Categorie

J. P. Rylan

Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2006
Pagine: 297 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804553137

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Dario

    23/01/2009 18.41.38

    Ero riluttante a leggere questo libro perchè non sono un grande fan dei fantasy. Ma appena iniziato mi ha preso in modo sorprendente.I personaggi sono molto più umani dei soliti personaggi da fantasy. Un protagonista un po' ingenuo ma con buoni propositi invece del solito eroe senza macchia. Finalmente basta col vecchio tutta saggezza e niente emozioni. E anche le due ragazze molto più vicine alla realtà, a differenza del solito stereotipo delle principessine. Dato il tema del libro, le scene macabre non mi sembrano per niente abusate. Che dire, Rylan riesce a muoversi per tutto il libro al confine tra la realtà e la fantasia con un pizzico di filosofia sulla lotta per la conoscenza ultima. Solo un difetto: per le descrizioni degli edifici qualche volta ci vuole un corso di architettura.

  • User Icon

    Luca

    31/03/2008 09.08.01

    Anche a me il libro non è piaciuto, ci sono diverse incongruenze nella storia e nei luoghi, non si riesce a capire la distanza tra le varie locazioni e lo svolgimento temporale della vicenda. I personaggi non riescono a coinvolgere il lettore, sia perchè poco delineati psicologicamente che per l'antipatia che si prova nei loro confronti. Non pretendo che per il Fantasy si arrivi ai livelli di Tolkien, ma nemmeno così... Peccato perchè la storia presenta diversi spunti interessanti; comunque rimane il peggior libro "fantasy" che ho letto dopo quelli della Troisi, della quale non ne capisco il successo.

  • User Icon

    Carlotta

    31/12/2007 22.41.27

    Questo libro mi ha deluso. In tutta la mia vita, ho letto solo 2 libri di cui mi sono pentita di aver letto. Uno è "Le cronache del Mondo Emerso", l'atro è "Anharra". Entrambi mi sono stati regalati da qualcun altro e non li ho scelti di persona. Non ho mai fatto un errore nel valutare i libri, io. I personaggi hanno un carattere mal delineato e qul poco che si piuò provare nei loro confronti è antipatia. E' scritto con superficialità e a tratti gli ambienti e le azioni non sono chiari. Nei dialoghi ho sempre avuto molta difficoltà per capire chi stesse parlando, e niente è abbastanza coinvolgente. Alcune descrizioni sono davvero macabre, cosa che se compare in modo eccessivo può rovinare un fantasy, trasformandolo in tutt'altra cosa; un horror, forse? Dopo aver letto questo libro, mi è rimasta solo una cosa: insieme alla Troisi, Rylan è sulla lista nera degli scrittori di fantasy. Sarebbe meglio che tornasse a scrivere thriller. Non leggerò nemmeno il secondo libro, dedicherò il mio tempo a libri migliori.

  • User Icon

    angel

    10/12/2007 02.43.47

    Certo, il libro di Rylan non sarà un granchè ma dire che per impararare a costruire la psicologia di un personaggio ci si debba andare a leggere i libri della troisi è davvero un azzardo! Dite di tutto tranne che i personaggi della troisi siano approfonditi psicologicamente, x favore!

  • User Icon

    Joey90

    15/06/2007 20.25.57

    pesante all'inizio e do 4 solo per questo.dopo i primi capitoli si snoda bene ed è abbastanza scorrevole anche se i personaggi non sono affrontati al meglio.Bello,tutto sommato.

  • User Icon

    yuna

    05/03/2007 19.27.24

    ho trovato qst libro molto differente dai fantasy che sn abituata a leggere[un esempio è eragon]e ho l'trovato quanto più una ben pallida imitazione di qlcs che vorrebe essere un fantasy ma che assolutamente non lo è..la cosa che forse mi è piaciuta meno,oltre alla poca introspezione dei personaggi è il fatto che usi spesso dettagli macabri e soprattutto sadici... il mio consiglio è quello di andare a rileggersi VERI fantasy e in particolare quello della troisi per capire come si fa la psicologia di un personaggio!altrimenti che torni a fare horror!

  • User Icon

    Er Pisti

    03/02/2007 21.08.03

    forse un po pesante all' inizio e visto che è il primo romanzo fantasy di questo scrittore è anche comprensibile.si ferma un poco troppo sui dettagli ma nel complesso direi ottimo.è una storia avvincente e interessante.spero solo che gli altri capitoli escano presto

  • User Icon

    Asekar

    12/12/2006 20.24.56

    Non male come lettura, non mi è dispiaciuta, anche se come altri ho trovato poco dettagliati alcuni passaggi. Si vedrà nei prossimi se ci sarà un miglioramento (p.s. rinnovo domanda se qualcuno sà quando son previste le altre uscite)

  • User Icon

    Melissa

    24/11/2006 20.08.23

    molto carino..ma per giuducare a pieno questa opera si dovrebbero leggere anche gli altri due episodi...qualcuno sa quando dovrebbero uscire??

  • User Icon

    Vale

    12/11/2006 21.30.54

    Uno scrittore affermato di thriller che decide di lanciarsi in una nuova esperienza, il fantasy. Da questa situazione ci si aspetta la conseguenza che si verifica infatti, la novità nello stile. La novità può piacere e non piacere, poichè modifica la classica narrazione drasticamente, con i suoi personaggi dettagliati ma non troppo, e con i paesaggi altrettanto concessi all'immaginazione. La storia non è male e non è un capolavoro, ma ha sicuramente margini di miglioramento enormi con i prossimi volumi. Staremo a vedere, un 4/5 di incoraggiamento per J.P. Rylan.

  • User Icon

    Alia

    28/10/2006 23.55.31

    Che dire.. Si vede fin troppo che, come detto in terza di copertina, quest'autore, il fantomatico rylan, è in realtà uno scrittore di thriller.. Nel senso che i fantasy sono un genere che secondo me dovrebbe sperimentare un pò di +. Non puoi parlare di un particolare così apertamente. Forse i lettori di thriller non notano gli indizi, ma di certo i lettori di fantasy riescono a trovare un miliardo di indizi per possibili trame anche se molti sono fuorvianti, come particolari. La caratterizzazione dei pg è davvero triste, scarna e carente. Pg stereotipati o poco delineati, spunti davvero interessanti che poi si risolvono in maniera davvero deludente, reale a volte, ma davvero poco fantasiosa in altri casi.. Spero per lui/lei che non riveli mai chi è in realtà.. perchè smetterei di comprare qualsiasi libro generato dal suo pugno.. Anche le co-protagoniste sono poco delineate. I paesaggi sono spesso solo abbozzati. Chi legge fantasy vuole respirare l'aria dell'eroe.. Vargo oltretutto spesso sembra un povero scemo. Ad esempio.. se SO di avere problemi di memoria, perchè non dico una sola parola quando mi trovo di fronte la soluzione del mio problema? Spero vada a leggersi i classici fantasy e poi si legga l'ultimo elfo e l'ultimo orco della De Mari.. per concludere con Eragon, Eldest ed Eldest 2. Paolini sarà un ragazzino venuto dal nulla, ma la stoffa per essere un grande ce l'ha davvero tutta. Speriamo che Rylan affronti la realtà e che con molta umiltà vada a studiare per 5 anni prima di tentare di nuovo di pubblicare un fantasy.. Nella speranza capisca da solo/a che se cambia pseudonimo forse è meglio. Lode, onore e gloria al disegnatore della copertina. Peccato il drago fosse in rame.. nuovo avrebbe dovuto essere rosso.. uno spettacolo.. In sintesi, non brucerò il libro, ma non lo consiglierò ai miei amici, tutt'altro.

  • User Icon

    Pikke

    19/09/2006 18.39.31

    Il libro parla da se ..... i personaggi sono affrontati male durante la storia, poche descrizioni di ciò che provano durante il loro cammino . La storia è piena di colpi di scena , ma non sfruuttati nel migliore dei modi , i paesaggi sono descritti con esattezza solo nella sua mente poco riesce a trasmettere al lettore. Vedremo se nei prossimi volumi migliorerà .....

  • User Icon

    Skorpion

    03/09/2006 08.25.50

    L'enigmaticità iniziale dei personaggi è totalmente coinvolgente, ti spinge a leggere parola dopo parola senza poterti fermare... Un gruppo stranamente assortito che viaggia in terre desolate e pericolose dove trovano particolarissime macchine che riescono, grazie alla saggezza del loro spietato "capogruppo", ad utilizzare a loro grande vantaggio, o forse svantaggio visto che tutti i mezzi li avvicinano un po ad un regno maledetto e pericoloso... E' un libro particolare che può mettere a volte in difficoltà chi viene da autori forse più meticolosi, visto che a volte nei dialoghi non si riesce a capire chi parla se non rileggendoli un paio di volte. Il finale è deludente, ci si sarebbe aspettati una conclusione in grande con avvenimenti spettacolari ma purtroppo bisogna accontentarsi di rimanere con il fiato in sospeso, come d'altra parte è normale visto che la serie è composta da 3 libri... quindi non resta altro da fare che aspettarli!

  • User Icon

    Alex

    28/08/2006 14.40.39

    Assolutamente un capolavoro, un fantasy che ti prende e ha la caratteristica vincente di non presentare i soliti stereotipi di questo genere. Lo consiglio a lettori fantasy "maturi".

  • User Icon

    parthalas

    25/07/2006 21.46.19

    Parliamo di fantasy o di riassunti mischiati insieme ad una paio di idee sviluppate male? perchè di questo si tratta, e poi è tutto così semplice , facile ,scontato , l'ho finito di leggere sperando solo in una buona conclusione, ma niente da fare , sicuramente meglio la saga"Orchi" che è tutto dire ... Ryan cambia mestiere così non sprechiamo i nostri soldi

  • User Icon

    Marco

    18/07/2006 17.34.16

    a tratti ci sono bei spunti che lasciano pensare a qualche colpo di scena o enigmi inquietanti, ma poi si mantiene su una trama al quanto prevedibile. Essendo il primo libro di una saga ci si aspetta che al massimo sia solo un'introduzione ad una avventura che coinvolga piu' parti e lasci un velo di mistero sul possibile svolgimento degli eventi..... cmq il libro è coinvolgente e scorrevole e vedere uno dei personaggi principali che uccide bambini, strappa la pelle di dosso alle persone per raggiunggere il suo scopo nn si trova su tutti i libri ma TROPPO TROPPO PREVEDIBILE...

  • User Icon

    Massimo

    28/06/2006 17.34.31

    Anharra un capolavoro ? Spero che l'autore coperto da pseudonimo rimanga tale e continui a scrivere thriller che a quanto pare gli riescono pure meglio. Tutto il libro e' un "mescolone" di luoghi comuni e i personaggi sono un gruppetto esiguo, troppo esiguo per il volume che dovrebbe lanciare una saga (perche' ha questo in mente il Rylan). L'ho comprato, l'ho letto e non mi sono potuto trattenere dal pensare che la sig.ra casa editrice Mondadori potrebbe impegnarsi di piu' nel pubblicare i libri di G. Martin; il capolavoro ce l'aveva già, al sicuro, tra le proprie mani ... il suo tessoro !

  • User Icon

    Gino

    22/06/2006 12.06.39

    Lo sto leggendo e finalmente, visto che dopo aver letto la Saga della Spada della Verità di Goodkind non sono più riuscito a trovare un buon libro fantasy (in quanto tutti mi sono sembrati scialbi, vuoti e infantili), ho la sensazione di aver trovato un nuovo capolavoro che ha una struttura ben definita e soprattutto "adulta", con colpi di scena e personaggi effettivamente reali (con i loro pregi e le loro debolezze) e in cui ci si immedesima.

  • User Icon

    mirko

    30/05/2006 10.45.51

    storia che ti prende:l'idea della città perduta con le sue presenza diaboliche, i tesori, esoprattutto la minaccia che vi si nasconde e sta per scatenarsi sul mondo me l'hanno fatta leggere di un fiato. Anharra,a metà tra l'inferno e un lunapark macabro,è un posto incredibile. Finalmente un fantasy che non è solo un fumettone,con personaggi credibili e umani. Aspetto il seguito!

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione