Categorie

Turisti in giallo

Collana: La memoria
Anno edizione: 2015
Pagine: 354 p., Brossura
  • EAN: 9788838933769
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,56

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


I giallisti di casa Sellerio, in estate, si rilassano. Mettono da parte le loro serie poliziesche e si cimentano con il racconto. Questa volta a catturare la loro attenzione sono i turisti.


Che strana gamma di caratteri e comportamenti hanno i turisti. Curiosi o prudenti, disallineati o in gruppo, si aggirano nelle nostre città in cerca di attrazioni, emozioni, esperienze culturali ed enogastronomiche… In alcuni casi trovano la morte, ma è molto raro. Non sono rari, invece, i giallisti – da Arthur Conan Doyle ad Agatha Christie - che hanno trovato l’affascinante ambientazione vacanziera perfetta per le loro trame poliziesche.
Che il delitto ami viaggiare lo sa bene la casa editrice palermitana Sellerio, che ancora una volta confeziona per l’estate un’antologia di racconti originali scritti dai suoi migliori giallisti. Si tratta delle voci più promettenti del genere, scrittori italiani come Marco Malvaldi, Antonio Manzini, Gaetano Savatteri e Francesco Recami, ma anche autori che in qualche modo possono essere considerati dei classici, come Santo Piazzese, senza dimenticare l’attrazione internazionale, sempre presente anche nelle altre raccolte di questo tipo, in questo caso Alicia Giménez-Bartlett.
Se per Rocco Schiavone, protagonista del racconto di Antonio Manzini, la presenza di turisti in Valle d’Aosta - per di più scalatori sulla cima del Polluce - è una vera e propria sorpresa, lo è ancora di più per Petra Delicado, quando si accorge che la sua città, Barcellona, offre sconti e tessere turistiche agli stranieri di passaggio. Ma l’avversione, quasi la fobia, nei confronti dei gruppi organizzati tocca la sua punta massima nel racconto del sicilianissimo Gaetano Savatteri, alle prese con l’assalto dei discendenti dei Normanni nei confronti della sua isola, del suo cibo e persino della sua casa. Stranamente invece Massimo, il “barrista” del BarLume che da sempre è costretto ad affrontare le incursioni dei villeggianti nella sua amena Pineta, si ritrova fuori dal contesto, lui stesso in trasferta per una gita in montagna con la fidanzata poliziotta.
Dove andrà, chi incontrerà, che succederà? Non possiamo dirlo. Sappiamo che ci sono dei morti ammazzati e delle indagini, magari non troppo ortodosse, ma forse non è quello che conta veramente. Il successo letterario di queste antologie a tema, che ad oggi sono nove, trova le sue basi nella personalità umana degli investigatori e nell’ambientazione insolita, quasi eccentrica, in cui si muovono. Dopo il Natale, le vacanze, la scuola, la crisi, un tema che saprà trascinarci lontano.


Antonio Manzini - Castore e Polluce
Alicia Giménez-Bartlett - Una poco di buono
Gaetano Savatteri - La regola dello svantaggio
Francesco Recami - Turisti innamorati a Firenze
Santo Piazzese - I turisti, i turisti
Marco Malvaldi - Fase di transizione

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Laura

    14/09/2015 08.49.12

    Sellerio ci ha ormai abituato alle sue antologie gialle, dove, inevitabilmente, vi sono racconti migliori, vere chicche e, ogni tanto, qualche delusione. In questa: Rocco Schiavone di Manzini è meno esaltante del solito, ma comunque acuto nel mettere alle corde i colpevoli. Pedra Delicado della Gimenez-Bartlett, alle prese con una terribile storia di famiglia, in un giallo completo seppur condensato nello spazio di un racconto. Abbastanza insulso Piazzese. Al di sotto del solito Mavaldi. Sempre più patetico il Consonni di Recami. Ma è la storia di Savatteri a regalarci un piccolo capolavoro a partire dalla teoria che dà il titolo al racconto. Solo un italiano e direi meglio, solo un siciliano, poteva escogitarla. Nel complesso, una raccolta più che positiva.

  • User Icon

    claudio

    11/09/2015 20.57.29

    Solo modesto, non direi di più. Da leggere veramente sotto l'ombrellone.

  • User Icon

    Marcello

    01/09/2015 15.32.59

    Sotto l'ombrellone carino specie l'ultima storia

  • User Icon

    archipic

    05/08/2015 17.55.49

    In questa raccolta: Manzini: 4, un corto che raccoglie le caratteristiche di Rocco e la sua cricca. Giménez-Bartlett, voto 4, un buon giallo condensato in poche pagine. Savatteri, voto 5, un piccolo gioiello di stile e trama. Recami, voto 4, più per la spassosa situazione creata che per il racconto in se. Piazzese, voto 2, alquanto lento e con poco mordente. Malvaldi, voto 2, fuori contesto rende poco. In conclusione, una raccolta che si merita un 4 in pagella.

  • User Icon

    marcello

    03/08/2015 21.54.47

    Piacevole divertissement estivo in riva al mare senza impegno ma di una certa qualità

  • User Icon

    giorgio g

    01/08/2015 09.15.29

    Continua brillantemente la tradizione dell'editore Sellerio delle raccolte di racconti "in giallo" ed io continuo nell'abitudine di recensirli singolarmente con un brevissimo commento: Manzini - "Castore e Polluce" - un delitto in alta quota: 5/5 ; Giménez-Bartlett - "Una poco di buono" - un cadavere che cambia aspetto: 5/5 ; Savatteri - "La regola dello svantaggio" - omicidio in salsa sicula: 4/5 ; Recami - "Turisti innamorati a Firenze" - afa e afrodisiaci nella città del giglio: 3/5 ; Piazzese -" I turisti, i turisti" - droga senza omicidio in salsa sicula: 4/5 ; Malvaldi -" Fase di transizione" - altro delitto tra le nevi: 5/5 ; per un complessivo, abbondante 4/5

  • User Icon

    eloise

    22/07/2015 17.58.18

    E'sempre un piacere ritrovare queste raccolte di racconti a tema. Un appuntamento da non perdere con i personaggi che ormai conosciamo così bene; li ho ritrovati tutti in linea con le aspettative, magari Malvaldi un tantino fuori dal suo habitat....in compenso un Savattini in grande spolvero, simpaticissimo!!!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione