Tutte le mattine del mondo - Pascal Quignard - copertina

Tutte le mattine del mondo

Pascal Quignard

0 recensioni
Scrivi una recensione
Traduttore: G. Cillario
Editore: Analogon
Collana: Entelechia
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 28 gennaio 2017
Pagine: 126 p., Brossura
  • EAN: 9788898630318
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Quantità:
LIBRO

€ 9,72

€ 18,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pubblicato per la prima volta nel 1991, da anni introvabile in traduzione italiana, il capolavoro di Quignard torna oggi alla luce. La sua fama si è consolidata grazie all'omonimo film diretto nello stesso anno da Corneau, interpretato da Gérard Depardieu e con la colonna sonora eseguita da Jordi Savall. Libro, film, musica, conoscono da allora un successo senza precedenti. La storia ruota intorno a un oscuro compositore e suonatore di viola da gamba nella Francia del Re Sole, Monsieur de Sainte Colombe, che rimasto vedovo con due bimbe in tenera età trova conforto al suo immenso dolore dedicandosi interamente allo strumento che perfeziona e al quale inizia le figlie. La famigliola costituisce uno straordinario trio di virtuosi. Ossessionato dal ricordo della moglie s'immerge in un mondo tutto suo dove, sull'onda della musica, riesce a stabilire un contatto quasi tangibile con l'amata consorte. Un giorno nella vita della famiglia compare il giovane Marin Marais. Le esistenze del maestro e dell'allievo s'incrociano per poi allontanarsi in direzioni sempre più divergenti, in un confronto che rivela a entrambi il senso del proprio essere e il significato più profondo della musica.
  • Studioso della civiltà greco-romana, ha ambientato diversi romanzi nell’antica Roma (tra gli altri Le tavolette di bosso di Apronemia Avitia, Les tablettes de buis d’Apronemia Avitia, 1984, nt). Un interesse non meno appassionato per i problemi della scrittura e del rapporto fra scrittore e lettore è all’origine di numerosi saggi (La parola della Délie, La parole de la Délie, 1974, su Maurice Scève, nt; Il lettore, Le lecteur, 1999), riflessioni (raccolte nei Brevi trattati, Petits traités, 1980-85, nt), racconti (Il lettore, Le lecteur, 1976, nt). Dopo alcuni testi letterari sperimentali (Carus, 1980, nt), ha pubblicato romanzi nutriti di sottile erudizione: Il salone del Württemberg (Le salon du Württemberg, 1987); Le... Approfondisci
Note legali