Tre croci - Federigo Tozzi - copertina

Tre croci

Federigo Tozzi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: G. Nicoletti
Editore: Garzanti
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 marzo 2008
Pagine: XXXII-105 p., Brossura
  • EAN: 9788811364276

61° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Classica (prima del 1945)

Salvato in 64 liste dei desideri

€ 7,60

€ 8,00
(-5%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Tre croci

Federigo Tozzi

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Tre croci

Federigo Tozzi

€ 8,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Tre croci

Federigo Tozzi

€ 8,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 4,32

€ 8,00

Punti Premium: 4

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 6,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ambientato a Siena, il romanzo narra il tragico epilogo di una catastrofe finanziaria. Tre fratelli, proprietari di una bottega antiquaria di libri e oggetti, hanno abdicato ai loro impegni e alla loro responsabilità ponendosi fatalmente sul piano inclinato di un autodistruttivismo edonistico e regressivo. Minacciati dall'incombente bancarotta, vivono alla giornata, in una condizione di continua rimozione. Ma il fallimento economico li travolge inesorabilmente. Tozzi scrive con una castigatezza espressiva che rende potentemente la pena delle anime; il suo pre-freudismo scolpisce con forza i caratteri e si consolida nell'uso di un linguaggio sintomatico, attraverso il quale si affacciano alla realtà le strutture profonde della psiche dei personaggi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,56
di 5
Totale 9
5
7
4
1
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Dosto

    05/07/2020 23:47:44

    Inferiore al capolavoro "Con gli occhi chiusi", è comunque un romanzo di gran livello: personaggi tratteggiati con cura e lingua usata sempre con grande metodo. Tozzi è forse il più sottovalutato scrittore italiano degli ultimi 200 anni!

  • User Icon

    serafini lino pasqualino

    07/05/2020 14:47:25

    stupendo

  • User Icon

    saverio

    19/09/2019 22:30:26

    Tre croci è un libro breve ma intenso allo stesso tempo è commovente in quanto si narra una vicenda che non termina con un lieto fine anzi una vera catastrofe, infatti tutti e tre i protagonisti del libro sono costretti a impegnare e a firmare cambiali su cambiali arrivando a essere senza una lira. Un libro, come ho detto, piccolo che si legge in una settimana anche meno. Consigliarlo in questo periodo, in cui la crisi ha preso il sopravvento, può essere distruttivo per il lettore che forse è afflitto dai debiti o è disoccupato, decide voi!

  • User Icon

    rosa

    19/09/2019 22:29:22

    Il nuovo modo di leggere libri è in formato elettronico, utilissimo per quando si è in spiaggia per non rovinare il libro cartaceo, ma anche durante uno spostamento sui mezzi per non avere troppe cose da portarsi dietro. Consiglio il prodotto a chi vuole conoscere questo straordinario scrittore senese, che mi ha fatto amare ancora di più Siena leggendola nelle sue incredibili descrizioni

  • User Icon

    Caterina

    19/09/2019 22:23:58

    Ho letto vari libri di Tozzi, ad esempio "Il podere", che mi è molto piaciuto; altrettanto non posso dire per "Tre croci": un libro che certamente ho apprezzato per il linguaggio scorrevole e spigliato dell'autore quando lo stesso non scade nel dialetto estremizzato; certi termini non li ho capiti neanche io che sono nato in Toscana. E non ho molto apprezzato nemmeno la storia disperata e triste dei tre fratelli che si arrabattano in scelte sbagliate e poco edificanti per procurarsi i mezzi per vivere. Mi sono invece piaciuti molto i tratti in cui l'autore ci propone, quasi pennellandoli, scorci suggestivi della sua città.

  • User Icon

    jesfort

    07/03/2019 18:27:34

    Bellissimo. Libro breve ma ricco di significati. Consiglio di leggerlo insieme a “Il Podere” dato che i due libri hanno molto in comune. Ci si appassiona facilmente al tracollo umano dei fratelli Torrini, in particolare alla vicenda di Giulio. Nel libro ritroviamo le classiche tematiche tozziane: il conflitto con il padre, il rapporto con Siena, la presenza del cibo e la perdita dell’ eredità.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    24/04/2018 05:57:32

    Penso che avrei amato tantissimo questa bottega di libri, questo mondo di stampe e vecchie edizioni che è al centro della vicenda. Attorno c'è tutta Siena col suo sfondo di alture e di borghi, di piazze, di osterie, di distese di verde, di caffè e di negozi, un universo di colori e suggestioni dove però, nell'inevitabile contrasto che anima le cose, non tarderà a infilarsi anche l'ombra della tragedia. Tre fratelli, tre diverse malinconie, tre inconsci maneggiati con bravura magnifica dall'autore, sotto una coltre di echi balzacchiani che rende lievito potente ogni rigo che infittisce la trama. La libreria non va bene, ma bisogna sopravvivere. L'espediente trovato salva e riesce a dar fiato, ma fino a che punto? E' in questo sfrenato e indomabile crescendo che ci si deve orientare, un passo di lento declino e di sorte senza ritorno nei quali i morsi della morale alzeranno supreme pagine di bellezza, di vergogna uguale a chiodi infissi nel cuore, e che sarà sempre più complicato tenere a bada quando le mosse contrarie di chi deve esigere quelle cambiali smaschereranno il tutto nei duri colpi della pratica reale. In un flusso di delirio Giulio "vide la sua firma falsa saltellare sul pavimento. Si chinò per chiapparla. Invano. Pare che la nostra memoria sparisca e poi si faccia anche più viva di quel che non ci aspettiamo". Tre vite avvolte in un suono di oziosità immatura e di responsabilità come tardiva, e una contesa interna fra i fratelli che spinge le sue dosi di rancore a punti veramente estremi. Forma e rispetto sociale, difesa di un contegno e irreparabile svelamento si alternano nella storia come tarli in agguato dentro ogni rifinitura, il guasto necessario a torcere in letteratura l'involucro di fatti altrimenti senza nervo. Indubbiamente il miglior romanzo di Tozzi, le rotte del dolore economico dentro destini di indecisi, di volontà troppo sognanti, trafitte anzitutto da loro stesse. Finale commovente, indimenticabile.

  • User Icon

    M. C.

    26/03/2015 16:04:49

    Tozzi è uno scrittore eccezionale ma difficile, tragico, frontale: la sua spiritualità profonda si addice a pochi, fortunati lettori. Tre croci è una discesa agli inferi, senza conforto né salvezza. La lingua di questo scrittore è potente, antica, aspra e tagliente come una lama di rasoio. Magnifiche le descrizioni di Siena, sfondo di tutta l'opera tozziana. Freschi e vivi i dialoghi. Scrittore che merita ancora di essere riscoperto.

  • User Icon

    Arya

    02/01/2008 13:55:20

    Premetto che l'ho letto per scuola, e raramente un libro che mi obbligano a leggere mi piace. Comunque, direi che questo libro non è che non mi sia piaciuto, ma proprio non ne ho trovato il senso. In sintesi, dove vuole andare a parare? Perchè non è storico, e quindi non mi fornisce nessuna documentazione, ma non è un romanzo, e non mi conforta con una bella storia. Se fosse un saggio, ma non penso sia nemmeno quello. La mia prof. mi ha anticipato che avrei provato emozioni leggendolo, e invece, calma piatta. E' per questo il voto così basso: non mi ha trasmesso nulla, se non un po' di noia.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
Federigo Tozzi vede la stampa del suo ultimo romanzo, Tre croci , nel febbraio del 1920: nel mese seguente, a seguito di una dormita con la finestra aperta, lo scrittore senese si ammala di polmonite e muore. Verrà sepolto con una copia di Tre croci nella bara.
Il romanzo dei tre fratelli di Siena, proprietari di una libreria, coinvolti in un vortice di cambiali false e fallimento, quindi di morte (il più sensibile finisce suicida, il secondo schiantato dall'"apoplessia reumatica", il terzo sfinito dalla gotta all'ospizio), è considerato generalmente meno originale del folgorante Con gli occhi chiusi , in quanto sembra ritornare a moduli ideativi, narrativi, descrittivi del romanzo realista ottocentesco. In effetti gli ingredienti sono quelli: la ragione economica come motore della rovina, la tara familiare, le malattie "scientificamente" perlustrate nei momenti finali della decomposizione psico-fisica dei personaggi, la struttura rigorosa e implacabile del tracollo, la bestialità umana nelle sue funzioni primarie (il ventre protagonista), la follia, l'ipersensitività che soccombe, l'analisi delle motivazioni di un suicidio (Alfredo Oriani vi aveva dedicato un romanzo intero, Vortice , uscito nel 1899).
Però. Siamo sicuri che la "regressione naturalistica rispetto a Con gli occhi chiusi " (parole di Giacomo Debenedetti) sia qualcosa da valutare in modo storicamente così involutivo? Non corriamo cioè lo stesso rischio di quando consideriamo Senilità inferiore al capolavoro modernista La coscienza di Zeno , o di quando deprimiamo i grandiosi Vecchi e giovani alla luce corrosiva del Fu Mattia Pascal , o del pulviscolare Uno, nessuno e centomila ? Un'occasione per rinnovare queste riflessioni ci è offerta oggi da un'ottima edizione di Tre croci , curata da Carlo Serafini. Il quale ci mette a disposizione un'intelligente introduzione, un profilo biografico dell'autore, una vasta bibliografia (più di venti pagine fitte di titoli), un testo accuratamente annotato negli aspetti non soltanto linguistici ed esplicativi ma anche in quelli interpretativi.
Lo stesso Debenedetti indicava che "il breve dramma naturalistico e piccolo-borghese" di Tre croci si complica angosciosamente per l'emergenza dello psichismo inconscio, per l'influsso continuo dell'"emisfero d'ombra" sul dominio diurno realistico. Inoltre la "scoperta" pre-suicidale di Giulio, il più delicato e colto dei tre fratelli, cioè che non si ha certezza piena di vivere, che la realtà è convenzionale , e che in essa insiste come invariabile perenne la morte, anzi desiderio di morte, costituisce un documento squisitamente "novecentesco": basti pensare, di lì a poco, all'umanità sedicente viva cui si affilia Montale.
Ma ci preoccupa qualcosa d'altro. E cioè l'equivoco di reiterare l'equazione storico-critica per cui all'alba del XX secolo un romanzo di struttura classica e geometrica sia reazionario, mentre uno aperto, liberato e franto sia necessariamente novità novecentesca, quindi superiore. Il punto non è opporre un modello all'altro, esaltare un tempo di edificare o, al contrario, un tempo di distruggere. Il punto è rinunciare a uno schema di teleologia letteraria e leggere i processi nella loro complessità, piuttosto che seguendo un solo trend evolutivo. L'autore di Con gli occhi chiusi e di Tre croci modula in forme narrative diverse, in capolavori diversi, una analoga strepitosa modernità lacerata, sempre proficua per noi che, storicamente se non ideologicamente, siamo postmoderni.

Roberto Gigliucci

  • Federigo Tozzi Cover

    Per lungo tempo rimasto nell'oblio, Federigo Tozzi è stato rivalutato solo molti anni dopo la sua scomparsa e oggi è considerato uno dei più importanti narratori italiani del Novecento.Nacque da una famiglia di contadini, ma rimase orfano di madre all'età di dieci anni; iscritto al ginnasio arcivescovile della città, non sembrò portato per gli studi, tanto che fu ritirato per essere successivamente iscritto all’Istituto di Belle arti. Espulso per cattiva condotta, passò alle scuole tecniche. Pur studiando in modo saltuario e molto disordinato, sviluppò un grande amore per la lettura cominciando a frequentare la biblioteca comunale di Siena, dove formò una cultura influenzata dalla moderna psicologia. Nel 1902, essendo ancora... Approfondisci
Note legali