copertina

E tu splendi

Giuseppe Catozzella

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: maggio 2020
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788807893667

€ 9,02

In uscita da: maggio 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Arigliana, "cinquanta case di pietra e duecento abitanti", è il paesino sulle montagne della Lucania dove Pietro e Nina trascorrono le vacanze con i nonni. Un torrente che non è più un torrente, un'antica torre normanna e un palazzo abbandonato sono i luoghi che accendono la fantasia dei bambini, mentre la vita di ogni giorno scorre apparentemente immutabile tra la piazza, la casa e la bottega dei nonni; intorno, una piccola comunità il cui destino è stato spezzato da zi' Rocco, proprietario terriero senza scrupoli che ha condannato il paese alla povertà e all'arretratezza. Quell'estate, che per Pietro e Nina è fin dall'inizio diversa dalle altre - sono rimasti senza la mamma -, rischia di spaccare Arigliana, sconvolta dalla scoperta che dentro la torre normanna si nasconde una famiglia di stranieri. Chi sono? Cosa vogliono? Perché non se ne tornano da dove sono venuti? è l'irruzione dell'altro, che scoperchia i meccanismi del rifiuto. Dopo aver catalizzato la rabbia e la paura del paese, però, sono proprio i nuovi arrivati a innescare un cambiamento, che torna a far vibrare la speranza di un Sud in cui si mescolano sogni e tensioni. Un'estate memorabile, che per Pietro si trasforma in un rito di passaggio, doloroso eppure pieno di tenerezza e di allegria: è la sua stessa voce a raccontare come si superano la morte, il tradimento, l'ingiustizia e si diventa grandi conquistando il proprio fragile e ostinato splendore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,57
di 5
Totale 23
5
16
4
5
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    fra

    22/09/2019 15:36:13

    Un libro veramente bello, lo consiglio a tutti. Molto emozionante.

  • User Icon

    Anna Maria

    17/09/2019 14:02:09

    Sembrerebbe una storia d'altri tempi, è attualissima. Toccante, dolcissimo. Mi è strapiaciuto!

  • User Icon

    Michela

    08/04/2019 18:18:32

    Un libro che ti riporta indietro nel tempo. Scorrevole, per nulla pesante.

  • User Icon

    Francesca97

    10/03/2019 07:48:26

    E tu splendi é un libro non scontato che tratta argomenti di attualità attraverso la situazione meridionale, della morte ed anche di un periodo complesso e difficile nella vita dei giovani: l'adolescenza. Risulta essere profondo se saputo leggere in maniera adeguata, non è mai scontato e attraverso il riadattameno delle parole di Pier Paolo Pasolini ci dà un tesoro da custodire e su cui riflettere. L'autore cerca di farci cambiare modo di vedere le cose attraverso gli occhi del protagonista e di far emergere allo stesso tempo il lettore con il suo personale punto di vista. Lo consiglio assolutamente.

  • User Icon

    Roberta

    22/01/2019 14:33:40

    Che meraviglia questo libro! Toccante, profondo ma con stile semplice. Fa emozionare! Consigliato a chi cerca un libro pieno di emozioni e scorrevole

  • User Icon

    Beppe

    29/12/2018 10:08:04

    Che dire, un bel romanzo. Si legge tutto d'un fiato, con vero piacere. Ci si affeziona al protagonista, ai suoi pensieri, al suo modo di fare. Storia ben costruita. E finale decisamente poetico a parer mio. Il tutto pervaso dalla giusta dose di malinconia.

  • User Icon

    patrizia b.

    24/12/2018 10:46:05

    Andate alla recensione di Stefania, perché è quello che avrei detto io. Libro non finito, con quell'inutile tiare in vallo Pasolini. Cpn in più quella scrittura finta da bambino. Ho voluto riprovare Catozzella dopo "Il grande futuro", ma il giudizio rimane lo stesso

  • User Icon

    Tiziana

    20/09/2018 10:43:17

    Anche questa volta affascinata dalla storia e incuriosita dalla copertina mi sono avvicinata a questo libro di Catozzella. E anche stavolta sono rimasta un po' delusa, mi aspettavo di meglio. La storia è affascinante, 2 bimbi orfani di madre vengono spediti dai nonni in un paesino della Lucania. Qui ritrovano gli amici di ogni vacanza, gli anziani del paese e scoprono dei nuovi arrivati. Degli stranieri che nessuno vuole. Fin qui bello ben scritto, la parte dove racconta della madre e della sua assenza colpisce al cuore, ma la parte centrale la divisione e poi unità del paese, il cattivo che vince sempre non mi hanno convinto. Non ho trovato la magia che mi aspettavo.

  • User Icon

    Marco Del Magna

    18/09/2018 16:28:04

    Catozzella ci regala questa lettura che cade a fagiolo nel periodo estivo: nelle pagine si racconta e si descrivono le bellezze naturali di un posto in cui il tempo si è un po' come fermato a partire da un'amara vicenda. Un racconto incline a far comprendere e apprezzare le diversità ed i complessi scenari collegati, che tuttavia si legge con piacevolezza e regala in diversi passaggi numerose emozioni.

  • User Icon

    Giorgi75

    18/09/2018 07:53:02

    Bellissimo il libro di Catozzella, un storia ambientata in Basilicata in un paesino di campagna dove tutto scorre lento e dove i bambini sono liberi di girare di notte senza che nessuno se ne accorga... è proprio in una di queste notti che Pietro fa una scoperta che cambierà la vita degli abitanti di Arigliana. Un libro scritto benissimo, che a mio avviso dovrebbero far leggere a scuola.. e che insegna come i pregiudizi rovineranno il mondo.. Consigliatissimo !

  • User Icon

    Betta

    05/09/2018 08:32:31

    Bello Bello Bello

  • User Icon

    stefania

    03/09/2018 08:01:39

    E' un buon libro ma, a parer mio, non fantastico. Ho fatto un po' fatica ad abituarmi al modo in cui è scritto - e non sempre poi l'ho apprezzato - e ogni tanto è poco lineare: per esempio, gli stranieri che hanno l'idea di rimettere in piedi la masseria e poi questa brucia... e ti chiedi perché nessuno l'abbia fatto prima, e il tutto sembra correre sul filo del non verosimile.

  • User Icon

    Stefano

    08/08/2018 11:49:33

    È bello: da percorrere da cima a fondo.. e tu splendi!

  • User Icon

    Alessandro C.

    29/05/2018 09:35:53

    "E tu splendi" è semplicemente un romanzo bellissimo. Vi auguro che vi capiti per le mani perchè sarà un dono.

  • User Icon

    Giusi D.

    01/05/2018 10:18:45

    Il mondo è un posto difficile da capire e, a volte, da accettare. La vita spesso sgomenta e fa paura. La vita al sud è molto più che semplicemente "vita". Ma attraverso gli occhi di un bambino tutto diventa plausibile. Tutto è naturale, sebbene eccezionale. Tutte le domande trovano una risposta. Certe letture lasciano senza fiato per un po'.

  • User Icon

    Enzo Timone

    22/04/2018 17:23:12

    Vorrei non averlo ancora letto ! Uno di quei libri che mi lascerà un ricordo indelebile !

  • User Icon

    angelo

    09/04/2018 12:48:01

    Ingredienti: un bambino lucano orfano di madre in vacanza dai nonni, un’estate nel paese d’origine (Arigliana) tra partite a calcio, sagre locali e luoghi magici e segreti, la delicata scoperta di una famiglia di migranti nascosta, la lotta a mani nude contro le ingiustizie create dai grandi. Consigliato: a tutti i figli dell’emigrazione capaci di splendere lontano dalle loro origini, a tutti i padri-padroni a casa loro incapaci di uscire dai propri confini mentali.

  • User Icon

    Mirko Danaschi

    03/04/2018 14:34:59

    Un romanzo indimenticabile. Non vi dimenticherete più di Pietro e Nina. Catozzella, di nuovo, come nel suo stile e come in Non dirmi che hai paura, riesce a darci emozionare, piangere, ridere, riflettere e aprire la mente. Dovrebbero leggerlo tutti i ragazzi a scuola, questo romanzo, per capire cosa stiamo diventando e il nostro rapporto con lo Straniero. Cinque stelline piene.

  • User Icon

    Eliana Stirò

    27/03/2018 14:07:53

    Mi sono innamorata del piccolo Pietro e della piccola Nina, e del selvaggio Refè e di Josh. Questo romanzo costringe a pensare e a riflettere, a prendere una posizione. Fa guardare in faccia il nostro comportamento nei confronti degli stranieri, ci costringe a prendere una posizione. Stranieri lo siamo tutti, anche noi italiani che siamo sempre emigrati in tutto il mondo. E' un romanzo molto emozionante. Dall'inizio alla fine non sono riuscita a trattenere le lacrime per le "chiacchierate" tra Pietro e la sua mamma. Da leggere. Per i professori e i ragazzi delle scuole e per noi adulti. Grazie a Catozzella, di nuovo, dopo Non dermi che hai paura e Samia, ci lascia una storia che dura nel tempo.

  • User Icon

    Enzo Mura

    26/03/2018 14:56:46

    Bellissimo, un romanzo che racconta il Sud meno conosciuto, i boschi, le montagne e la campagna della Lucania. I contrasti tra un gruppo di bambini (tra cui l'indimenticabile Pietro, che non smette di parlare alla mamma che non c'è più) e il mondo degli adulti, dopo che proprio Pietro scopre nascosta dentro l'antica torre normanna del paese una famiglia di stranieri che sconvolge tutto nel piccolo paese di cinquanta case di Arigliana... dolce, delicato, terribile e felice. Fa riflettere su chi siamo e chi siamo diventati, se anche chi è sempre stato straniero si comporta così con gli stranieri. Da leggere tutto d'un fiato.

Vedi tutte le 23 recensioni cliente
  • Giuseppe Catozzella Cover

    Giuseppe Catozzella è nato nel 1976 a Milano dove si è laureato in filosofia all’Università degli Studi di Milano con Carlo Sini e Stefano Zecchi, con una tesi sul significato della logica per Nietzsche. Dopo la laurea si è trasferito per un lungo periodo in Australia, a Sydney, e poi è tornato a vivere a Milano. È autore di poesie, romanzi-inchiesta, racconti e reportage. È stato a lungo consulente editoriale per la Mondadori e attualmente lavora per Giangiacomo Feltrinelli. Scrive su «L’Espresso», «Sette», «Il Corriere Nazionale», «Max», «Lo Straniero», milanomafia.com, e ha collaborato con la trasmissione televisiva Le Iene. Del suo romanzo-inchiesta Alveare (Rizzoli,... Approfondisci
Note legali