Stripe PDP
Salvato in 45 liste dei desideri
L' uomo del futuro. Sulle strade di don Lorenzo Milani
9,72 € 18,00 €
;
LIBRO USATO
Usato di: Libraccio venduto da IBS
+10 punti Effe
18,00 € 9,72 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,72 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato
IL PAPIRO
18,00 € + 7,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Gullà
13,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
ibs
15,30 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
IL PAPIRO
18,00 € + 7,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
ibs
15,30 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,72 € Spedizione gratuita
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato
Libreria Gullà
13,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
L' uomo del futuro. Sulle strade di don Lorenzo Milani - Eraldo Affinati - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

A quasi cinquant'anni dalla sua scomparsa don Lorenzo Milani, prete degli ultimi e straordinario italiano, tante volte rievocato ma spesso frainteso, non smette di interrogarci. Eraldo Affinati ne ha raccolto la sfida esistenziale, ancora aperta e drammaticamente incompiuta, ripercorrendo le strade della sua avventura breve e fulminante: Firenze, dove nacque da una ricca e colta famiglia con madre di origine ebraica, frequentò il seminario e morì fra le braccia dei suoi scolari; Milano, luogo della formazione e della fallita vocazione pittorica; Montespertoli, sullo sfondo della Gigliola, la prestigiosa villa padronale; Castiglioncello, sede delle mitiche vacanze estive; San Donato di Calenzano, che vide il giovane viceparroco in azione nella prima scuola popolare da lui fondata; Barbiana, "penitenziario ecclesiastico", in uno sperduto borgo dell'Appennino toscano, incredibile teatro della sua rivoluzione. Ma in questo libro, frutto di indagini e perlustrazioni appassionate, tese a legittimare la scrittura che ne consegue, non troveremo soltanto la storia dell'uomo con le testimonianze di chi lo frequentò. Affinati ha cercato l'eredità spirituale di don Lorenzo nelle contrade del pianeta dove alcuni educatori isolati, insieme ai loro alunni, senza sapere chi egli fosse, lo trasfigurano ogni giorno: dai maestri di villaggio, che pongono argini allo sfacelo dell'istruzione africana, ai teppisti berlinesi, frantumi della storia europea.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2016
2 febbraio 2016
177 p., Brossura
9788804658962

Valutazioni e recensioni

3,3/5
Recensioni: 3/5
(10)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(5)
3
(4)
2
(0)
1
(1)
dor
Recensioni: 4/5

La cultura per don Milani rappresenta la forma più autentica di emancipazione su cui l'umanità possa contare.In questo senso non avevano torto i suoi accusatori che lo additavano come prete rivoluzionario dal momento che veramente,per lui, la cultura possiede una carica eversiva.Si tratta,però, di una rivoluzione che non si fa coi fucili ma con i libri perchè non interessata a sottomettere ma a liberare gli spiriti

Leggi di più Leggi di meno
stefania
Recensioni: 3/5

Questa biografia mi è sembrata più un pretesto per esprimere i pensieri dello scrittore che quello di far emergere la vita e lo spirito di don Milani. Attraverso i luoghi da lui vissuti Affinati racconto quello che pensa e/o che avrebbe detto questo o quell'altro personaggio, a dividere la storia tra un capitolo e l'altro le sue avventure per il mondo dove racconta storie di vita di gente comune

Leggi di più Leggi di meno
Tinama
Recensioni: 3/5

Se si pensa di leggere una biografia ordinaria non è questo il libro adatto. Si procede a flash sui luoghi vissuti da don Milani e sui suoi semi distribuiti nel mondo. Se non si è preparati a questo tipo di lettura, all'inizio ci si sente disorientati e quasi infastiditi(come anche per l'uso, da parte dell'autore della seconda persona), poi si entra nell'ottica dell'autore e ci si adegua. Si incontrano persone (non personaggi), vecchie conoscenze: R.Bensi, E.Balducci, G.La Pira, D.Bonhoeffer, P.P.Pasolini e tanti altri dai quali non si può prescindere se si vuole conoscere don Milani. Ma si scoprono anche persone nuove che lo affiancarono nel suo lavoro come Adele Corradi. Il libro è anche uno stimolo a seguire altri sentieri per approfondire la conoscenza dell'uomo-profeta, quello dei suoi scritti ma anche quelli di chi ha scritto su di lui, da Neera Fallaci alla quasi sconosciuta Adele Corradi. Un modo diverso, a volte spigoloso, originale per accostarsi a quest'uomo davvero singolare.Se si pensa di leggere una biografia ordinaria non è questo il libro adatto. Si procede a flash sui luoghi vissuti da don Milani e sui suoi semi distribuiti nel mondo. Se non si è preparati a questo tipo di lettura, all'inizio ci si sente disorientati e quasi infastiditi(come anche per l'uso, da parte dell'autore della seconda persona), poi si entra nell'ottica dell'autore e ci si adegua.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(5)
3
(4)
2
(0)
1
(1)

La recensione di IBS


Finalista al LXX Premio Strega. Presentato da Giorgio Ficara e Igiaba Scego.


Don Milani non ci lascia un’opera, una filosofia, un sistema, un progetto, ma energia allo stato puro. L’inquietudine che c’è prima dell’azione. Come se non fosse possibile tenerlo fermo per esaminarlo, sfugge a qualsiasi definizione.

Si può capire molto della psicologia di un uomo dai modi in cui narra una vita altrui, perché talvolta il metodo migliore per descrivere se stessi sta nel nascondersi. L’autore si eclissa innanzi al racconto dei propri modelli di riferimento, nella speranza che siano essi stessi, attraverso la capacità di essere evocati e la qualità del loro ricordo, a far emergere i tratti distintivi di chi li celebra.
Affinati nel corso della ricerca dell'eredità lasciata dal pensiero e dalle opere di Don Milani riesce innanzitutto a raccontare della propria esperienza da insegnante, portando alla luce una dedizione contagiante. Una passione che diventa un modello affettivo-esistenziale fondato sulla lezione del priore di Barbiana, una figura di cui percepisce indirettamente la presenza nel corso dei suoi viaggi nelle scuole di ogni continente, riconoscendone l’insegnamento sia negli occhi degli studenti sia in quelli dei maestri di frontiera, epigoni inconsapevoli ed eredi del prete ribelle.
L’autore, stranito ma confortato da tale onnipresenza, si rivolge a Don Milani in seconda persona in ognuno dei dieci capitoli del testo, intrattenendo un dialogo votato alla ricerca di quella condizione di autenticità in grado di definire le priorità morali della scuola e di ogni educatore.

Don Milani è ad oggi una figura ancora scomoda. Nato da una ricca famiglia toscana - da una madre di origini ebraiche - ebbe presto l’impulso di lasciare Firenze, le proprie ricchezze e le prestigiose frequentazioni dei salotti familiari, per iscriversi al seminario. Fu l’inizio di un percorso che gli permise di sviluppare una sensibilità cattolica autenticamente legata al messaggio pauperista del Vangelo e lontana dai barocchismi della Chiesa pre-conciliare, con cui presto giunse allo scontro. Solo da pochi anni infatti i suoi scritti hanno ottenuto l’imprimatur papale, per la precisione dal 2014, quando Bergoglio ha autorizzato la stampa delle Esperienze pastorali, ritirato dal commercio dal S.Uffizio nel 1958 poiché considerata una lettura inopportuna. In questo testo il sacerdote fiorentino preconizzava una società multi-etnica, priva di barriere o dogane, una prospettiva che necessitava di una scuola di servizio civile in grado di educare alla tolleranza, capace di preparare la società al cambiamento, rinnovandone anche il linguaggio.
Allontanato per le idee eterodosse, fu spedito a Barbiana, una sorta di penitenziario ecclesiastico in uno sperduto borgo sugli Appennini toscani, dove fondò un laboratorio pedagogico che accolse i giovani appartenenti al sottoproletariato rurale del piccolo paese. Qui predicò la necessità di recuperare questi esclusi, creando un inedito modello scolastico a tempo pieno e integrato al lavoro. Barbiana divenne in breve tempo teatro di una rivoluzione, dove la scuola era pensata per favorire l’integrazione degli ultimi, piuttosto che aiutare chi aveva già i mezzi per proseguire autonomamente gli studi, riferendosi evidentemente ai più fortunati coetanei cittadini. Il piccolo borgo toscano divenne un’isola di autenticità, in cui il prete incontrò una morte prematura, dopo una malattia debilitante che non gli negò tuttavia la gioia di rimanere fino all’ultimo tra i suoi allievi.

Affinati ha realizzato un reportage riflessivo dei luoghi - mondani ma anche spirituali - visitati da Don Milani in persona o dai suoi inconsapevoli eredi. Ha ascoltato le testimonianze degli allievi ancora in vita del prete ribelle, intervistandoli per carpire dopo decenni quale è stato il messaggio più importante recepito durante l’esperienza di Barbiana.
Emerge da queste interviste soprattutto la conservazione di una formidabile energia, un anelito a rinnovare se stessi, alla luce del Vangelo, poiché è necessario portare la rivoluzione prima nel proprio animo e solo in seguito nella società.
Un messaggio più spirituale che politico, di cui Affinati prova a restituire un’immagine accorata, invitando il lettore a recuperare l’opera di Don Milani, anche da atei, per riscoprire l’urgenza del suo programma pedagogico, in difesa di quegli ultimi che ora non sono più arroccati negli sperduti monti toscani, ma sbarcano quotidianamente lungo le nostre coste.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Eraldo Affinati

1956, Roma

Eraldo Affinati vive nella capitale e insegna alle scuole superiori. È tra i più importanti narratori che si sono rivelati negli anni Novanta. Ha esordito con un saggio nel 1992, Veglia d'armi. L'uomo di Tolstoj. La sua prima opera di narrativa è del 1993, Soldati del 1956. Ha un grande successo di critica soprattutto con Bandiera bianca (1995) e Campo di sangue (1997), entrambi editi da Mondadori. Nel 1998 ha pubblicato la raccolta di racconti Uomini pericolosi e nel 2001 il romanzo II nemico negli occhi. L'anno successivo, sempre per Mondadori, ha dato alle stampe un ritratto biografico del teologo Dietrich Bonhoeffer, Il teologo contro Hitler. I suoi ultimi romanzi sono Secoli di gioventù (Mondadori, 2004) e La città dei ragazzi (Mondadori, 2008). Nel...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore