Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

copertina

Vado verso il Capo. 13.000 km attraverso l'Africa

Sergio Ramazzotti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Feltrinelli
Edizione: 3
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 264 p.
  • EAN: 9788807815720
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 5,90

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 5,20 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una traversata dell'Africa, attraversando il Sahara senza fuoristrada, affrontando le salite di fango rosso e scivoloso nel cuore della gungla su una bicicletta arrugginita, usando ogni genere di mezzo - camion, treni, merci, taxi, furgoni, traghetti, barchini - o andando a piedi e senza soldi per corrompere le autorità.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,63
di 5
Totale 16
5
11
4
4
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    zombie49

    28/03/2012 07:27:26

    13000 Km. da Algeri a Cape Town con i mezzi di trasporto locali: autobus, treno, taxi collettivi, traghetti, camion. Ramazzotti ci racconta questa sua avventura x conoscere l'Africa dall'interno, insieme ai suoi abitanti e lontano dai percorsi turistici. Non come un africano, sia chiaro: lui infatti aveva una disponibilità economica che i locali non possono avere in una vita, e un po' x questo si sente in colpa. Ho comprato questo libro perché il percorso ricalca in gran parte viaggi che ho fatto anch'io, e il confronto era troppo intrigante. Condivido molte delle sue sensazioni: il vuoto del Sahara algerino senza traccia di piste, la polvere del Sahel che penetra ovunque fine come cipria, le tempeste di sabbia, l'ostilità dei gendarmi, l'estenuante burocrazia alle frontiere. Il suo viaggio nel Sahara era più scomodo, ma anche più sicuro, xché i camionisti conoscono i percorsi, mentre le nostre piccole Panda rischiavano di perdersi, in un tempo antecedente al GPS. Differente l'accoglienza ad Assamaka e Arlit: x noi il Niger era la fine delle maggiori difficoltà, x lui l'inizio. Sensazioni elementari e meravigliose, una birra misteriosamente fresca nel deserto, un piatto di riso condito con la sabbia, spiedini di chissà cosa in salsa piccante. Sensazioni contrastanti in Zaire: le foreste, avvolgenti gallerie verdi, la "strada del monsignore" e la "route de la beauté", piste di fango di rosso che inghiotte le auto fino ai mozzi delle ruote, la corruzione e la prepotenza dei militari, il sorriso dei bambini. Rischiare il linciaggio o trovare accoglienza da sconosciuti che offrono casa e cibo. Zambia, Zimbabwe, Sudafrica: le strade asfaltate, i parchi, ma anche una divisione sociale più netta, xché la povertà genera solidarietà x sopravvivere, il benessere invidie e rancori. La macchina del tempo esiste, ed è in Africa: in un solo giorno precipita indietro di un secolo, in quella che doveva essere anche la vita in Occidente, 100 anni fa.

  • User Icon

    Paolo

    24/04/2008 20:33:36

    Mi dispiace (almeno in parte)dissentire dagli altri commenti ma il libro di Sergio Ramazzotti nasconde qualcosa di falso e non detto. Non si può conoscere l'Africa (tutta!)come una moglie in quaranta giorni. Inoltre, nei momenti di maggiore difficoltà, Ramazzotti se l'è cavata tirando fuori mucchietti di banconote, altri e sono i più, non possono. Quello è il viaggio senza denaro di tanti africani e gli espedienti per riuscirci il loro segreto.

  • User Icon

    annamaria

    21/03/2008 23:05:14

    Bravissimo Sergio Ramazzotti!Ho letto il libro "vado verso il Capo" tantissimi anni fà, essendo una ppassionata di viaggi, non solo i miei, ma anche quelli di persone eccezionali come lo scrittore/giornalista Sergio Ramazzotti. Mi ero così appassionata che prima l'ho imprestato a mio fratello e poi l'ho ricomprato perchè è un libro non solo da conservare ma anche da regalare agli amici per l'emozione che ti trasmette. Anch'io ho voluto provare le stesse emozioni, ma s'intende solo per quanto concerne il "Capo..."e ci sono andata, ripensando e ricorrendo ciò che avevo letto. Da allora sono diventata una Ramazzonista! e cerco in libreria cìò che esce . Vorrei conoscerlo di persona per esprimergli la mia ammirazione... chissà se un giorno capiterà?

  • User Icon

    Angelo Provenzano

    12/02/2008 08:36:41

    Un libro che mi ha emozionato, di uno scrittore/giornalista che non conoscevo, trovato per caso: mi e' piaciuto per l'assenza di conformismo,la sincerita' mentale, la capacita' di provare genuine emozioni con le persone incontrate per strada.Ramazzotti e' quella persona che amerei incontrare per strada.

  • User Icon

    Alessandro

    03/01/2008 22:17:26

    Ottimo libro.... Molto suggestivo nelle sue parti è in grado di renderti con la sua semplicità "ospite" in questo lungo viaggio.I suoi riferimenti storici sono ottimi insegnamenti per capire e comprendere l'Africa.Faccio i miei complimenti all'autore per il coraggio e per la sua testimonianza.

  • User Icon

    Cristina

    18/10/2007 10:45:10

    Semplicemente stupendo. Non può mancare nella propria libreria...

  • User Icon

    Fabio Cerretani

    02/10/2007 13:11:15

    Uno dei migliori libri di narrativa di viaggio che abbia mai letto. Ha il ritmo di un romanzo moderno, e come un romanzo moderno si divora. Magari sarà meno "profondo" di DARK STAR SAFARI di Paul Theroux (che compie lo stesso viaggio partenzo però dal Cairo anziché da Algeri), però è senza dubbio più leggibile, anche per i non amanti del genere.

  • User Icon

    Maunakea

    16/07/2006 22:33:39

    La prima edizione e' del 1996 ed il viaggio dello scrittore si e' svolto nel 1992, non perde comunque di attualita', è la seconda volta che leggo questo libro e, di sicuro, non l'ultima. Bellissimo riesce ad esser divertente coinvolgente, riflessivo, sorprendente, persino commovente, non e' un libro diretto a viaggiatori in cerca d'avventure ma uno spaccato di vita dei popoli africani oltreche' un libro di viaggio e un racconto di avventure, tutto in uno. Ma perche' Ramazzotti non ha nemmeno una finta di homepage uno straccettino di blog, qualsiasi cosa ??! :-) dateci qualcosa per esprimerci, perche' i suoi fan sono tanti. Ho qualche perplessita' sui libri ambientati in iraq, forse e' un argomento che c'e' venuto un po' a nausea, recuperero' comunque gli altri e quello appena uscito. Un rammarico e' l'assenza di foto, che pare fossero state allegate al racconto pubblicato sul giornale ma non nel libro. Un'edizione speciale a parte, corredata di foto secondo me sarebbe davvero ricercata. Di sicuro la comprerei.

  • User Icon

    Elena

    14/03/2006 15:40:15

    Consigliato a coloro che vogliono conoscere la vera faccia dell'Africa! La dura realtà africana, le scene di vita quotidiana e il sottile ottimismo che ha aiutato l'autore a portare a termine questa durissima ed emozionante impresa, cosi' definirei un viaggio lungo 13.000 km coi mezzi pubblici africani.

  • User Icon

    angela

    09/01/2006 10:46:53

    è un libro bellissimo, non riesco a staccarmene e, allo stesso tempo, lo sto centellinando. un viaggio straordinario, un'avventura infinita, un altro mondo. oltre a tutto questo, ramazzotti è un narratore d'eccezione. questo libro è un'esperienza, andrebbe letto nelle scuole.

  • User Icon

    Luca

    01/03/2005 22:26:03

    Se vi piacciono i libri di viaggi, questo è bellissimo! in assoluto il migliore che ho mai letto nella sua categoria! fa capire veramente come si vive in africa, nessuno può immaginarlo se nn ci è mai stato o non ha letto questo libro! l'autore scrive in modo molto bello infatti ho ordinato un'altro libro di ramazzotti, spero sia bello come questo!

  • User Icon

    Emilio

    14/01/2005 15:31:12

    Uno splendido resoconto di viaggio e un grande affresco dell'Africa che si muove. Un'avventura che trascina anche per il suo commovente spaccato su l'umanità dimenticata del popolo africano.

  • User Icon

    anna

    13/05/2004 13:11:22

    molto bello e ben scritto. commuove, sorprende e indigna allo stesso tempo.

  • User Icon

    A340-500

    27/03/2004 18:31:52

    La straordinaria complessità degli scenari attraversati invita a continuare a leggerlo per scoprirne di nuovi: provare per credere.

  • User Icon

    Davide

    22/09/2003 22:19:19

    Davvero un bel libro. Ho viaggiato parecchio, leggendolo, m asoprattutto a libro chiuso. E capisci e che l'Africa é una sola, ma sono anche tante Afriche. E quanto ci siamo persi nel nostro benessere.

  • User Icon

    Marco

    14/01/2001 17:50:32

    Ramazzotti attraversa da nord a sud l'Africa sfruttando solo i mezzi pubblici(aereo escluso)provando cosi' i disagi e le corruzioni che ogni giorno l'africano medio deve subire per spostarsi da un luogo all'altro,trovandosi non solo a "combattere" con le autorita' locali ma anche con coccodrilli, ladri e condizioni climatiche che lo costringono a "spingere" gli stessi mezzi pubblici da lui presi.Comunque un alto modo di vedere l'Africa

Vedi tutte le 16 recensioni cliente
  • Sergio Ramazzotti Cover

    È fotografo, reporter e scrittore. Ha vinto due volte il premio Enzo Baldoni per reportage da territori di guerra. Tra le sue pubblicazioni, i libri-reportage Vado verso il capo (1996), La birra di Shaoshan (2002) e Afrozapping (2006), tutti editi da Feltrinelli, e gli instant book Liberi di morire (Piemme, 2003) sulla guerra in Iraq e Ground Zero Ebola (Piemme, 2015) sull’epidemia di Ebola in Africa occidentale. È uno dei fondatori dell’agenzia fotogiornalistica internazionale Parallelozero. Nel 2019 ha pubblicato Su questa pietra (Mondadori 2019). Approfondisci
Note legali