Categorie
Traduttore: F. M. Pontani
Curatore: A. Beltrametti
Editore: Einaudi
Collana: I millenni
Anno edizione: 2002
Pagine: XXXVIII-1096 p., ill.
  • EAN: 9788806162894

€ 76,50

€ 90,00

Risparmi € 13,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

77 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Come sotto quale forma pubblicare ancora all'alba del nuovo millennio una delle pietre miliari del teatro occidentale i drammi di Euripide sfuggiti al naufragio che ha travolto gran parte della cultura greca? Nella collana "I Millenni" la casa editrice Einaudi ha scelto questa strada: ha preso una traduzione famosa la storica versione di Filippo Maria Pontani capace di coniugare l'eleganza alla leggibilità; vi ha aggiunto le note discrete di Anna Beltrametti responsabile altresì delle brevi presentazioni che di volta in volta aiutano il lettore ad affrontare con maggiore consapevolezza l'incontro con le storie narrate dal tragico; ha affidato l'introduzione generale del volume a Diego Lanza che ha cercato di "catturare" l'enigmatica figura di Euripide; ha corredato il volume di una serie di suggestive illustrazioni in bianco e nero di Mimmo Iodice che riproducono statue e colonne volti e paesaggi. Il risultato è un volume che non solo si presenta bene negli scaffali di una libreria ma procura anche un grande piacere a chi lo prende tra le mani e lo sfoglia per leggervi come il teatro occidentale (dai tragici latini a Racine a Goethe) si sia dovuto confrontare con i singolari eroi euripidei che non sempre seguono i binari tracciati dalla tradizione mitica più antica ma spesso se ne allontanano a sorpresa creando nuove storie e strane situazioni: dall'Eracle mangione che sconvolge con i suoi canti l'atmosfera luttuosa della casa di Admeto a Medea che vola via sul suo carro alato dopo aver massacrato i figli dal pianto disperato di Andromaca consapevole che i Greci hanno deciso di gettare dalle mura il suo piccolo Astianatte all'incomprensibile torpore che avvolge il fresco matricida Oreste l'universo greco – molto molto diverso da come l'avevano raffigurato gli autori precedenti (Eschilo in primis) – si prepara a contagiare per sempre la nostra cultura.
Simone Beta