possibilità alle vittime di dialogare con i carnefici, aiutando quel passato a passare. Giovanni De Luna (fonte: Tuttolibri, in edicola sabato 23 febbraio)

Scrivi una recensione