Un uomo da marciapiede

Midnight Cowboy

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Midnight Cowboy
Paese: Stati Uniti
Anno: 1969
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 18 anni
Salvato in 36 liste dei desideri

€ 14,00

Venduto e spedito da ModenaCinema

Solo 2 prodotti disponibili

spedizione gratuita

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,99 €)

Un giovane texano lascia la campagna per New York, dove vuole far soldi come stallone per ricche signore, ma riesce soltanto a collezionare brutti incontri sino a quando, giocato da due prostitute, non giunge a vendersi per strada. Conosciuto un barbone tubercolotico, impara ad arrangiarsi nei bassifondi della città e stabilisce con questi un saldo rapporto d'amicizia.
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ernesto

    26/09/2013 16:18:26

    Sconvolgente e malinconico dramma metropolitano, con un'eccezionale ed allora sconosciuta(o quasi)coppia, Hoffman/Voight. Stupendo e azzeccato il brano predominante del film di Harry Nilsson "Everybody's Talkin" entrato oramai nella leggenda. In poche parole, un capolavoro.

  • User Icon

    gianguido sifola

    11/05/2008 19:23:03

    questo film e' il piu' bel film della storia secondo me' una reale e attuale forse piu' attuale di prima visto la voglia di cercar fortuna all' estero la fuga dei cervelli e la risposta e il tentativo fallito dell'attore principale aiutato da un italoamericano im arte dustin hoffmann lucidatore di scarpe pieno di astuzia e di coscenza ormai in estinzione.....un pezzo di italianita' a newyork che ti aiuta.....

  • User Icon

    Andrea

    06/02/2005 17:25:43

    Questo film fa comprendere la grande ricchezza dei rapporti umani sminuendo l'importanza dei soldi e dei beni materiali, perchè non c'è nulla di più bello al mondo che ricevere un sorriso da una persona mentre ti dice grazie. L'amore, intesa anche come amicizia, supera la forma e va oltre il colore e l'apparenza perchè il contenuto di un sentimento è sempre primo a tutto.

1970 - David di Donatello - Miglior attore straniero - Hoffman Dustin

  • Produzione: MGM Home Entertainment, 2000
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 113 min
  • Lingua audio: Inglese (Dolby Digital 4.0);Italiano (Mono);Francese (Mono);Spagnolo (Mono);Tedesco (Mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese; Tedesco; Spagnolo; Olandese; Finlandese; Svedese; Norvegese; Danese; Portoghese; Francese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • Dustin Hoffman Cover

    "Propr. D. Lee H., attore statunitense. Piccolo, nervoso, dall'inconfondibile voce nasale, il volto lontanissimo dalla classica bellezza hollywoodiana, già dal debutto cinematografico con il cult-movie Il laureato (1967) di M. Nichols inaugura il personaggio del «piccolo uomo» introverso e complessato con il quale attraversa più di trent'anni di cinema americano. Nel film interpreta un timido giovane di buona famiglia borghese che viene sessualmente svezzato da un'amica dei genitori, della cui figlia poi si innamora, con tutte le conseguenze del caso. Antidivo per eccellenza, raffinato interprete teatrale, sostenitore sfegatato del metodo di Strasberg, incarna alla perfezione il tipo attoriale della f New Hollywood: non si tira indietro di fronte ai ruoli sgradevoli (il barbone storpio Rizzo... Approfondisci
  • Jon Voight Cover

    "Propr. Jonathan Vincent. Attore statunitense. All'indomani del western L'ora delle pistole (1967) di J. Sturges, riceve una nomination, che lo consacra improvvisamente star, per Un uomo da marciapiede (1969) di J. Schlesinger: intensa elegia metropolitana di un'amicizia impossibile e autentica. Studente (Il rivoluzionario, 1970, di P. Williams) o insegnante (Conrack, 1974, di M. Ritt) idealista, è più efficace quando il suo sguardo dalla limpidezza glaciale, trasparente o luciferina, è scosso dal violento mutare degli eventi (Un tranquillo week-end di paura, 1972, di J. Boorman), complice una natura ostile e primigenia. Un H. Ashby furbesco (Tornando a casa, 1978) gli procura l'Oscar, ma V. ha già allargato il proprio registro al genere spionistico (Dossier Odessa, 1974, di R. Neame) cui... Approfondisci
Note legali