L' ultima mossa - Alberto Ripa,Giorgio Ripa - ebook

L' ultima mossa

Alberto Ripa, Giorgio Ripa

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Leone
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,53 MB
Pagine della versione a stampa: 342 p.
  • EAN: 9788863938340
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un messaggio con il logo di un camaleonte, e la celebre mossa scacchistica del matto del barbiere: sembra uno scherzo. Invece, un garzone di barbiere è ucciso a Milano. È l'inizio di una serie di omicidi, annunciati da lettere anonime con riferimenti agli scacchi, per i quali il principale indiziato è Lamberto Cossali, dirigente d'azienda svanito nel nulla. Dopo il successo di "Melodia fatale" tornano le indagini di Tobia Allievi nel difficile campo della psicologia, tra i misteri della mente umana, i segreti di un'industria, e gli enigmi di uno spietato assassino.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,84
di 5
Totale 63
5
61
4
0
3
0
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Metis

    14/08/2020 14:25:17

    Dopo "Le ali della vendetta", che mi ha sorpreso positivamente, ho scelto anche questo degli stessi autori perché il loro stile particolare m'intriga molto. Questa trama è sorprendente e ricca di dettagli, incastrati tra loro come i piccoli elementi di un orologio ad altissima precisione. Nulla è fuori posto, ogni cosa è funzionale al tutto. Veramente convincente.

  • User Icon

    LULÙ SPALLETTI

    23/01/2020 16:06:53

    Ho da poco concluso la lettura di questo eccezionale romanzo. Anche il sole è passato in secondo piano rispetto a questo re bianco. Quando si ha la fortuna di leggere un libro così bello, il tempo dentro e fuori sfuma i suoi contorni. Il caldo e i freddo, la gioventù e la vecchiaia, la luce e il buio, dipendono dalle parole,a volte. E qui sono combinate in maniera magistrale. Libro meraviglioso. Ineccepibile. Quant'è bella la sensazione di ritornare a ragionare! Lulù

  • User Icon

    Susanna Dragotti

    21/01/2020 20:58:05

    Eccezionale! Non so giocare a scacchi, ma non c'entra nulla. Questo libro lo può leggere e capire chiunque si sia scocciato delle solite storielle, altrimenti non lo può capire. Bellissimo!

  • User Icon

    SEDNA VILLA

    12/12/2019 23:37:30

    Splendido affresco narrativo! Supposizioni, riflessioni, direzioni, nodi da districare, dettagli da incastrare, percorsi da indovinare, mosse da intercettare, angolazioni da prospettare, sorprese da considerare. Complimenti da formulare! Romanzo spettacolare! Sedna

  • User Icon

    G.BONTEMPELLI

    11/12/2019 17:50:11

    Stuzzichevole. Splendido intreccio: non mi sono mai divertito così a rincorrere la soluzione di un "caso", che in tutta sincerità non sono riuscito a indovinare. Questi autori non scrivono il solito thriller. In questo libro si è di fronte all'abilità di due narratori unici, che non solo sanno come farsi seguire e inseguire fino all'ultimo, ma che, una volta letti, diventano inafferrabili! Romanzo più che magistrale e unico, direi, F E N O M E N A L E!!! Giandomenico

  • User Icon

    Teodoro Della Valle

    09/12/2019 17:39:21

    Trama molto particolare. Questi autori sanno bene come si catalizza l'attenzione del lettore di thriller. Mi piace che non ricorrano al solito romanzo psicologico,classicamente inteso, ma che abbiano scelto di ridisegnare l'impostazione del genere, attraverso una nuova intelaiatura narrativa. E qui, come se non bastasse, bisogna indovinare il senso di... Bravissimi! Trovata geniale! Teodoro Della Valle

  • User Icon

    GIANLUCA SALTAREL

    17/11/2019 18:09:15

    "Diamoci una mossa: leggiamo tutto quello che hanno scritto questi autori unici!" Dopo aver letto il loro primo e il loro più recente romanzo, questo è stato il mio spontaneo proposito. Così ho scelto di farmi una partita a scacchi straordinaria. Ho scoperto purtroppo che non ho chance, perché non c'è bisogno di sapervi giocare per sperare di vincere: bisogna usare la testa. E la mia l'ho persa nelle pagine di "Melodia Fatale" e "L'Alba di un nuovo giorno", perché quei loro romanzi sono splendidi e indimenticabili. Eppure questo mi avvince in una maniera addirittura più particolare. Non saprei dire perché. Forse il motivo è legato al modo audace degli autori di farsi inseguire nella narrazione attraverso i dettagli culturali che fanno sempre un dolce solletico al cervello, quando sono incastrati, alla perfezione e con semplicità, in un meccanismo tanto geniale e imprevedibile. Sono rimasto stupefatto e piacevolmente colpito. Consiglio i libri dei Ripa a chi ha voglia di cultura e originalità!

  • User Icon

    Kimberly Cantalupo

    29/10/2019 12:59:34

    Splendido e originale anche quest'altro libro dei Ripa, che ho letto dopo il loro meraviglioso "Melodia Fatale". È il caso di dire che hanno indovinato il modo di attrarre i lettori attenti e difficili come me: che bravi! Questo romanzo è di una raffinatezza più unica che rara! Imperdibile e indimenticabile! Kimberly Cantalupo

  • User Icon

    VINCENZO SCORZETTI

    17/10/2019 11:44:20

    Brillante e straordinario. Questo libro è specialissimo, perché mimetizza la realtà sotto gli occhi del lettore che guarda con attenzione ovunque tranne che nella direzione corretta avanti a sé. Tutto gli sembra logico e possibile mentre legge e gioca con le soluzioni, forse perché non riflette approfonditamente, orientando il pensiero verso la giusta luce. La verità appare sempre in tutto il suo splendore: RIPA non ha eguali perché è firma doppiamente eccezionale. Congratulazioni a questi autori che hanno saputo rendersi, con la loro formulazione letteraria, inequivocabilmente inimitabili!

  • User Icon

    ESTER

    16/10/2019 06:21:28

    Da quando ho imparato a giocare a scacchi, questa è la partita più bella che ho letto. Il bello è che la penserei così anche senza conoscere le regole di gioco sulle 64 caselle, purché dopo aver letto i libri di questi due scrittori, dei quali apprezzo, attraverso le loro pagine, fondamentalmente l' originalità, la correttezza, la linearità, la semplice monumentalità di narrazione, la chiarezza nella pur immensa densità argomentativa, la preparazione, la fantasia, l'intelligenza, lo schema, il nuovissimo schema di tessitura di trama. Bastano queste poche qualità a distinguere una firma dalle altre. La verità incontrovertibile è questa: chi è stufo delle banalità può solo apprezzare questi scrittori, invero poco pubblicizzati, come tutte le autentiche preziosità.

  • User Icon

    Francine

    09/10/2019 10:10:32

    Io sono innamorata dell'Italia dove studio e degli scacchi. Ho due fidanzati: il mio lavoro e i miei libri. Questo romanzo mi sarebbe piaciuto lo stesso, anche senza saper giocare a scacchi, perché è speciale e ricco di belle parole di tante materie e tutte molto interessanti. Ma è bello soprattutto per come sono scritte e intrecciate insieme. Quanto sono bravi questi due scrittori italiani! Congratulazioni!

  • User Icon

    TOTO

    07/10/2019 10:31:16

    Stupefacente! Questo romanzo è un capolavoro di originalità e precisione inappuntabili e indefettibili, come non leggevo da "L'alba di un nuovo giorno" degli stessi autori, in verità l ' ultimo in ordine di pubblicazione. Il camaleonte e la verità non mutano, cambia l'interpretazione di fronte ad entrambi. Dopo aver letto questo secondo libro dei RIPA, ho capito che finora non ho mai avuto il piacere di definire "perfetto" un romanzo, come mi è accaduto due volte, grazie a loro. Spiegare perché sia magistrale è difficile: oggi troppi termini elogiativi sono abusati e confondono. Mi limito a dire che di fronte ad un romanzo del genere due sono le reazioni possibili: non intenderlo perché si è abituati ad altro, comprenderlo e rimanere estasiati dalla straordinaria magnificenza! Consigliato a chi ha voglia d' incommensurabilità!

  • User Icon

    SALVATORE GIANNANTONIO

    03/10/2019 09:58:57

    "L'uomo scrutò la scacchiera sotto una nuova luce: non vide due eserciti pronti al combattimento ma un unico corpo di ballo, obbediente ai comandi di un fantasioso coreografo." Basterebbe questo piccolo assaggio di parole, per rendere l'idea della straordinarietà di quest' opera. Il bene e il male si disputano a tavolino la partita con l'apparenza. Chi vince, smette d'ingannare perché impera. E finalmente esiste davvero. Questo romanzo mi ha lasciato senza parole, perché fa riflettere su tanti dettagli dell'esistenza umana, senza annoiare, ma attraverso un meccanismo di fondo eccezionalmente avvincente, che rivela con chiarezza e precisione la stoffa di questi autori sin dalle prime pagine: purissima eleganza in grande stile della scienza e delle lettere! È facile sintetizzare con la definizione di "capolavoro" il giudizio verso un 'opera d'arte vera e propria. Il difficile è descrivere il piacere e la soddisfazione di fronte ad una trama così effettivamente speciale in un mondo che fa presto a elogiare l' inelogiabile in molti ambiti. Questo libro fa bene a chiunque, non solo all' esperto di scacchi, come tutti i libri che ha scritto questa coppia formidabile di autori, perché esprime cultura e voglia di giocare coi lettori. Ho accettato la sfida. Ho subito lo scacco matto, perché non ho indovinato un bel niente. Coi RIPA si perde, ma col privilegio di aver disputato una partita finalmente, inequivocabilmente indimenticabile.Bravissimi!

  • User Icon

    Lavinia Bellicampi

    26/09/2019 14:09:56

    Non so giocare a scacchi. "Come potrebbe piacermi anche questo libro dei Ripa?" mi sono chiesta dopo aver letto gli altri quattro che hanno scritto. La risposta l'ho avuta già dal prologo. E,ora che l' ho finito, capisco che è uno dei libri più belli che ho letto. È difficile spiegare il significato di un aggettivo, sempre meno obiettivo e sempre più equivocabile al giorno d'oggi: "bello". Provo a dire la mia: questo libro mi ha insegnato a giocare a scacchi con la prevedibilità e ho perso; mi ha suggerito l'emozione concettuale e mi ha invitata a riflettere con l' anima, e ha vinto. Mi ha regalato la voglia di credere ancora nel gioco culturale, come si fa quando si traduce dal latino,dal greco, ad esempio, e mi ha incantata; mi ha suggerito che la verità autentica parla anche in silenzio. E mi ha fatto capire cosa sia la bellezza di romanzo! Meraviglioso!

  • User Icon

    Tosca

    25/09/2019 21:38:55

    Prima dello scacco matto, le partite si disputano. Chi gioca a scacchi sa bene che una partita non può iniziare direttamente con lo scacco matto. Questa regola non vale per il lettore che legge i romanzi di Alberto e Giorgio Ripa: a questi autori basta il prologo per vincere.Tutto quello che si legge dopo è contorno eccezionale di trame uniche. Qui mi è piaciuto, oltre allo schema esclusivamente "ripiano" di narrazione, anche e soprattutto, l'attenzione rivolta alla musica , alla poesia e ai giochi di parole, all' inconsueta psicologia della ' imprevedibile,e al Re bianco. Che sorpresa! Che particolarità di epilogo! Questi autori, anche se volessero, per la loro originalità e conoscenza, non stancherebbero mai! È il libro più particolare che ho letto! Imperdibile!

  • User Icon

    FABIO ZANI

    22/09/2019 16:43:44

    Ancora più particolare del meraviglioso, precedente mente letto, "L'alba di un nuovo giorno" degli stessi autori. L'occhio si muove sulla scacchiera multidisciplinare dei gemelli Ripa, e la testa si fa intrappolare con stupore e desiderio di non smettere dall'abilità inimitabile d'inchiodare il lettore che, a mio giudizio, si possono permettere così solo Alberto Ripa e Giorgio Ripa. Non si è di fronte al semplice thriller, ma ad una struttura di base mai rintracciata sin d'ora, sulla quale si può dipingere tutto lo scibile umano, a patto che siano questi scrittori a padroneggiare la tavolozza dei colori, perché la preparazione della tela è stata posta in essere da loro. Ad ogni artista la sua! I Ripa hanno inventato quella a scacchi siderali! Romanzo elegantissimo! Complimenti agli autori!

  • User Icon

    Marcellina Soldati

    20/09/2019 07:41:27

    Mai letto un thriller più sofisticato e preciso di questo! Capolavoro indimenticabile e inimitabile, per il congegno ideativo innanzitutto, e poi per l'abilità di fondere i dettagli multidisciplinari senza mai stancare. Che bel libro! Complimenti agli autori!

  • User Icon

    S.Bello

    20/09/2019 05:40:15

    Di fronte alla scacchiera multidisciplinare sulla quale Alberto Ripa e Giorgio Ripa sfidano il cervello dei lettori, bisogna avere il coraggio di alzare le mani in segno di resa: Ripa vince sempre! Questo romanzo è straordinario!

  • User Icon

    Sirenella

    22/07/2019 09:32:18

    E adesso che questa terza partita è finita,che "RIPA" mi leggo?Riuscirò a divertirmi come con questo thriller sui generis che più sui generis non si può? Ancora mi domando quale meraviglioso prodigio risieda nel cervello di questi autori che ,in luogo di una trama,inventano sempre una scorrazzata nello "spremiagrumi per cervelli".Invitano a ragionare ad ogni pagina, così per gioco..E così intrappolano il lettore nel loro gioco multidisciplinare magistrale. Bellissimo !

  • User Icon

    Arturo Scintilla

    14/07/2019 20:44:57

    Mossa imprevedibile : Ripa si riconferma eccezionale. Da leggere assolutamente!Splendido!

Vedi tutte le 63 recensioni cliente
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali