La tua giustizia non è la mia. Dialogo fra due magistrati in perenne disaccordo

Gherardo Colombo,Piercamillo Davigo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Longanesi
Collana: Le spade
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 29 settembre 2016
Pagine: 168 p., Brossura
  • EAN: 9788830446601

nella classifica Bestseller di IBS Libri Economia e diritto - Diritto di specifiche giurisdizioni - Sistema legale - Tribunali e procedimenti

Salvato in 78 liste dei desideri

€ 12,90

Venduto e spedito da Libreria Bortoloso

Solo una copia disponibile

+ 5,49 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 12,26

€ 12,90
(-5%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Due protagonisti di mani pulite. Due punti di vista opposti. Una sola giustizia.

"A mio parere il carcere, così come lo intendiamo e lo applichiamo, invece di essere una misura utile è dannosa" - Gherardo Colombo

"Se perdoni sempre tutti, i cittadini non avranno mai senso di responsabilità, che passa anche attraverso la sottoposizione di una persona alle conseguenze delle sue azioni" - Piercamillo Davigo

Un confronto serrato, una conversazione aperta e sincera, non priva di accenti polemici, sui temi più scottanti della giustizia in Italia. Grazie alla loro lunga esperienza nelle aule dei tribunali, Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo, due tra i più noti magistrati del pool di Mani Pulite, forniscono in queste pagine non soltanto una diagnosi scrupolosa dei tanti mali che affliggono la giustizia del nostro paese, ma avanzano suggerimenti e proposte di riforma, senza nascondere conflittualità e divergenze d'opinione, talvolta radicali. Lontani da ogni astrattismo, calati nella realtà della vita quotidiana, i loro interrogativi ci aiutano a capire perché le questioni più delicate e controverse che investono il mondo del diritto - le stesse che hanno ispirato pensatori come Aristotele Kant, Sant'Agostino e Foucault - ci riguardano così da vicino. È la giustizia, infatti, che traccia i confini della nostra libertà. È la giustizia che indica il grado di civiltà di uno Stato e la cultura diffusa che permea le sue istituzioni. Ma quand'è che una legge può dirsi davvero "giusta"? Basta minacciare una pena per dissuadere il ladro o il truffatore dal commettere un reato? Il carcere è l'unica soluzione? È dunque più efficace educare o punire? Quanto è diffusa la corruzione in Italia, e come mai, nonostante la stagione di Mani Pulite e le tante inchieste che hanno svelato l'intreccio perverso tra politica e affari, non accenna a diminuire?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,4
di 5
Totale 5
5
2
4
3
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    michele

    14/05/2020 07:10:34

    Molto interessante la contrapposizione del pensiero di questi due noti magistrati. Anche divertente e di lettura abbastanza scorrevole.

  • User Icon

    mariangela

    20/09/2019 15:06:43

    Gli opposti che dialogano. Interessante e a tratti oserei dire esilarante perché leggendo si arriva a pensare al paradosso normativo. Per un giurista è una lettura indispensabile e ricca di spunti di riflessione.

  • User Icon

    Farside66

    02/07/2017 10:04:43

    Perchè la giustizia funziona così male in Italia? Per Colombo è un problema anzitutto culturale, per Davigo è necessario far rispettare le regole. E ognuno dimostra la sua tesi con una serie di esempi di assurdità normative che sarebbero esilaranti se non toccassero così da vicino la vita delle persone. Da leggere cominciando dalla Conclusione.

  • User Icon

    Giuseppe Iacobucci

    16/01/2017 10:17:25

    Un vivace e brillante dialogo tra due dei protagonisti di "Mani Pulite",si dice,che oggi però offrono due differenti ottiche prospettiche,dalle quali è possibile desumere le caratterizzanti interpretazione di cui sono suscettibili alcuni "temi caldi",che spaziano dai principi del diritto penale alla scienza della politica.Imperdibile

  • User Icon

    claudio

    21/11/2016 07:28:52

    Due protagonisti di Mani Pulite si "scontrano" sulla Giustizia. Due posizioni molto differenti, spesso contrastanti. Ma sempre lucide. E che la politica dovrebbe ascoltare.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Gherardo Colombo Cover

    Magistrato attualmente fuori servizio, è noto per aver condotto, o contribuito a condurre, inchieste importanti sul crimine organizzato, la corruzione, il terrorismo e la mafia, tra cui la scoperta della Loggia P2 e Mani Pulite. Oggi è vicepresidente della casa editrice Garzanti.Ha pubblicato diversi libri nei quali mette la sua esperienza di magistrato al servizio di una divulgazione attenta e scrupolosa dei concetti di democrazia, giustizia e cittadinanza. Fra i più noti, ricordiamo Sulle regole (Feltrinelli 2008), Il vizio della memoria (Feltrinelli, 1998), Sei stato tu? La costituzione attraverso le domande dei bambini (Salani, 2009), Il legno storto della giustizia (Garzanti 2017, con Gustavo Zagrebelsky) e Il perdono responsabile. Perchè il carcere non serve... Approfondisci
  • Piercamillo Davigo Cover

    attualmente presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, è presidente di Sezione della Corte Suprema di Cassazione, in servizio alla Seconda Sezione penale dal 2005. Entrato in Magistratura nel 1978, è stato assegnato al Tribunale di Vigevano con funzioni di giudice, poi dal 1981 alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano con funzioni di sostituto procuratore. Dal 1992 ha fatto parte del pool Mani pulite, trattando procedimenti relativi a reati di corruzione e concussione ascritti a politici, funzionari e imprenditori. Dal dicembre del 2000 è stato consigliere della Corte d’Appello di Milano. Tra le sue pubblicazioni, con Laterza ricordiamo: La giubba del Re (2004), La corruzione in Italia (2008), Processo all'italiana (2012), Il giudice (2015),... Approfondisci
Note legali