Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
Salvato in 6 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Uomini e città della Resistenza. Discorsi, scritti ed epigrafi
22,80 € 24,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+230 punti Effe
-5% 24,00 € 22,80 €
Disp. in 5 gg lavorativi Disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
22,80 € Spedizione gratuita
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libraccio
13,20 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
22,80 € Spedizione gratuita
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
13,20 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Uomini e città della Resistenza. Discorsi, scritti ed epigrafi - Piero Calamandrei - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Pubblicato una prima volta nel 1955, in occasione del decennale della Liberazione, "Uomini e città della Resistenza" è il testo fondatore della nostra epica resistenziale. Raccoglie testi ed epigrafi composti in ricordo di figure eroiche come i fratelli Rosselli e i fratelli Cervi, e di città martiri come Cuneo, Ferrara, Firenze. Piero Calamandrei (1889-1956), giurista, scrittore e uomo politico, fu tra i fondatori del Partito d'Azione e tra gli artefici della Costituzione repubblicana. Nel 1945 fondò a Firenze la rivista "Il Ponte", animando il dibattito politico, culturale e civile del primo decennio della Repubblica. Prefazione scritta da Carlo Azeglio Ciampi.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2006
12 gennaio 2006
LXXVI-282 p., Rilegato
9788842078401

Voce della critica

È come se, a poco a poco, il ritratto di Pietro Calamandrei da iconico e monumentale si facesse più umano, ricco di sfumature e mezzetinte, perdendo quell'aura di fissa sacralità che l'ha di norma avvolto. Questa composita raccolta, ben costruita e annotata dalla nipote Silvia e da Casellato, autore di un saggio introduttivo felicemente spigliato, permette di conoscere più approfonditamente lo sviluppo del pensiero e delle posizioni di Calamandrei negli anni drammatici che vanno dall'entrata in guerra al cruciale 1924. La periodizzazione scelta è buona non solo, come in questo caso, a illuminare una tormentata fase della biografia d'un protagonista, ma per circoscrivere una parabola che ha fitti riscontri nelle vicende, psicologiche e culturali, di una certa Italia: quella del combattentismo che aveva immaginato la guerra come una dolorosa impresa da affrontare per dar compimento all'indipendenza della nazione e avviare una democrazia più aperta alle istanze sociali. In questo senso è corretto legare in continuità gli anni del fronte e l'inquietante tumulto del dopoguerra, fino alla vigilia dell'instaurarsi del regime fascista.
Il giurista fiorentino, soprattutto nelle lettere indirizzate alla moglie Ada – qui ne sono pubblicate 220 delle 915 conservate – descrive con letteraria minuzia la sua esperienza di tenente e poi di capitano, svoltasi nelle retrovie, a ridosso dei combattimenti più aspri. Il diario che ne risulta alterna riflessioni morali, scoperta di sé e indagine sugli altri. Dopo aver tenuto un discorso in onore dei caduti a Maresca, Calamandrei confessa alla sua compagna – la sposerà, in licenza, il 10 dicembre 1916 – di aver scoperto in sé un'eloquenza che non sapeva di possedere: ecco i primi passi della sua calcolata retorica civile. Nel tentativo di argomentare con convincenti motivazioni la compresenza di personali affetti e ardente nazionalismo, le confessa che non saprebbe volerle "un infinito bene" se non fosse "al suo posto", a sperimentare un'angosciante fusione di sentimenti in apparenza opposti. La guerra, indagata da una posizione privilegiata, ma prossima ai terribili scontri, non ha alcuna attrazione, si svela come "triste, ma santa necessità". E le variazioni sul tema non sono punto consolanti o edulcorate: "follia mondiale", "infinita sciagura", "cosa orribile", "fatale vortice". Eppure dal sacrificio di tante vite sarebbe nato – questa è l'ingenua e ardimentosa fiducia di Calamandrei – un nuovo ordine, un più condiviso senso di appartenenza e la prospettiva di una concorde unione delle patrie. In nome della sua idea mazziniana e vitale di patria, Calamandrei esortò in particolare gli studenti della sua università ad abbandonare lotte fratricide e feroci furori, esorcizzando il rischio di una frattura generazionale che avvertiva imminente. Più che la vittoria a essere tradita è – a suo parere: e il tema del tradimento tornerà in chiave analoga nel dopoguerra postresistenziale – la speranza dei giovani che, come lui, avevano creduto di assumere la spaventosa esperienza attraversata quale spartiacque all'origine di una nuova, pacificata storia.
  Roberto Barzanti

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Piero Calamandrei

1889, Firenze

Si laureò in legge a Pisa nel 1912. Insegnò nelle Università di Messina, Modena, Siena e, dal 1924, Firenze.Partecipò alla Grande Guerra come ufficiale, si congedò con il grado di capitano; successivamente fu promosso tenente colonnello.Subito dopo l'avvento del fascismo fece parte del direttivo dell' "Unione Nazionale " fondata da Giovanni Amendola, impegnandosi attivamente nel movimento antifascista.Fondò con Gaetano Salvemini, i fratelli Rosselli ed Ernesto Rossi il "Circolo della Cultura".Durante il ventennio fu uno dei pochi professori universitari che non chiese la tessera del PNF.Con Francesco Carnelutti ed Enrico Redenti fu tra i principali ispiratori del Codice di Procedura Civile del 1940 dove trovarono applicazione gli insegnamenti fondamentali...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore