Offerta imperdibile
Salvato in 18 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il tuo volto sarà l'ultimo
15,20 € 16,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+150 punti Effe
-5% 16,00 € 15,20 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
8,64 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Multiservices
16,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
IL PAPIRO
8,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
16,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,64 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
IL PAPIRO
8,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Il tuo volto sarà l'ultimo - João Ricardo Pedro - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il tuo volto sarà l'ultimo João Ricardo Pedro
€ 16,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


L’autore rivelazione della nuova narrativa portoghese. La storia di una famiglia attraverso le intemperie del Novecento, tra misteri irrisolti e sinistre eredità. Un romanzo magico come una fiaba, intrigante come una sciarada.

«Lo straordinario affresco di un paese lacerato dagli spettri del passato.» - Le Monde

«Un libro incantevole.» - El País

«Denso e commovente, condensa con rara maestria un secolo di storia.» - O Globo

Il 25 aprile 1974 la Rivoluzione dei garofani mette fine al regime instaurando la democrazia in Portogallo. Quello stesso giorno, in un piccolo villaggio nel centro del paese, l'uomo con l'occhio di vetro scompare. Lo hanno visto partire di buon'ora, armato del fucile. Dopo lunghe ricerche lo ritrovano morto, devastato di colpi. Quarant'anni prima, era apparso dal nulla, malridotto e senza un occhio. Il medico del villaggio lo aveva curato. Aveva restituito simmetria al suo volto. Gli aveva offerto un lavoro e un posto dove stare. Avanti e a ritroso rispetto a questi due episodi, lungo tutto un secolo, si snoda l'intreccio di questa acclamata opera prima, la storia di tre generazioni di una famiglia portoghese nel tempo della dittatura, delle guerre coloniali, della rivoluzione e della disillusione: il dottor Augusto Mendes, che ha eletto il proprio rifugio fra le montagne; il figlio Antonio, che ha riportato dall'Africa cicatrici e fantasmi; il nipote Duarte, destinato a sperimentare gli oscuri malefici dell'arte. Intorno, una straordinaria costellazione di personaggi, ciascuno con la propria odissea e il proprio dolore.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2015
29 aprile 2015
207 p., Brossura
9788865943748

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
montesano settimia
Recensioni: 3/5

il ritmo del linguaggio è incalzante anche quando è spezzettato in frasi corte che segnano il susseguirsi delle azioni, l'elenco di oggetti o, meglio ancora osservazioni e descrizioni, caratteristiche dell'animo umano (carattere, emozioni, sentimenti). la semplicità del linguaggio e la sua levatura culturale fanno del testo un'opera (a mio modesto avviso) letteraria. il messaggio che ho colto: l'Arte è mutilazione! senza mutilazione non c'è emozione, non c'è estro; l'emozione provoca essa stessa mutilazione.

Leggi di più Leggi di meno
enrico
Recensioni: 5/5

Grande e del tutto casuale scoperta...Imperdibile per chi ama la letteratura portoghese meno (Pessoa) e piu'(Saramago) recente e,perche' no, anche quella sudamericana. Tanti piccoli frammenti di vita,reale,sognata,desiderata, a rappresentare uno spaccato della storia del paese prima e dopo la rivoluzione dei fiori, attraverso le vicende del medico Augusto Mendes,di suo figlio Antonio e,soprattutto, dell'inquietante nipote Duarte e di tutto il piccolo mondo che li circonda ,in un remoto paesino del nord del paese.Forte capacita' evocatrice delle parole, scrittura ricca e spesso ridondante,ma sempre molto coinvolgente ed in grado di provocare (almeno in me) forti emozioni. Assolutamente consigliabile !!!!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

La seconda volta di Pedro, viaggio tra normalità e follia

Già conosciuto per il romanzo d’esordio Il tuo volto sarà l’ultimo (2015), con il quale ha vinto il premio LeYa, uno dei più importanti concorsi portoghesi per inediti, João Ricardo Pedro torna sulla scena internazionale, dopo il debutto, con una nuova opera narrativa, Una cartolina da Detroit (185 pagine, 16 euro), pubblicata dalla casa editrice Nutrimenti nella traduzione di Giorgio De Marchis. Sono trascorsi trent’anni dall’11 settembre 1985 e dall’incidente ferroviario di Alcafache, il più grave nella storia portoghese. Il narratore ripercorre quei momenti per ritrovare il bandolo della matassa che lo coinvolge da vicino: la scomparsa della sorella Marta, giovane studentessa di Belle Arti, e il ritrovamento dello zaino della ragazza tra le lamiere. Perché Marta ha preso quel treno? Perché l’amica da cui stava passando le vacanze si è suicidata nella vasca da bagno? I quaderni pieni di schizzi e disegni, ritrovati all’interno dello zaino, diventano il primo passo di un’indagine che assume le sembianze di un puzzle confuso.

«L’11 settembre 1985, alle ore 18 e 37 minuti, nel tratto a binario unico che collega la stazione di Nelas alla fermata di Alcafache, avvenne la collisione tra due treni – il Sud Express, che era partito dalla stazione di Porto Campanhã con diciassette minuti di ritardo, e il regionale proveniente da Guarda. I dati ufficiali riportano 49 morti e 64 dispersi. Stando alle testimonianze di diverse persone coinvolte nelle operazioni di soccorso, è probabile che siano morte centocinquanta persone. È considerato il peggior disastro nella storia delle ferrovie portoghesi. Tra i passeggeri del Sud Express c’erano due persone di mia conoscenza – una è sopravvissuta, l’altra no. Nel 1985, non c’era alcun legame tra loro, a parte il fatto che viaggiavano sullo stesso treno, diretto a Parigi». Da tale premessa si sviluppa la storia e l’indagine dell’io narratore che intreccia la memoria collettiva a quella privata e individuale: un viaggio tra pazzia e normalità, tra i disturbi mentali del protagonista e i fatti veritieri di una vicenda dolorosa. «Trent’anni dopo, sei ricoveri dopo, centinaia di confezioni dopo, sedute di psicoanalisi, sedute spiritiche, sanatori, terme, case di riposo, elettroshock mi ritrovo sdraiato sul letto, con gli occhi fissi sul soffitto, a pensare a quei due poveri macchinisti». Il protagonista si ritrova a ripercorrere con la mente il tragico evento: l’ultimo istante prima dello scontro tra i due treni, la telefonata della polizia per comunicare che lo zaino della sorella è stato ritrovato tra i rottami. Il lettore lo accompagna in un viaggio lungo il confine tra la realtà e  l’immaginazione, un vero e proprio labirinto disseminato da enigmi e frammenti di passati reali o illusori.

L’indagine sulla scomparsa di Marta, sulle motivazioni del ritrovamento dello zaino nel convoglio diretto a Parigi nasconde, in realtà, una preoccupazione maggiore. João è soprattutto interessato a ricostruire la vita della sorella, ad approfondire i lati della sua personalità che, ancora dopo trent’anni, sono nascosti e, per farlo, interroga i suoi quaderni. Una sorta di diario visivo in cui ritrova ritratti di personaggi ambigui, piazze e vicoli della Lisbona più malfamata: scopre che dietro l’apparenza di una ragazza semplice e per bene si cela una donna non del tutto irreprensibile.

Il romanzo di Pedro si aggroviglia nei rapporti, spesso confusi, tra i tanti personaggi che lo popolano, ma la narrazione si dipana grazie ad una prosa semplice e potente allo stesso tempo, che trova risposte ai tanti interrogativi che si ammassano nella mente del narratore. Il protagonista, però, deve fare i conti con la propria follia: al lettore non resta che seguirlo in questo continuo alternarsi tra normalità e pazzia, tra immaginazione e realtà perché, solo così facendo, potrà mettere a posto i tasselli di un puzzle ingarbugliato. Di certo, con uno stile dal grande effettivo evocativo, João Ricardo Pedro riesce a ritrovare un ordine nel disordine di ricordi e immaginazioni, dando vita ad un romanzo curioso, suggestivo che proietta chi legge nei meandri della follia del narratore.

Recensione di Arcangela Saverino

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

João Ricardo Pedro

1973, Reboleira

João Ricardo Pedro è nato nel 1973 a Reboleira, alle porte di Lisbona. Ingegnere elettronico, ha lavorato per più di dieci anni in un'azienda di telecomunicazioni. L'improvviso licenziamento, a causa della crisi, lo ha incoraggiato a tentare la strada della scrittura. Il suo esordio, Il tuo volto sarà l'ultimo (edito in Italia da Nutrimenti nel 2015), ha vinto il premio LeYa, il più importante concorso portoghese per inediti.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore