Categorie

Giovanni Ziccardi

Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno edizione: 2012
Pagine: 367 p. , Brossura
  • EAN: 9788831711272

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    carlo v.

    09/04/2013 12.29.40

    non capisco se le valutazioni che precedono la mia siano frutto di un'attenta lettura o solo opera di amici e studenti ruffiani del professor ziccardi. personaggi e situazioni davvero improbabili (uno su tutti: il giudice!). stile piuttosto scontato. costruzione narrativa e trama lineare e banale. come thriller è davvero mediocre, come testo universitario (il professor ziccardi lo adotta nel suo corso di informatica giuridica), invece, ha il merito di far appassionare gli studenti alla materia.

  • User Icon

    Andrea

    10/12/2012 09.08.30

    L'ho letto. Non mi ricordo quanto tempo fa. Devo dire che nell'arco di una settimana già stava nel cassetto. Ottimo. Il personaggio principale e la sua moto è diventato un mito. Se è possibile, vorrei che l'autore mi facesse un autografo sul mio libro con dedica. Lo consiglio a tutte le persone dotate di cefalo (cervello). Conosco persone che non sono dotate di cervello (metaforicamente) quindi è inutile che lo suggerisco non capirebbero.

  • User Icon

    Mauro

    14/05/2012 11.46.22

    Bel libro. Parlare con competenza di tecnologia e normative è roba da pochi. Saperlo raccontare, ancora di più. Il libro è scorrevole, finisce in fretta.

  • User Icon

    Eea

    01/02/2012 15.06.55

    Prima opera narrativa di un autore usualmente conosciuto per i propri scritti da docente universitario. Questo thriller annovera un' avvincente serie di storie, che si intersecano fra loro per giungere, caratterizzate dalla presenza di un unico protagonista: Alessandro Correnti, avvocato penalista ed ex hacker, con Studio a Milano, accompagnato da un cane beagle sfuggito ad un laboratorio, con un sacco di problemi, fra cui quello di scambiare i carlini per dei tappetini per i piedi. Il personaggio si troverà ad affrontare situazione complicate, oltre che surreali, dalle quali uscirà anche grazie all'aiuto della tecnologia. La lettura di questo thriller, però, è ancora più apprezzabile per gli argomenti di sottofondo: da un lato diritto e giustizia, mentre informatica, investigazioni digitali dall'altro. Proprio questi argomenti, che rappresentano il nocciolo dell'attività professionale di cui Ziccardi si occupa, nel testo vengono affrontati con la leggerezza necessaria per rendere la lettura scorrevole, seppur mai banale o superficiale. Alla fine il lettore non potrà non constatare come, vero protagonista della storia, pare essere unicamente il concetto di libertà, sia d'espressione sia di conoscenza. Un diritto dato sempre per scontato ma, soprattutto nella nostra era, sempre più importante e sempre più difficile da tutelare.

  • User Icon

    Alessandra

    30/01/2012 20.39.10

    Un libro bellissimo, l'ho finito in due notti. Trama originale, e l'aspetto delle nuove tecnologie, e del loro possibile uso negativo, è davvero inquietante. Il personaggio principale è troppo forte, ma anche gli altri (soprattutto Il Giudice) sono ben scritti. Mi ha tenuta con il fiato sospeso fino alla fine, e mi sono anche commossa, in alcuni passaggi. Le parti sui cuccioli di cane e sulla pedopornografia sono molto crude, ma sono probabilmente reali. Consigliatissimo!!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione