L' uomo in grigio

The Man in Grey

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Man in Grey
Regia: Leslie Arliss
Paese: Gran Bretagna
Anno: 1943
Supporto: DVD
Salvato in 5 liste dei desideri
All'inizio dell'Ottocento, una scaltra e giovane contadina inglese viene accolta in una nobile casa come dama di compagnia. Con il segreto intento di diventare la nuova moglie del padrone, convince la signora a tradire il marito.
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Sinister Film, 2010
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 116 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: foto; trailers
  • Margaret Lockwood Cover

    "Attrice inglese. Bellezza bruna, espressiva e delicata, passa al cinema dopo una gavetta teatrale. Il suo candore la rende ideale nei ruoli di vulnerabile ingenua, come in Gentiluomo dilettante (1936) di T. Freeland, e in altri trascurabili titoli noti solo al pubblico inglese. È solo nel 1938, nei panni dell'eroina di La signora scompare di A. Hitchcock, che diventa una star internazionale e si trasferisce brevemente negli Stati Uniti (Susanna e le giubbe rosse, di W.A. Seiter; Il dominatore del mare di F. Lloyd, entrambi 1939). Torna in Gran Bretagna come splendida interprete di due successi di C. Reed del 1940: E le stelle stanno a guardare e Night Train to Munich (Treno notturno per Monaco), seguiti da prove meno significative. Rilancia la sua carriera in declino con La bella avventuriera... Approfondisci
  • James Mason Cover

    Attore inglese. Preferisce il palcoscenico a un futuro da architetto e si afferma a teatro secondo la più solida tradizione drammaturgica inglese di sobrietà e misura. Dai primi anni '30 comincia ad apparire sugli schermi in patria e, senza doti di prestanza fisica su cui far leva, comincia a lavorare su una maschera più interiorizzata e sofferta che culmina nei cupi riflessi di morte del terrorista irlandese braccato in Il fuggiasco (1947) di C. Reed. Chiamato a Hollywood, mostra di saper reggere i virtuosistici toni melodrammatici di Pandora (1950) di A. Lewin, al fianco di una lussureggiante A. Gardner, e si cimenta in complesse personalità maschili, dal risoluto feldmaresciallo nazista di Rommel, la volpe del deserto (1951) di H. Hathaway, al Bruto uccisore del proprio benefattore di Giulio... Approfondisci
Note legali