L' uomo, l'orgoglio, la vendetta

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Luigi Bazzoni
Paese: Italia
Anno: 1967
Supporto: DVD
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 8,50 €)

Josè, giovane sottufficiale dell'esercito spagnolo, viene degradato per essersi fatto sfuggire una prigioniera che doveva condurre al carcere. Una volta riacciuffata la fuggitiva però il militare se ne innamora e diviene un bandito associandosi ad altri fuorilegge; Josè vuole sposare la ragazza, ma lei pare di tutt'altro avviso.
  • Produzione: Surf Video, 2008
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 99 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • Franco Nero Cover

    Nome d'arte di Francesco Sparanero, attore italiano. Biondo e prestante, con saettanti occhi azzurri e cipiglio da valoroso, incarna una bellezza maschile molto «americana», non a caso già apprezzata da J. Huston che nel 1966 fa interpretare a questo italiano atipico, allora semisconosciuto, l'innocente Abele nel kolossal La Bibbia. Il cinema di cassetta ne fa subito un eroe affidandogli ogni sorta di avventure esotiche o metropolitane con almeno due storici pistoleri dello spaghetti-western post S. Leone: Django (1966) di S. Corbucci e il crepuscolare Keoma (1976) di E.G. Castellari. Non gli mancano tuttavia i ruoli più profondi, primo fra tutti il capitano dei carabinieri di Il giorno della civetta (1968), tratto da L. Sciascia e firmato da D. Damiani, che lo dirige in diverse altre pellicole... Approfondisci
  • Tina Aumont Cover

    Propr. Maria Christina A., attrice statunitense. Figlia d'arte (di Jean-Pierre A. e M. Montez), debutta con il nome di Tina Marquand in Modesty Blaise, la bellissima che uccide (1966) di J. Losey e poi si trasferisce in Italia, dove si fa notare in Scusi lei è favorevole o contrario? (1967) di A. Sordi. Bella, occhi grandi e labbra seducenti, per una decina d'anni interpreta piccoli ruoli di donna di facili costumi in molti film di autori diversi (da Satyricon, 1968, di G.L. Polidoro a Malizia, 1973, di S. Samperi, a Cadaveri eccellenti, 1975, di F. Rosi, fino a Il Casanova di Federico Fellini, 1976, dove è Enrichetta). Negli anni '80 dirada le apparizioni e ritorna poi nella seconda metà dei '90 in produzioni americane e francesi di scarsa fortuna. Approfondisci
  • Klaus Kinski Cover

    Nome d'arte di Nikolaus Günther Nakszynski, attore tedesco. Di umili origini, nel dopoguerra si stabilisce a Berlino. Un volto pallido dall'espressione folle e minacciosa e uno sguardo penetrante già distinguono il giovane attore alle sue prime prove teatrali, cui corrisponde nella vita un personaggio iracondo e imprevedibile, al contempo folle e geniale, descritto con acutezza e ironia da W. Herzog (Kinski, il mio nemico più caro, 1999). Esordisce al cinema nel 1948 e dopo alcuni ruoli di contorno (I dannati, 1951, di A. Litvak), anche efficaci (Tempo di vivere, 1958, di D. Sirk), diviene in patria un caratterista del genere poliziesco (Paga o muori, 1964, di A. Vohrer). Un modesto ruolo in Per qualche dollaro in più (1965) di S. Leone, un altro in Il dottor Zivago (1965) di D. Lean lo spingono... Approfondisci
Note legali