L'uomo del labirinto

Donato Carrisi

Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 04/12/2017
Pagine: 400 p., Rilegato
  • EAN: 9788830448278

13° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Thriller e suspence - Thriller

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,26

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simona

    21/06/2018 13:56:30

    Libro geniale, chi non capisce il finale o non ha letto i precedenti con protagonista Mila Vasquez o dovrebbe tornare ai fumetti, magari non proprio quelli di cui parla questo libro. :) Non si può bocciare un libro per le proprie incapacità cognitive.

  • User Icon

    Maria Antonietta

    12/06/2018 09:55:18

    Si legge tutto d'un fiato ma il finale è deludente e incomprensibile. Ne ha scritti di migliori.

  • User Icon

    bruno46

    04/06/2018 13:05:23

    Un buon thriller, ma come tanti lettori non ho capito il finale.

  • User Icon

    MASSIMO MONTEBUGNOLI

    04/06/2018 06:21:47

    Carrisi è un discreto autore.Mi stupisce l'ennesimo ricorso alle scontate tecniche di psicologismi e salti temporali,per risolvere il caso.Possibile che il genere thriller attinga sempre allo stesso labirinto?Per quanto tempo ne avrà ancora bisogno il bravo Carrisi? Massimo Montebugnoli

  • User Icon

    archipic

    31/05/2018 12:14:40

    Voto medio per quest'ultimo lavoro di Carrisi. Il libro parte molto bene, preciso, incisivo e subito con una bella atmosfera da thriller; lo svolgimento della trama, però, perde per strada il buon incipit e si sviluppa in modo poco efficace, con qualche lungaggine di troppo. Aspettiamo il prossimo episodio.

  • User Icon

    cricri

    27/05/2018 07:38:44

    una buona tensione , ma un finale difficile da capire . assurdo,molto deluso

  • User Icon

    Tittolo

    19/05/2018 08:54:02

    Mi spiace! Non credo di essere particolarmente arguto ma il fatto di aver intuito dove si andava a parare già nelle prime 50 pagine mi fa propendere a pensare che questo thriller non sia un vero e proprio capolavoro. Bella storia ma, secondo me, non particolarmente intrigante.

  • User Icon

    Cremo

    10/05/2018 12:29:05

    Buon thriller , non semplice da capire il finale ma che regala un bel colpo di scena

  • User Icon

    Davide

    08/05/2018 08:28:02

    Un'ulteriore conferma dello stile di Carrisi che tiene sempre il lettore sul filo del rasoio. Libro che si legge facilmente, trama non semplicissima, dove bisogna prestare attenzione alla parte finale, che non voglio spoilerare pero' il tutto fa presupporre ad un'altro libro con protagonista Mila Vasquez. Il mio preferito rimane Marcus il penitenziere. Voto 3/5, nella media, consigliato.

  • User Icon

    Francesco Raugei

    07/05/2018 06:33:12

    Ho dovuto rileggere le ultime pagine perché non capivo il finale, (forse sono un pò limitato) ma ancora adesso ho qualche dubbio !!!! Comunque molto bello e intrigante.

  • User Icon

    Carlo Smania

    04/05/2018 14:38:17

    Bellissimo fino al finale, che non ho capito (ma forse sono io limitato)

  • User Icon

    Stefania

    24/04/2018 18:33:09

    Carrisi non delude quasi mai, bellissimo, letto in 2 giorni, ti inchioda, anche se si "spegne"un po' verso il finale e soprattutyto la parte conclusiva ma comunque approvato a pieni voti! Carrisi il migliore scrittore di thriller contemporaneo.....

  • User Icon

    Barbaccia77

    28/03/2018 20:11:36

    Carrisi non sbaglia un colpo!Semplicemente geniale! :-) Chi non comprende il finale non può sparare a zero perché ci sono dei chiari e limpidi collegamenti al libro L'IPOTESI DEL MALE scritto in precedenza in cui sono protagonisti Berish e Mila Vasquez e che sicuramente avrà un seguito.

  • User Icon

    luca

    28/03/2018 06:46:18

    Libro scorrevole, la storia è intrigante e non vedi l'ora di arrivare alla fine, le ultime 20 pagine ti fanno cadere quell'ottimo libro letto fino a quel punto, finale senza senso che non si capisce bene.

  • User Icon

    Fabio

    27/03/2018 15:59:59

    Sicuramente uno tra i più belli di Carrisi.

  • User Icon

    Moira

    17/03/2018 16:56:38

    Deludente.

  • User Icon

    Giuly

    16/03/2018 07:03:11

    Un thriller da brivido. Grandissimo Carrisi, abile come pochi altri nello scandagliare gli abissi più bui dell'animo umano. Meraviglioso.

  • User Icon

    Gigi

    15/03/2018 13:15:45

    Ma solo io non ho capito nulla del finale? Bravo Carrisi, non riuscendo a trovare un finale sensato fa il gioco delle tre carte. Insopportabili le autocitazioni da romanzi precedenti. La "resurrezione" del detective è grottesca. Mi spiace, ma non mi freghi più.

  • User Icon

    Alessandra

    15/03/2018 10:42:30

    Un thriller che non concede nessuna tregua perché è congegnato in maniera perfetta. Forse uno dei migliori libri di Carrisi!

  • User Icon

    chicca

    12/03/2018 13:03:19

    No, non è proprio il mio genere. Qualche mese fa avevo letto la ragazza nella nebbia, che mi era piaciuto, ma questo no. Troppo estremo, si spinge al di là di ogni immaginabile perversione. Amo i polizieschi perchè negli ultimi anni hanno saputo raccontare la realtà meglio dei saggi o di altri generi letterari, ma in questo romanzo, come negli altri dell'autore che lo letto, sembra esserci una voluta sospensione spazio temporale: non viene citato nè un luogo nè una data o un avvenimento storico, anzi tutto è calcolato per non dare al lettore riferimenti precisi. Fateci caso, neppure dai nomi dei protagonisti si riece a capire dove si svolge l'azione; nessuno fa una chiamata con un cellulare o una ricerca su internet, la tecnologia semplicemente non esiste. Riconosco una una buona dose di mestiere nell'inteccio e un linguaggio piacevole, scorrevole ed efficace ma non credo che leggerò altro dell'autore.

Vedi tutte le 67 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Li chiamano "figli del buio". Sono bambini e bambine che sono stati rapiti e poi segregati in luoghi oscuri, sepolti vivi in tane sotterranee dove la luce non riesce ad arrivare, soli con loro stessi e con i loro carnefici. A volte riescono a sopravvivere e a riemergere, ma non saranno mai più gli stessi, perché ormai il buio ha infettato la loro anima.

Samantha Andretti è una di loro. È stata rapita quando aveva tredici anni, un mattino qualunque prima di entrare a scuola. Ora è in un ospedale, finalmente libera, convinta di essere stata prigioniera per qualche mese. Quello che non sa è che in realtà nel Labirinto ci è rimasta per quindici anni. Un tempo lunghissimo sotto l'effetto di droghe e farmaci, a giocare con quel rapitore che non ricorda di aver mai visto. Ma ad aiutarla a ritrovare la memoria c'è il dottor Green, profiler famoso per i suoi metodi poco ortodossi e molto originali. Insieme intraprenderanno un viaggio nella mente della ragazza, piena di immagini terribili, verità celate dietro ricordi falsati, corridoi oscuri che si aprono su porte che nessuno vorrebbe mai attraversare. Ma affrontare l'orrore, di nuovo, è l'unico modo per dare un volto al mostro.

Anche fuori dall'ospedale c'è qualcuno che farebbe di tutto per catturare il rapitore di Samantha. È Bruno Genko, un detective privato con un ottimo spirito di osservazione, che ha vissuto di inganni e sotterfugi, che non ha paura di immergersi nel deep web o di penetrare nei corridoi del Limbo, la sezione persone scomparse da cui tutti si tengono alla larga. Il dolore al petto gli ricorda che gli resta poco da vivere, ma forse può sfruttare i suoi ultimi giorni per chiudere questo vecchio caso che quindici anni prima non era riuscito a risolvere.

Ma le domande e i dubbi sono tanti, forse troppi. Perché, dopo quindici anni, il mostro ha lasciato andare Samantha? Chi è stato a fare la chiamata anonima per segnalare la presenza della ragazza a bordo della strada che attraversa la palude? E perché la sua voce era così terrorizzata? E mentre fuori il caldo si fa sempre più intenso e le persone si ritrovano a vivere di notte e a rinchiudersi in casa durante la giornata, Genko, il dottor Green e Samantha continuano a scavare alla ricerca della verità, raggiungendo luoghi e ricordi sempre più oscuri e terribili.

Donato Carrisi ci riporta in un "non-luogo" soffocante, dove è il male a dominare e non c’è spazio per la luce. E costruisce un thriller dal ritmo incalzante, dove ogni capitolo aggiunge un tassello che ci conduce sempre più vicini alla verità ma che allo stesso tempo sembra complicare il puzzle sempre di più. Tra killer con maschere da coniglio e libri che si rivelano davvero per ciò che sono solo se guardati allo specchio, finiremo intrappolati in Labirinto senza uscita, dove per sopravvivere non c’è altro modo che rispettare le regole del gioco. Bisogna solo capire quali sono.

Recensione di Mauro Ciusani