I tre che sconvolsero il West. Vado, vedo e sparo di Enzo G. Castellari - DVD

I tre che sconvolsero il West. Vado, vedo e sparo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1968
Supporto: DVD
King vuole impadronirsi di una grossa somma nascosta su una diligenza. Un bandito solitario gli rovina il colpo involontariamente: per farsi perdonare si offre di ritrovare il denaro. Ci riesce, ma c'è anche il baro Clay sulle tracce del malloppo. I tre si inseguono attraverso il West. Fino a che la borsa cade in un fiume e viene ritrovata da un pescatore, che per restituirla detta le sue condizioni.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mattia

    23/09/2019 23:00:57

    I tre che sconvolsero il West (Vado, vedo e sparo) è un film del 1968 diretto da Enzo G. Castellari. Kean vuole impadronirsi di una grossa somma nascosta in una diligenza. Un bandito gli rovina il colpo e Clay Watson è sulle tracce del malloppo.

  • Produzione: Surf Video, 2008
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 95 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • John Saxon Cover

    Nome d'arte di Carmine Orrico, attore statunitense. Bruno, aitante, fascino latino e musicista di un certo talento, esordisce sul grande schermo alla metà degli anni '50 imponendosi quasi subito in parti di primo piano: è lo studente affascinato dal rock'n'roll nella commediola Gli indiavolati (1956) di R. Bartlett, l'affascinante batterista innamorato di S. Dee nel sofisticato e divertente Come sposare una figlia (1958) di V. Minnelli, il misterioso Blake Richards nel cupo Ritratto in nero (1960) di M. Gordon. Svanita la prestanza giovanile, continua la carriera d'attore come caratterista soprattutto in pellicole gialle e orrorifiche, ma non ottiene più il successo precedente. Lo ricordiamo ostinato Albertelli nel violento poliziesco Italia a mano armata (1976) di F. Martinelli, fosco Bullman... Approfondisci
  • Frank Wolff Cover

    Attore statunitense. Esordiente negli Stati Uniti, è il cinema italiano a offrirgli un ruolo da protagonista (Salvatore Giuliano, 1962, di F. Rosi) sfruttandone la dura e un po' tenebrosa fisionomia e una vigorosa drammaticità (Il demonio, 1963, di G. Rondi). Versato all'azione corale (Le quattro giornate di Napoli, 1962, di N. Loy) e all'isolamento tragico (Il processo di Verona, 1963, di C. Lizzani), diviene icona dello spaghetti-western: nella produzione seriale (Ringo, il volto della vendetta, 1966, di M. Caiano) e nel filone farsesco (Dio perdona... io no!, 1968, di G. Colizzi), nell'afflato realistico (Il grande silenzio, 1967, di S. Corbucci) e nel ritmo leggero (I tre che sconvolsero il West, 1969, di E.G. Castellari). Tornato sui banditismi isolani (Barbagia - La società del malessere,... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali