Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

copertina

L' uomo dai denti tutti uguali

Philip K. Dick

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Vittorio Curtoni
Editore: Fanucci
Collana: AvantPop
Anno edizione: 1999
Pagine: 288 p.
  • EAN: 9788834706756
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 5,00

Venduto e spedito da Libreria Anarres

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 5,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 5,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Eccezionalmente un romanzo di Dick che non rientra nel genere fantascientifico. Scritto del 1960, in uno dei migliori momenti creativi, è stato scoperto solo nel 1984, quando è stato pubblicato per la prima volta in Gran Bretagna. Nel romanzo si racconta la storia di una vendetta crudele e paradossale, ambientata nell'America falsamente innocente degli anni '50, mentre è in pieno sviluppo un grande cambiamento sociale, la popolazione inizia a spostarsi nei sobborghi urbani, e la guerra fredda fa sentire il peso ossessivo delle sue nevrosi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alex

    25/11/2003 21:53:59

    L'ho letto in due giorni ma solo perchè avevo parecchio tempo libero; la trama non è molto avvincente anzi, quasi noiosa; tra l'altro non tratta di fantascienza. In ogni caso godibile.



Dick, Philip K., In terra ostile, Einaudi , 1999
Dick, Philip K., L'uomo dai denti tutti uguali, Fanucci, 1999
scheda di Vin‡on, P. L'Indice del 2000, n. 03

Quello che oggi è il più celebrato degli scrittori di fantascienza - l'autore, per intenderci, di Blade Runner (1968; Fanucci 1996) - tentò invano, per tutto il corso degli anni cinquanta, di farsi valere come scrittore senza complementi di specificazione; ma è solo ora - sulla scia del culto tributatogli - che i suoi romanzi mainstream cominciano a vedere la luce anche in Italia. Dopo Confessioni di un artista di merda (Fanucci, 1996) è adesso la volta di In terra ostile e L'uomo dai denti tutti uguali, scritti rispettivamente nel 1958 e nel 1960.
In Milton Lumky Territory (questo il titolo originale del primo) si racconta la storia di Bruce "Skip" Stevens, che, andando a trovare una sua vecchia fiamma nella speranza di poter passare la notte con lei, incontra un'altra donna, accetta di gestire il suo negozio, lascia il lavoro, si trasferisce a casa sua, la sposa e si mette in viaggio alla ricerca di merce da vendere: uno stock di macchine per scrivere. Trama risibile, se non fosse che - primo - lei è stata la sua insegnante alla scuola media e - secondo - i viaggiatori di commercio sono animali territoriali. E quello in cui Bruce ha sconfinato è il territorio di Milton Lumky (che infatti soffre di nefrite e deve aver avuto dei problemi a marcarne i confini). E non è affatto una stranezza che il romanzo sia intitolato a lui e racconti la storia dell'altro, perché il sospetto, alla fine, è che sia Milt a reggere i fili del gioco.
La territorialità è anche la molla che in
L'uomo dai denti tutti uguali fa scattare il conflitto tra i due protagonisti: Leo Runcible (agente immobiliare) e Walter Dombrosio (progettista industriale). Ma in questo caso ne nasce una trama costellata di colpi di scena e concatenazioni di avvenimenti. L'escalation del conflitto tra Leo e Walt ne genera tutta una serie di altri (in primo luogo quello tra Walt e la moglie Sherry), ma il vero motore dell'azione è in realtà il conflitto delle interpretazioni che i vari personaggi danno dei fatti. Se Janet (la moglie di Leo) è accecata da una vera e propria paranoia alcolica, Sherry lo è dalla psicanalisi; e se Leo è accecato dal tornaconto economico, Michael Wharton (insegnante elementare e archeologo dilettante) lo è da quello scientifico. Così, quando nel terreno di Leo viene trovato il teschio di un uomo dai denti tutti uguali, nessuno si ricorda della passione di Walt per gli scherzi. Ma si sa: ride bene chi ride ultimo. E qui, alla fine, non ride nessuno.
Se amate la fantascienza di Dick ritroverete in questi romanzi le stesse domande portanti (che cos'è un individuo? che cos'è la realtà?), se non conoscete Dick scoprirete uno scrittore, senza complementi di specificazione.

Paolo Vinçon

  • Philip K. Dick Cover

    Fra i suoi romanzi di fantascienza, caratterizzati da un cupo pessimismo, si ricordano: La svastica sul sole (The man in the high castle, 1962), I simulacri (The simulacra, 1964), Le tre stigmate di Palmer Eldritch (The three stigmata of Palmer Eldritch, 1964), Ubik, mio signore (Ubik, 1969). Scrittore prolifico e sregolato, di fama crescente, Dick ha raggiunto a tratti una grande intensità stilistica.(dall'Enciclopedia della Letteratura Garzanti) Approfondisci
Note legali
Chiudi