L' ultima volta che siamo stati bambini

Fabio Bartolomei

Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,4 MB
  • Pagine della versione a stampa: 205 p.
    • EAN: 9788833570525
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 11,99

    Venduto e spedito da IBS

    12 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Per ribellarsi alle leggi della guerra bisogna essere folli. O bambini

    Un romanzo emozionante fino all’ultima pagina, personaggi dalla vitalità contagiosa che vivranno a lungo nel cuore dei lettori di tutte le età.

    Cosimo, Italo e Vanda sono bambini di appena dieci anni con i sogni, la voglia di scoprire il mondo e la spensieratezza dell’infanzia intrappolate dalla Seconda guerra mondiale. Mentre l’intera nazione vacilla, i tre, di fronte alla scomparsa di un amico, non hanno dubbi: devono partire per una missione di soccorso. La loro fuga darà il via a una seconda, disperata missione di soccorso, quella di una suora e di un militare in convalescenza che subito si mettono sulle loro tracce. La speranza di raggiungere i piccoli fuggiaschi in poche ore si dimostra fin dall’inizio un imperdonabile errore di calcolo. Equipaggiati con l’incoscienza che è patrimonio di ogni bambino, un’amicizia che diventa più forte di giorno in giorno e una misteriosa mappa, Cosimo, Italo e Vanda portano avanti con caparbietà la loro missione, tra avventure spericolate e voglia di libertà pagata a caro prezzo.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Ritochka

      22/12/2018 05:16:27

      "Il vero nemico, facile riconoscerlo, è quello che con la guerra, qualsiasi tipo di guerra, si arricchisce". In questi romanzo, Bartolomei, attraverso la rocambolesca avventura di tre ragazzini, racconta le brutture della guerra e del nazi-fascismo. Un bel libro in cui fantasia ed umanità si fondono. Lontani dalla travolgente ironia dei primi romanzi dell'autore siamo qui in una fase decisamente meno incline alle risate.

    • User Icon

      angelo

      14/12/2018 13:42:09

      Ingredienti: 4 bambini romani nell’autunno del ’43, il primo contatto col male e le cattiverie dei grandi, 8 giorni di fuga da casa alla ricerca di un amico ebreo deportato, una suora ed un soldato al loro inseguimento. Consigliato: ai bambini che diventano adulti troppo presto ed agli adulti che tornano bambini troppo tardi.

    Scrivi una recensione