Utopia - Thomas More - cover

Utopia

Thomas More

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Alma Books Ltd
Collana: Alma Classics Evergreens
Anno: 2017
Rilegatura: Paperback / softback
Pagine: 288 p.
Testo in English
Dimensioni: 198 x 128 mm
  • EAN: 9781847496256
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,71

€ 7,89
(-15%)

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO INGLESE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,89 €)

In Thomas More's hugely influential Utopia, a traveller recounts his discovery of an island nation in which the inhabitants enjoy unprecedented social cohesion and justice. The book imagines a community in which laws, personal relations and professional ambition are based on reason, in contrast with the tradition-bound superstitions of Europe, which were, in More's eyes, impediments to equality and peaceful coexistence.One of the indicators of the profound cultural and political influence of More's masterpiece is today's common use of the word "Utopia" - a term he invented. This extraordinary treatise on the values of rationality and reason - here presented in a sparkling new translation by Roger Clarke and accompanied by copious notes and additional texts - questions what a philosopher can do to enact change in society, and how idealized visions can inform political practice.
  • Thomas More Cover

    (Londra 1478-1535) letterato e filosofo inglese. Ebbe a Oxford una formazione umanistica; fu grande amico e collaboratore di Erasmo da Rotterdam (con il quale tradusse parte dei Dialoghi di Luciano) e di William Lyly (con il quale compilò un’antologia di poeti greci tradotti in lingua inglese). Avvocato di fama, entrò nel parlamento inglese nel 1504, conducendo con la sua raffinata eloquenza una battaglia contro la politica erariale di Enrico VII, volta a ottenere sempre maggiori vantaggi per la corte a danno del popolo. Caduto in disgrazia e costretto a vita privata, ritornò sulla scena politica con l’ascesa al trono di Enrico VIII, che lo ebbe in così grande considerazione da portarlo alla carica di lord cancelliere (1529). Rifiutatosi di rinnegare l’autorità del papa in materia religiosa... Approfondisci
Note legali