Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
La tripla vita di Michele Sparacino -  Andrea Camilleri - copertina
Salvato in 17 liste dei desideri
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
La tripla vita di Michele Sparacino
6,00 €
LIBRO USATO
6,00 €
Disp. in 2 gg lavorativi Disp. in 2 gg lavorativi (Solo una copia)
+ 4,95 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
6,00 € + 4,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
ilsalvalibro
8,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libreria Yelets
14,40 € + 4,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
L'Odissea Libri e Arte
15,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libraccio
3,25 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
5,60 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
5,60 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
6,00 € + 4,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
ilsalvalibro
8,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libreria Yelets
14,40 € + 4,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
L'Odissea Libri e Arte
15,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libraccio
3,25 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
La tripla vita di Michele Sparacino -  Andrea Camilleri - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


A Vigata c'è un agitatore di folle che di nome fa Michele Sparacino. Quando scopre che l'orologio del municipio va avanti di dieci minuti aizza i lavoratori delle cave di zolfo contro i padroni che fanno i furbi e innesca uno sciopero generale che unisce panettieri e netturbini, maestri elementari e impiegati comunali. Ma questo Michele Sparacino non esiste davvero. È il risultato della fantasia di Liborio Sparuto, un giornalista pigro e bugiardo che, per spiegare ai lettori i fatti che sconvolgono Vigata, non trova di meglio che inventarsi questa imprendibile figura di fuorilegge. E però c'è anche un Michele Sparacino in carne e ossa, nato "alla mezzanotti spaccata tra il tri e il quattro di ghinnaro" del 1898. Puntualmente nel posto sbagliato al momento sbagliato, il poveretto passa la vita a scontare sulla propria pelle le bugie di Sparuto, schivando gli atroci scherzi del destino che lo porteranno fino a Caporetto, sempre inviso a commilitoni e comandanti.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
1 luglio 2009
90 p., Rilegato
9788817031615

Valutazioni e recensioni

3,67/5
Recensioni: 4/5
(9)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(3)
3
(3)
2
(1)
1
(0)
alvin
Recensioni: 3/5
Il gioco degli equivoci

A volte il destino gioca brutti scherzi ai poveri malcapitati, come il protagonista di questo racconto, piuttosto inverosimile, ma oggetto di fatali equivoci che gli saranno fatali, suo malgrado. Ovvio pretesto per narrarci ancora una volta, bene come sempre, usi e costumi Siculi di fine ottocento. Una piccola chicca da prendere come tale, niente di più.

Leggi di più Leggi di meno
liberandoci
Recensioni: 4/5

Questo libricino di Andrea Camilleri pubblicato nel 2009 è formato da un racconto e da un colloquio dell'autore con Francesco Piccolo. Cosa succederebbe se ci fosse uno scambio di persona? E se questa persona fosse frutto della fantasia di un giornalista? E se esistesse davvero ma non c'entrasse nulla con la figura mediatica? La tripla vita di Michele Sparacino è tutto questo: equivoci, ingiustizie, ribellioni, brigantaggio. In un'abile costruzione del racconto, Camilleri riesce a districare la matassa dell'equivoco ipnotizzando il lettore nel susseguirsi degli eventi. Degna di nota anche l'intervista collegata che svela alcuni retroscena delle tecniche di scrittura di Camilleri.

Leggi di più Leggi di meno
Roberto59
Recensioni: 3/5

Racconto breve, carino, nel tipico stile di Camilleri. Molto interessante l'intervista che occupa circa metà delle pagine del libro. Camilleri spiega, tra l'altro, come è nata la sua "lingua" che ha usato con grande successo nei romanzi storici e nella serie del commissario Montalbano. Comprato negli outlet di IBS, il prezzo diventa accettabile.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,67/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(3)
3
(3)
2
(1)
1
(0)

La recensione di IBS

La tragicommedia delle vere e false identità e degli scherzi del destino risplende in tutta la sua amara comicità nelle pagine di questa breve e magistrale storia di Andrea Camilleri. Una rocambolesca e fulminea incursione nella Vigata tra Otto e Novecento, in cui lo scrittore siciliano, con molta ironia, racconta un passato che spesso e volentieri diviene lo specchio di molte aberrazioni del presente.
Tutto comincia con un lieto evento: la nascita del settimo figlio di Nanà Sparacino, un contadino povero in canna con propensione alla sbronza. Al momento della denuncia del neonato all'anagrafe il padre scopre una verità fino ad allora a tutti sconosciuta: l'orologio del municipio è dieci minuti in anticipo sull'ora esatta. La voce corre ed arriva all'orecchio di un pericoloso sovversivo, Oreste Pilocco, che la utilizza per incitare allo sciopero i carrettieri del porto, convinti a richiedere la paga adeguata a dieci minuti di lavoro in più a giornata. Per solidarietà coi carrettieri, scioperano i minatori e poi gli spalloni e poi "tutti quelli che , a Vigata, annavano a travagliare a secunno delle ore che batteva il ralogio". Insomma si scatena un "quarantotto" che coinvolge direttamente il più innocente del paese: il nuovo nato il cui unico pensiero, per il momento, è succhiare il latte della madre. Accade infatti che il giornalista palermitano incaricato di scrivere sugli eventi, non riuscendo a districarsi nella ridda di notizie "che spia a dritta e a manca", finisce per fare una gran confusione sulla questione. Per togliersi d'impiccio attribuisce la responsabilità della rivolta a un fantomatico "agitatore sovversivo Michele Sparacino". Da quel momento il nome di Sparacino è associato a ogni evento straordinario che accade in paese, come i disordini in occasione della messa in onore di re Umberto I morto assassinato o l'assalto al treno partito da Caltanissetta e diretto a Catania con il suo carico di zolfo. Il fantasma del ribelle Sparacino campeggia ovunque anche se nessuno l'hai mai visto e intorno a lui fiorisce la leggenda. Di tutto fa le spese l'unico e reale Michele Sparacino, che per tutta la sua vita dovrà lottare per sopravvivere alle nefaste conseguenze di questa fortuita omonimia. Durante la visita di leva, viene riconosciuto tra i più pericolosi sovversivi da sempre ricercati dalle forze dell'ordine e, a soli diciotto anni, viene sbattuto in prima linea in una trincea del Carso. Da lì la via per Caporetto è breve: la disfatta sembra totale se non fosse per un ultimo, estremo, scherzo del destino...
Un'incredibile serie di sfortunate coincidenze segna questa storia pirandelliana, partorita dalla fantasia di un maestro della narrazione, che ancora un volta affascina con la sua capacità affabulato ria, l'abile ricorso all'immaginario popolare e alle espressioni dialettali siciliane. Una storia venata di ironia dal retrogusto amaro, che diverte ma fa anche riflettere.
Uscito nell'estate 2008 con i Corti del "Corriere della Sera", questo racconto lungo viene edito per la prima volta in un volumetto arricchito da una conversazione tra l'autore e Francesco Piccolo. Un dialogo in cui Camilleri svela i segreti del suo mestiere, racconta come sono nati i suoi libri, svela le sue passioni e si concede anche qualche considerazione sull'Italia di oggi.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Andrea Camilleri

1925, Porto Empedocle (Agrigento)

Nato a Porto Empedocle (Agrigento), Andrea Camilleri ha vissuto per anni a Roma.  Dal 1939 al 1943, dopo un periodo in un collegio da cui viene espulso, studia ad Agrigento al Liceo Classico Empedocle dove ottiene la maturità classica senza dover sostenere l’esame a causa dell’imminente sbarco degli alleati in Sicilia. A giugno inizia, come ricorda lo scrittore, "una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere di sangue, di paura".  S’iscrive all’Università (Facoltà di lettere) ma non si laureerà mai. Si iscrive anche al Partito Comunista.Inizia a pubblicare racconti e poesie e vince il Premio...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore