L' ultimo premio del fascismo. Marino Moretti e l'Accademia d'Italia (Firenze, 21 aprile 1944)

Paolo Simoncelli

Editore: Le Lettere
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 1 gennaio 2005
Pagine: 104 p., Brossura
  • EAN: 9788871668499
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Il 21 aprile 1944 l'Accademia d'Italia, ritirata ormai a Firenze, aveva assegnato all'unanimità il suo ultimo premio letterario a Vittorio Giovanni Rossi. Il giudizio, tuttavia, fu sovvertito da un intervento politico letterario del Ministro della Cultura popolare della Repubblica sociale italiana, Fernando Mezzasoma, che, senza neanche informare l'Accademia, d'autorità assegnò il premio all'antifascista Marino Moretti. Da queste contrastate vicende prende avvio una ricerca basata su documenti e carteggi inediti dei maggiori letterati del tempo, che a rebours risale alle origini del "caso Moretti": alla sua mancata iscrizione all'Accademia d'Italia e alla sua denegata vittoria del "Premio Mussolini" nel 1932 per essere stato tra gli antifascisti firmatari del "Manifesto Croce".Un caso emblematico del rapporto tra politica e cultura con protagonisti intellettuali come Ojetti, Cecchi, Papini, Valgimigli, Panzini, direttori di grandi quotidiani come Amicucci e Gray, e con Gentile sullo sfondo, impegnato in quello che sarebbe stato il suo ultimo lavoro di organizzatore culturale e l'ultimo premio letterario del fascismo.