Categorie

Andrea De Carlo

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili
Edizione: 5
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 204 p., Brossura
  • EAN: 9788845256295
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it € 4,86

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniele

    07/11/2016 14.57.34

    Un esordio letterario dal linguaggio preciso, attento a descrivere i colori, i suoni e le sensazioni di un giovane italiano arrivato negli Stati Uniti senza uno scopo preciso. Gli USA si presenta come un luogo delle opportunita', dove da un momento all'altro successo, denaro e notorieta' possono cambiare la tua vita, ma anche il luogo delle apparenze, dei falsi sorrisi, dell'ipocrisia, e delle speranze infrante. La fatuita' delle amicizie e delle relazioni sentimentali, l'attesa logorante di sfondare in qualche modo, la sicurezza arrogante di chi ce l'ha fatta vengono messe in risalto da una scrittura distaccata, con pochissimi commenti e descrizioni quasi filmiche.

  • User Icon

    BaffonePV

    23/02/2014 17.02.22

    Concordo con Angela. L'ho trovato un libro vacuo nei contenuti e indisponente nello stile.

  • User Icon

    Robi1903

    11/09/2012 18.04.53

    Ho letto questo libro dopo aver letto Due di due e devo dire che ne sono rimasto proprio deluso. Fin dall'inizio non si capisce dove De Carlo voglia andare a parare e tutta la storia è noiosa con un finale che non è da meno. Lo sconsiglio.

  • User Icon

    wehrkelt

    13/11/2009 01.05.41

    Leggo questo romanzo a distanza di anni dalla prima edizione. Forse per questo non capisco perché sia stato scritto. Cos'è, la versione U.S.A. della Milano da bere? Il protagonista è antipatico come certi belloni della pubblicità dalla cui espressione non traspare un barlume d'intelligenza. Per di più la scrittura è monotona fino alla disperazione. Da gettare subito nel dimenticatoio letterario.

  • User Icon

    superga

    13/11/2006 05.18.30

    questo libro non narra una vera e propria storia:ha un inizio ma non ha un finale, è uno scorcio di vita nei panni di un ragazzo che con (forse troppa) disinvoltura decide di imbarcarsi sul sogno americano per poi capire tutta la sua reale infondatezza e la sua falsità. scorre molto bene ed è leggero, bello.

  • User Icon

    v

    03/11/2006 22.51.57

    ho rivalutato la birra senza l'alcool dopo aver letto questo libro, se lui fa lo scrittore e vende sempre cosi' tante copie un motivo c'e ma io nn lo capisco, i pesonaggi sono seempre gli stessi, persino i nomi! basta

  • User Icon

    angela

    28/08/2006 14.56.53

    piatto, banale e pretenzioso. veramente inutile.

  • User Icon

    Biagio Barberino

    14/06/2006 12.57.17

    Amo davvero tanto i libri di Andrea De Carlo, questo è il primo che ho letto e, a mio avviso, è il migliore. Mi hanno colpito molto le descrizioni dei luoghi, delle atmosfere, delle situazioni... Grande De Carlo!

  • User Icon

    Girolamo Lazoppina

    12/06/2006 18.44.38

    Ho riletto, dopo tanti anni dalla sua prima uscita, “Treno di panna”, l’opera d’esordio di Andrea De Carlo. Ricordo che, a metà degli anni ’80, la lettura di questo libro fece sorgere in me, giovane studente ginnasiale, il gusto un po’ spregiudicato per i viaggi e per l’avventura, nonché l’esigenza mai sopita di confrontarmi con la gente e di pormi sempre nuove mete. La storia di Giovanni, ragazzo italiano squattrinato che si avventura da solo alla scoperta di Los Angeles, mi colpì molto. Mi colpì soprattutto la grande sensibilità del protagonista, la sua straordinaria capacità di ambientarsi facendo i mestieri più umili e, in ultimo, la sua non comune caparbietà nell’inserirsi nel bel mondo hollywoodiano, tra feste, balli e, soprattutto, luci infinite e penetranti. Lo stile e la linearità dell’autore sono ovviamente tali da tenere il lettore incollato al libro fin dalle prime battute. Ma non è questo, secondo me, l’aspetto più importante del romanzo. E’ quella forte capacità introspettiva di cui si nutrono sempre le opere di De Carlo, che ci spinge oltre la semplice narrazione per introdurci nel mondo un po’ amaro, ma reale, della vita vissuta. Da Giovanni o da altri protagonisti, e, in ultima analisi, da noi stessi. A distanza di tanti anni la storia di Giovanni si rivela quanto mai attuale. Dopo i fatti dell’undici settembre e le due guerre che ne sono seguite la vicenda di quel giovane italiano alla scoperta di un nuovo mondo, un mondo da molti vagheggiato ma ora reso più distante dagli inevitabili rischi connessi al terrorismo, rappresenta una rinnovata ventata di aria fresca, che spinge il lettore alla riscoperta degli States e, qualche più conta, alla ricerca di se stesso. Facendolo perdere, inesorabilmente, tra le luci e i suoni di Los Angeles. Girolamo Lazoppina

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione